Le sfide di Babele

Insegnare le lingue nelle società complesse

Di

Editore: UTET Università

3.7
(78)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Altri

Isbn-10: 8877507608 | Isbn-13: 9788877507600 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Educazione & Insegnamento , Studio di Lingue Straniere , Filosofia

Ti piace Le sfide di Babele?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    I miei colleghi hanno molto apprezzato questo libro, io no.
    Sembra la trascrizione di una lezione incidentalmente trasformato in libro.
    Sorvolando sul tono abbastanza snob quando parlava dei vecchi me ...continua

    I miei colleghi hanno molto apprezzato questo libro, io no.
    Sembra la trascrizione di una lezione incidentalmente trasformato in libro.
    Sorvolando sul tono abbastanza snob quando parlava dei vecchi metodi di insegnamento (saranno stati schifosi, ma possiamo evitare giudizi di merito, no?), trovo che il vero problema sia la scarsa chiarezza del testo, gira intorno alle cose senza centrare il punto.
    Ovviamente è solo una valutazione soggettiva, io ci ho messo troppo tempo a finirlo, non mi è proprio piaciuto per la struttura, il tono, il modo di spiegare, ma nel complesso lo consiglio come testo iniziale per prendere confidenza con la glottodidattica, perché comunque ha un linguaggio semplice e racchiude i punti essenziali.

    ha scritto il 

  • 4

    Un manuale esaustivo e molto utile per chi si interessi di glottodidattica. Ha sicuramente colmato molte mie lacune, dando un supporto teorico a esperienze vissute in classe. C'è un po' di tutto, dall ...continua

    Un manuale esaustivo e molto utile per chi si interessi di glottodidattica. Ha sicuramente colmato molte mie lacune, dando un supporto teorico a esperienze vissute in classe. C'è un po' di tutto, dalla storia della glottodidattica alla descrizione dei diversi approcci, fino a vere indicazioni metodologiche e strategie per favorire l'acquisizione di certe strutture. Un libro che ogni insegnante di lingue dovrebbe tenere sullo scaffale (ops, io non lo sono ancora).

    ha scritto il 

  • 3

    La Torre di Babele sta crollando.

    E, considerato questo, converrebbe pensare al fatto che, magari, forse, fo un'ipotesi, le società dovrebbero essere rese, di nuovo, meno complesse. E un po' più attente a sé stesse, come primo inderog ...continua

    E, considerato questo, converrebbe pensare al fatto che, magari, forse, fo un'ipotesi, le società dovrebbero essere rese, di nuovo, meno complesse. E un po' più attente a sé stesse, come primo inderogabile dovere; verso sé stesse, appunto.

    ha scritto il 

  • 5

    da consultazione.
    davvero completo, molto dettagliato, esaustivo. indispensabile, sempre per gli addetti ai lavori.
    corpus, sillabo, curricolo, unità didattica con la scansione delle varie fasi, technic ...continua

    da consultazione.
    davvero completo, molto dettagliato, esaustivo. indispensabile, sempre per gli addetti ai lavori.
    corpus, sillabo, curricolo, unità didattica con la scansione delle varie fasi, techniche didattiche per lo sviluppo di ogni abilità, italiano come L2, escursus sui vari approcci, framework e molto altro ancora.
    consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    È la nuova edizione del famoso libro di Balboni. Un classico della glottodidattica, in cui l'autore descrive senza pesantezze i principi e le le metodologie per una didattica delle lingue efficace, in ...continua

    È la nuova edizione del famoso libro di Balboni. Un classico della glottodidattica, in cui l'autore descrive senza pesantezze i principi e le le metodologie per una didattica delle lingue efficace, inquadrando gli aspetti tecnici all'interno di una visione socio-antropologica della società interculturale. Uno studio molto attuale, che fa riflettere a lungo sulla metafora di Babele e sul vero significato dell'"intercultura", molto diverso da quello della "multicultura".

    ha scritto il