Le straordinarie avventure di Penthotal

Di

Editore: Rizzoli Milano Libri

4.4
(527)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 136 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817811157 | Isbn-13: 9788817811156 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Biografia , Fumetti & Graphic Novels , Adolescenti

Ti piace Le straordinarie avventure di Penthotal?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    I MOTI DEL ’77 A BOLOGNA RACCONTATI DA ANDREA PAZIENZA

    Il mio approfondimento su questo fumetto potete trovarlo nel blog Aeroplani di carta: http://aeroplanidicarta.altervista.org/consigli-viaggio/i-moti-del-77-bologna-nei-fumetti-di-andrea-pazienza/ ...continua

    Il mio approfondimento su questo fumetto potete trovarlo nel blog Aeroplani di carta: http://aeroplanidicarta.altervista.org/consigli-viaggio/i-moti-del-77-bologna-nei-fumetti-di-andrea-pazienza/

    ha scritto il 

  • 3

    Urlo di gioventù

    Il Pentothal è il siero della verità di Diabolik. Pazienza se lo spara tutto dritto in vena e si mette a nudo in una serie di tavole deliranti che ci regalano sprazzi di contestazione 77ina, intime de ...continua

    Il Pentothal è il siero della verità di Diabolik. Pazienza se lo spara tutto dritto in vena e si mette a nudo in una serie di tavole deliranti che ci regalano sprazzi di contestazione 77ina, intime debolezze, vanitose genialità. Di non facile lettura e comprensione, è un urlo di gioventù del più originale fumettista italiano di sempre.

    ha scritto il 

  • 5

    Lo avevo appena letto, ma adesso che la biblioteca di Repubblica me lo ripropone con commenti, testi inediti, interventi vari (Nicola Lagioia io ti vorrei sposare che scrivi sempre della critica lette ...continua

    Lo avevo appena letto, ma adesso che la biblioteca di Repubblica me lo ripropone con commenti, testi inediti, interventi vari (Nicola Lagioia io ti vorrei sposare che scrivi sempre della critica letteraria così meravigliosa sui miei autori preferiti!) non posso proprio resistere e lo rileggo. Mi aspettano altri diciannove sabati mattina molto molto felici!

    ha scritto il 

  • 4

    Tanta Pazienza

    A volte penso che la maturità sia solo un periodo concesso per colmare le lacune. E allora avanti, con uno dei miti indiscussi del fumetto italiano.
    Cosa dire? Una gioia per gli occhi, una sfida per l ...continua

    A volte penso che la maturità sia solo un periodo concesso per colmare le lacune. E allora avanti, con uno dei miti indiscussi del fumetto italiano.
    Cosa dire? Una gioia per gli occhi, una sfida per la mente. Sono lontano dalla sua epoca e dai suoi problemi, ma il suo contributo è innegabile.
    E poi, porca paletta, disegna da dio!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Paz!

    Libro difficile, non proprio il mio genere.
    Ma merita la lettura, Pazienza ha cambiato e non poco il fumetto italiano.
    Per capirlo a fondo andrebbe contestualizzato con il luogo e il periodo storico.
    ...continua

    Libro difficile, non proprio il mio genere.
    Ma merita la lettura, Pazienza ha cambiato e non poco il fumetto italiano.
    Per capirlo a fondo andrebbe contestualizzato con il luogo e il periodo storico.
    Uno dei pochi libri che riesce a trasmettermi un senso di ansia e angoscia costante!

    ha scritto il 

  • 3

    Non so bene perché ma Pazienza non mi ispirava per niente, e arrivare a fine lettura pensando di aver avuto ragione non mi soddisfa neanche un po’. Adesso come adesso io direi di avere tranquillamente ...continua

    Non so bene perché ma Pazienza non mi ispirava per niente, e arrivare a fine lettura pensando di aver avuto ragione non mi soddisfa neanche un po’. Adesso come adesso io direi di avere tranquillamente chiuso con questo autore. Senza astio, ma anche senza rimpianti. Non fa per me, è un genere forse troppo cervellotico per i miei gusti, senza una storia a far da collante tra le varie pagine, senza un filo conduttore a dare un senso a tutto. Qualche tavola che ho trovato gradevole c’era, ma nel complesso solo tanta noia.

    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/16963

    ha scritto il 

  • 2

    Autoreferenziale e superficiale

    Anarcoide, delirante e totalmente autoreferenziale, questa saga onirica ai limiti della comprensibilità gode di disegni straordinari e variegati, composti in stili diversissimi tra loro (anche se a vo ...continua

    Anarcoide, delirante e totalmente autoreferenziale, questa saga onirica ai limiti della comprensibilità gode di disegni straordinari e variegati, composti in stili diversissimi tra loro (anche se a volte citativi, vedi le tavole volutamente "à la Moebius"), che dimostrano il grandissimo talento di Pazienza già alle prime armi. Però la presunzione dell'autore lo induce a dichiarare apertamente che "in ognuna di queste tavole vi sono indicazioni sufficienti a fabbricare un paio di storie": peccato che non ne sviluppi neanche una, ma preferisca attorcigliarsi al proprio ombelico usando come sottofondo un '77 che non riesce mai ad emergere in maniera significativa, ma finisce invece a sembrare la macchietta di se stesso. Presunzione condivisa con molti altri disegnatori della sua epoca, convinti che il disegno bastasse a se stesso e che non vi fosse alcun bisogno di una sceneggiatura. Le conseguenze di questo atteggiamento si vedono, purtroppo, ancora oggi.

    ha scritto il 

  • 3

    Le straordinarie avventure di Pentothal (1977)

    Troppo onirico, che è un modo elegante di dire che ha una trama buttata un po' a caso, con riferimenti a persone e fatti che io non sono in grado di cogliere

    E mi domando cosa cerco
    (cosa cerco?)
    e mi ...continua

    Troppo onirico, che è un modo elegante di dire che ha una trama buttata un po' a caso, con riferimenti a persone e fatti che io non sono in grado di cogliere

    E mi domando cosa cerco
    (cosa cerco?)
    e mi domando cosa vuoi p.23

    Dove vorrei essere davvero non so... ho paura piuttosto di sapere dove 'dovrei' essere... è un po' un discorso di merda p.84

    ha scritto il 

Ordina per