Lezioni americane

Sei proposte per il prossimo millennio

Di

Editore: Garzanti Libri (Saggi Blu)

4.3
(4526)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 121 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Portoghese , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Svedese , Spagnolo

Isbn-10: 881159815X | Isbn-13: 9788811598152 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback , eBook

Genere: Educazione & Insegnamento , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Lezioni americane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"La "Leggerezza", la "Rapidità", l'"Esattezza", la "Visibilità", la "Molteplicità" dovrebbero in realtà informare non soltanto l'attività degli scrittori ma ogni gesto della nostra troppo sciatta, svagata esistenza."
Ordina per
  • 5

    La letteratura vive solo se si pone degli obiettivi smisurati, anche al di là di ogni possibilità di realizzazione. Solo se poeti e scrittori si proporranno imprese che nessun altro osa immaginare la ...continua

    La letteratura vive solo se si pone degli obiettivi smisurati, anche al di là di ogni possibilità di realizzazione. Solo se poeti e scrittori si proporranno imprese che nessun altro osa immaginare la letteratura continuerà ad avere una funzione. Da quando la scienza diffida dalle spiegazioni generali e dalle soluzioni che non siano settoriali o specialistiche la grande sfida per la letteratura è il saper tessere insieme i diversi saperi e i diversi codici in una visione plurima, sfaccettata del mondo. (p.123)

    ha scritto il 

  • 5

    Tra le molte virtù di Chuang-Tzu c'era l'abilità nel disegno. Il re gli chiese il disegno di un granchio. Chuag-Tzu disse che aveva bisogno di cinque anni di tempo e d'una villa con dodici servitori. ...continua

    Tra le molte virtù di Chuang-Tzu c'era l'abilità nel disegno. Il re gli chiese il disegno di un granchio. Chuag-Tzu disse che aveva bisogno di cinque anni di tempo e d'una villa con dodici servitori. Dopo cinque anni il disegno non era ancora cominciato. "Ho bisogno di altri cinque anni" disse Chuag-Tzu. Il re glieli accordò. Allo scadere dei dieci anni, Chuang-Tzu prese il pennello e in un istante, con un solo gesto, disegnò un granchio, il più perfetto granchio che si fosse mai visto. p. 62

    ha scritto il 

  • 5

    Calvino: uno Storyteller 2.0

    “La concisione è solo un aspetto del tema che volevo trattare, e mi limiterò a dirvi che sogno immense cosmologie, saghe ed epopee racchiuse nelle dimensioni d'un epigramma. Nei tempi sempre più conge ...continua

    “La concisione è solo un aspetto del tema che volevo trattare, e mi limiterò a dirvi che sogno immense cosmologie, saghe ed epopee racchiuse nelle dimensioni d'un epigramma. Nei tempi sempre più congestionati che ci attendono, il bisogno di letteratura dovrà pure puntare sulla massima concentrazione della poesia e del pensiero.”

    Riassumere o cercare di spiegare la grandezza di pensiero contenuta in questo libro, non è solo un’eresia in termini di godimento del testo, ma è anche un azzardo per il semplice fatto che il testo sembra far proprio il principio stesso della “Rapidità”, ovvero uno di quei principi che Calvino auspica per la letteratura del Nuovo Millennio. L’essenza di questo principio viene spiegata bene da Leopardi ne lo Zibaldone e citata dallo stesso Calvino: “La rapidità e la concisione dello stile piace perché presenta all’anima una folla d’idee simultanee, così rapidamente succedentisi, che paiono simultanee, e fanno ondeggiar l’anima in una tale abbondanza di pensieri, o d’immagini e sensazioni spirituali, ch’ella o non è capace di abbracciarle tutte, e pienamente ciascuna, o non ha tempo di restare in ozio, e priva di sensazioni”.
    La mia palese e incolmabile ignoranza di fronte all’elenco di opere citate nel testo da Calvino, non mi ha però impedito di esser travolta da “un’abbondanza di pensieri, immagini o sensazioni” che mi hanno fatto “ondeggiar l’anima”, in un intreccio che dal testo tesse relazioni con la “combinatoria di esperienze, informazioni, letture, immaginazioni” di cui è fatta la mia vita e la vita di ognuno, secondo il principio stesso della “Molteplicità” di cui Calvino è nel testo portavoce.
    Calvino profetizza il futuro della letteratura e ne diventa contemporaneamente precursore, ammiccando alle short stories e ad uno stile di scrittura breve, conciso, ma non per questo identificabile come forma letteraria di scarso valore.

