Le rose di Atacama

Di

Editore: Guanda (Narratori della Fenice)

3.8
(1623)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 172 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: 888246847X | Isbn-13: 9788882468477 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Ilide Carmignani

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Le rose di Atacama?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il viaggio, il vagabondaggio per il mondo, è qui che si collocano le storieraccolte in questo libro. Lo scrittore narra le vicende di personaggi anonimie marginali incontrati per il mondo, uomini e donne che hanno in comune l'averfatto della propria vita una forma di resistenza. Un amico cileno che hadiretto la rivista Analisis, prima barricata della lotta contro Pinochet. Uncantante che ha partecipato alla Primavera di Praga. Un cameraman olandeseucciso dall'esercito del Salvador. Uomini che non hanno mai sperato di usciredai margini, ma che per una volta sono affiorati, con le loro storie, dal buiodell'oblio. Come le rose che, in un solo giorno dell'anno, ricoprono ildeserto di Atacama. Il libro è ripresentato con una nuova veste grafica.
Ordina per
  • 5

    Il titolo originale (historias marginales), meglio rende il centro e l'obiettivo dei brevi racconti di Sepulveda...narrare le vicende mai conosciute o dimenticate di piccoli eroi moderni con quella se ...continua

    Il titolo originale (historias marginales), meglio rende il centro e l'obiettivo dei brevi racconti di Sepulveda...narrare le vicende mai conosciute o dimenticate di piccoli eroi moderni con quella sensibilità irraggiungibile di un grande scrittore

    ha scritto il 

  • 3

    "Fanciulle in fiore e in minigonna degli anni settanta, ribelle nelle aule e nei costumi, sovversive dell'amore e delle idee, compagne nell'anima e nella speranza, con quanto orgoglio le contemplo, le mie eterne ragazze!"

    Una raccolta di racconti intrisi di vita vissuta, di racconti che hanno come protagonisti uomini e donne senza nome, provenienti da ogni parte del mondo e che hanno patito ogni tipo di tormento e talu ...continua

    Una raccolta di racconti intrisi di vita vissuta, di racconti che hanno come protagonisti uomini e donne senza nome, provenienti da ogni parte del mondo e che hanno patito ogni tipo di tormento e taluni sacrificato anche la loro esistenza in nome della liberta' e dei sentimenti.
    Le storie che piu' mi hanno colpita sono state quelle del piccolo Federico e delle due ragazze protagoniste dell'ultimo racconto "La bionda e la bruna".
    Storie che commuovono e che racchiudono un forte messaggio: la paura non puo' e non deve fermare la nostra vita.
    Anche se preferisco il Sepulveda "favolista" promuovo lo stesso a pieni voti questa raccolta.

    ha scritto il 

  • 3

    Le storie marginali di Sepúlveda, seppure con uno stile e un gusto molto diversi, ci ricordano il senso dei racconti di Raymond Carver: che anche nell'infinitamente piccolo, anche nel quotidiano e nel ...continua

    Le storie marginali di Sepúlveda, seppure con uno stile e un gusto molto diversi, ci ricordano il senso dei racconti di Raymond Carver: che anche nell'infinitamente piccolo, anche nel quotidiano e nel non-sensato (della vita reale, che è caotica e frammentata a differenza del pensiero, ordinato e iperrazionale) c'è ottima materia per la letteratura. E la letteratura, la scrittura, è il più maestoso e il più solido dei monumenti che l'uomo abbia imparato, nella sua Storia tortuosa e piena di vuoti di memoria, a erigere.
    Recensione completa al link: http://uominifuturi.blogspot.it/2016/03/le-storie-marginali-di-luis-sepulveda.html

    ha scritto il 

  • 3

    Le rose di Atacama è una raccolta di racconti di Luis Sepúlveda del 2000.
    Si compone di un insieme di trentacinque storie di uomini e di donne che hanno in comune la volontà di lottare per i propri id ...continua

    Le rose di Atacama è una raccolta di racconti di Luis Sepúlveda del 2000.
    Si compone di un insieme di trentacinque storie di uomini e di donne che hanno in comune la volontà di lottare per i propri ideali e di non piegarsi alle prepotenze. I luoghi ove si svolgono le storie narrate toccano tutti gli estremi della terra, dalla Patagonia alla Norvegia, dall'Argentina alla Russia, passando per i campi di sterminio nazisti e le prigioni di Pinochet, le terre lapponi e le isole dell'Adriatico. Tra i ritratti effettuati dall'autore, emergono l'indio dell'Amazzonia che discute del cosmo mentre utilizza i suoi amuleti, un poeta ebreo di Vilnius, un genovese che attraversa la pampa portandosi appresso solo una valigia di dischi, tutti accomunati da una passione vitale.
    Un libro che parla di uomini e animali che hanno fatto la differenza nel loro corso vitale, che hanno vissuto, che non si sono arresi, che credendo di essere dimenticati hanno impresso ancor di più il loro valore. Storie di uomini e animali valorosi, la storia dei gemelli Duarte, del sindacalista contadino Vidal, del valoroso Rose Bianche di Stalingrado, del cane Fernando, la storia romantica di Klaus Störtebecker, la storia di Tano E di tanti altri valorosi protagonisti dimenticati dalla storia, ma non dalla penna gentile e poetica, forse misericordiosa di Sepúlveda.