    Chissà se qualcuno avrà ancora da ridire sulla funzione e la virtù della letteratura digitale e sul lavoro degli Storyteller nell’era tecnologica! Lezioni americane dovrebbe essere la Bibbia di ogni buon Copywriter!

    ha scritto il 

  • 5

    Una lezione di letterature comparate in 142 pagine

    Mi pento amaramente di aver letto questo libro così tardi, a 26 anni, avrei dovuto farlo molto prima. Calvino, spesso bollato come "semplice", qui spiega tutte le proprie scelte letterarie, mostrandos ...continua

    Mi pento amaramente di aver letto questo libro così tardi, a 26 anni, avrei dovuto farlo molto prima. Calvino, spesso bollato come "semplice", qui spiega tutte le proprie scelte letterarie, mostrandosi anche esperto di letterature comparate, con collegamenti incredibili, come quello fra Newton e Leopardi. Un libro meraviglioso che non dovrebbe mai mancare nella libreria di casa, da leggere e rileggere più volte nella vita.

    ha scritto il 

  • 5

    Da queste lezioni traspare evidente tutto l'amore di Calvino per la letteratura e in particolare la narrativa. Un amore viscerale e soprattutto contagioso. Alla fine di queste 100 pagine la pila dei l ...continua

    Da queste lezioni traspare evidente tutto l'amore di Calvino per la letteratura e in particolare la narrativa. Un amore viscerale e soprattutto contagioso. Alla fine di queste 100 pagine la pila dei libri "da leggere" è maledettamente cresciuta; e non solo, anche la coda delle riletture è aumentata, per ritrovare gli spunti preziosi che Calvino ci suggerisce.

    ha scritto il 

  • 5

    in un paese che da un decennio circa ha scoperto i corsi di creative writing cominciano già ad abbondare i manuali su come scrivere: ma noi avevamo già questa raccolta di 5+1 lezioni, uscito parecchio ...continua

    in un paese che da un decennio circa ha scoperto i corsi di creative writing cominciano già ad abbondare i manuali su come scrivere: ma noi avevamo già questa raccolta di 5+1 lezioni, uscito parecchio prima che scoppiasse la moda dei "consiglia giovani scrittori", è opera di un fuoriclasse della letteratura italiana ed oltre a spiegare per bene un'intera visione della letteratura ti fa venir voglia di recuperare parecchi altri libri.
    (e scende una lacrima a legger quella riga sul progetto di scrivere un'autobiografia: chissà cosa avrebbe potuto essere...)

    ha scritto il 

  • 3

    Proposte

    I grandi scrittori a venire (se mai ne nasceranno ancora) saranno tanto più grandi quanto NON seguiranno i consigli di nessuno, ché "saper scrivere" non lo s'impara ma lo si scopre, o non lo si scopre ...continua

    I grandi scrittori a venire (se mai ne nasceranno ancora) saranno tanto più grandi quanto NON seguiranno i consigli di nessuno, ché "saper scrivere" non lo s'impara ma lo si scopre, o non lo si scopre mai.

    ha scritto il 

  • 5

    Grazie, Calvino, per avermi fatto apprezzare i molteplici valori della letteratura.

    Aprite il libro e immaginate di trovarvi in un'aula magna, ad attendere la conferenza di un uomo distinto, uno scrittore illustre, quale era Calvino, e lasciatevi stupire dalla sua vastissima cultura, ...continua

    Aprite il libro e immaginate di trovarvi in un'aula magna, ad attendere la conferenza di un uomo distinto, uno scrittore illustre, quale era Calvino, e lasciatevi stupire dalla sua vastissima cultura, dal linguaggio forbito, e dalla sua grande, meravigliosa, sensibilità. In effetti, sarebbe dovuta andare così: Calvino avrebbe dovuto tenere queste lezioni alla Harvard University. E' un vero peccato che ciò non sia avvenuto, ed è un vero peccato che la sesta e ultima lezione sia rimasta incompiuta.
    Importante è tenere una matita o un evidenziatore a portata di mano, e ogni volta che vorrete segnare le parole che scorrono sulla pagina, sarà come interrompere la conferenza con un forte, sentito, applauso.

    Ogni lezione contiene molti riferimenti a opere ed autori di tutte le nazionalità, spaziando dal Medioevo ai contemporanei. Non mancano i riferimenti scientifici, i numeri, l’universo, le forme e le simmetrie, perché Calvino amava “ficcare il naso” in libri scientifici “alla ricerca di stimoli per l’immaginazione”. Ogni lezione ha qualcosa di unico, illuminante.
    Assolutamente indispensabile a un aspirante scrittore, imperdibile per gli amanti della letteratura.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per