    ha scritto il 

  • 4

    Una raccolta di ritratti di personaggi marginali ma, a loro modo, straordinari. Immagini di una vita incredibile trascorsa in giro per il mondo, dall'Ecuador al Nicaragua, dal Mozambico alla Germania, ...continua

    Una raccolta di ritratti di personaggi marginali ma, a loro modo, straordinari. Immagini di una vita incredibile trascorsa in giro per il mondo, dall'Ecuador al Nicaragua, dal Mozambico alla Germania, dalla Spagna all'Argentina ma con sempre il Cile nel cuore e nell'anima e la sete di giustizia nel cervello.

    ha scritto il 

  • 3

    "Storie marginali"...gli eroi di cui la grande Storia non parla

    Non è un romanzo ma una raccolta di racconti. E' indicato magari per chi vuole leggere nei ritagli di tempo e non ama lasciare in sospeso una storia e quindi in poche pagine vuole conoscere tutto dall ...continua

    Non è un romanzo ma una raccolta di racconti. E' indicato magari per chi vuole leggere nei ritagli di tempo e non ama lasciare in sospeso una storia e quindi in poche pagine vuole conoscere tutto dall'inizio alla fine.

    Ma non soltanto: c'è chi apprezza il racconto come genere letterario al di là dalla disponibilità di tempo, io sono tra questi.

    Questa raccolta di racconti ha come filo conduttore l'eroicità delle persone normali, degli eroi di cui la grande Storia non parla, di chi ha lottato per un ideale spesso fino a dare la vita e non viene ricordato se non da pochi.

    Sepulveda con questo libro ha voluto dare voce a questi eroi sconosciuti e ai loro gesti di coraggio e di resistenza, spaziando nel tempo e nei luoghi, in scenari diversi tra loro...dalla seconda guerra mondiale alla dittatura di Pichet in Cile, passando per la Primavera di Praga.

    Uomini e donne che hanno creduto fermamente nel valore del bene comune, della libertà di pensiero e di azione, che non hanno avuto paura di testimoniarlo.

    Mi è piaciuta questa lettura, anche se non ho potuto fare a meno di notare che alcuni dei racconti sono davvero molto brevi, forse troppo. Cioè, avrei preferito che il libro contenesse magari qualche racconto in meno ma che fossero tutti lunghi a sufficienza per dare un minimo di respiro alla storia narrata.

    Ciò non toglie che ci siano pagine davvero commoventi ed emozionanti in questo libro, a partire dal prologo, intitolato significativamente "Storie marginali".

    ha scritto il 

  • 4

    "Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia".
    Con questa frase incisa sulla pietra in un campo di concentramento, Luis Sepulveda dà inizio a questa raccolta di brevi storie di eroi di tutti ...continua

    "Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia".
    Con questa frase incisa sulla pietra in un campo di concentramento, Luis Sepulveda dà inizio a questa raccolta di brevi storie di eroi di tutti i giorni, eroi marginali quanto importanti, personaggi incontrati in giro per il mondo e le cui storie meritano aver voce e di esser raccontate per dare esempio di lealtà e coraggio. Racconti toccanti e significativi, che fanno capire che nella vita è necessario restare sempre fedeli a sè stessi e non smettere mai di lottare, nonostante le difficoltà.

    ha scritto il 

  • 4

    Un fiore prezioso

    Con la consueta maestria, Sepùlveda tratteggia personaggi, luoghi e situazioni periferiche, sconosciute, marginali ("Historias marginales" è per l'appunto il titolo originale).
    Un piccolo, grande libr ...continua

    Con la consueta maestria, Sepùlveda tratteggia personaggi, luoghi e situazioni periferiche, sconosciute, marginali ("Historias marginales" è per l'appunto il titolo originale).
    Un piccolo, grande libro, un fiore prezioso come le straordinarie rose che danno il titolo alla traduzione italiana di questa raccolta.

    ha scritto il 

Ordina per