Los juegos del hambre

By

Publisher: Molino

4.3
(14601)

Language: Español | Number of Pages: 223 | Format: eBook | In other languages: (other languages) English , Catalan , Chi traditional , Italian , German , Chi simplified , Portuguese , Swedish , Dutch , Basque , French , Finnish , Korean , Danish , Polish , Turkish , Czech , Greek , Russian

Isbn-10: 842720020X | Isbn-13: 9788427200203 | Publish date: 

Translator: Pilar Ramírez Tello

Also available as: Paperback , Library Binding , Others , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Los juegos del hambre ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 0

    In un futuro prossimo il continente Nord Americano è diviso in distretti che fanno riferimento ad un'unica metropoli all'avanguardia, Capitol City. Nei distretti periferici fame e povertà sono all'ord ...continue

    In un futuro prossimo il continente Nord Americano è diviso in distretti che fanno riferimento ad un'unica metropoli all'avanguardia, Capitol City. Nei distretti periferici fame e povertà sono all'ordine del giorno e tutto e tutti sono continuamente sotto controllo. Ogni anno due adolescenti per distretto si ritrovano a lottare all'interno di una gigantesca arena fino alla sopravvivenza di un solo vincitore. Ogni anno si esigono dei sacrifici umani.
    Katniss, la protagonista del romanzo, cacciatrice illegale, si offre volontaria per salvare a sorella, estratta a sorte. Comincia così la sua avventura, a metà tra gladiatori dell'Impero Romano e protagonisti di un reality show.
    A Capitol City tutto sembra finto ed effimero, ma la morte dei concorrenti è l'unica cosa certa.
    Il romanzo scorre velocemente, senza veri colpi di scena e con intrecci abbastanza prevedibili, ma si fa gustare fino in fondo e ci fa appassionare alle sorti della nostra eroina.

    said on 

  • 4

    Non chiamatela distopia

    Questo libro ci proietta in un futuro prossimo e neppure poi cosí incredibile: il reality a cui sono costretti a partecipare 24 ragazzi della nazione non é poi cosí differente dai reality attuali. E´ ...continue

    Questo libro ci proietta in un futuro prossimo e neppure poi cosí incredibile: il reality a cui sono costretti a partecipare 24 ragazzi della nazione non é poi cosí differente dai reality attuali. E´ un meccanismo crudele, spietato, che non lascia spazio a sentimenti spontanei ma solo a quelli che vanno bene per l'audience, dove tutti i personaggi sono inevitabilmente manipolati da chi detiene il potere.
    Un bel romanzo, avvincente e che fa riflettere, ma che lascia un po' di curiositá su come funziona questa misteriosa societá di cui per il momento l'autrice parla solo a sprazzi.

    said on 

  • 4

    Pues en una noche de insomnio lo he empezado y acabado. Temía que me fuera a decepcionar, como los de Crepúsculo o Memorias de Idhun, pero no, el libro está muy bien, aventuras y caracteres que no son ...continue

    Pues en una noche de insomnio lo he empezado y acabado. Temía que me fuera a decepcionar, como los de Crepúsculo o Memorias de Idhun, pero no, el libro está muy bien, aventuras y caracteres que no son planos y que enganchan (aunque no enganchan tanto como para haberme mantenido despierta toda la noche, el insomnio no sé a qué causas atribuirlo, el libro me ha ayudado a que al menos las horas no se me hicieran eternas) Continuaré leyendo la trilogía, espero que no me decepcione.

    said on 

  • 5

    Mi sento un po' in difficoltà a valutare il libro appena terminato dato che, come al solito, non posso fare a meno di vedere le cose da diverse prospettive.
    Nello specifico di questa lettura, sono com ...continue

    Mi sento un po' in difficoltà a valutare il libro appena terminato dato che, come al solito, non posso fare a meno di vedere le cose da diverse prospettive.
    Nello specifico di questa lettura, sono combattuta tra il migliore e il peggiore giudizio permesso da aNobii.
    Intanto devo premettere che il gruppo dei miei "mi piace" va dagli unicorni e narvali ai pensieri sui massimi sistemi... Se da un lato ammetto di aver passato ogni minuto libero degli ultimi cinque giorni con il libro in mano e divorata dalla foga di terminarlo, dall'altro mi rendo conto che tutta l'introspezione e la caratterizzazione profonda della storia mi sono mancate moltissimo.
    Nel complesso, penso di non aver fatto in tempo ad affezionarmi a nessuno dei personaggi e di essermi trovata un po' distante da ciò che stava succedendo dato che di molti avvenimenti venivano dati solo pochi cenni... Non dico che si debba essere per forza prolissi ma non si può nemmeno fare i tirchi con le parole!
    Ma poi penso che, forse, sia stata proprio questa la particolarità che mi ha permesso di far lavorare molto più intensamente il cervello e di sentirmi colpita da tutto ciò che l'autrice non ci ha detto.
    Quindi che fare? 5 o zero stelle?
    Dai, oggi voglio far pendere l'ago della bilancia sulle cose positive e ricordarmi questa avventura come un perfetto momento di relax!

    said on 

  • 4

    Sorprendente

    Avendo già visto il film e non essendone stata entusiasta per niente, ero un po' scettica. Il libro però è molto bello, si legge con scioltezza ed i personaggi sono molto ben delineati (enormemente di ...continue

    Avendo già visto il film e non essendone stata entusiasta per niente, ero un po' scettica. Il libro però è molto bello, si legge con scioltezza ed i personaggi sono molto ben delineati (enormemente di più rispetto al film dove sono raffigurati in modo troppo semplicistico). Inoltre non viene introdotto il personaggio di Seneca che invece c'è nel film e questo è un bene visto che lascia ancora più nell'indeterminato la classe che si trova al potere di questo stato distropico.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Un inizio di una nuova passione

    Ho visto il film, tratto da questo libro, per puro caso e da lì ho iniziato a leggere la trilogia, poi è venuto il momento di Divergent ed infine di Maze Runner.
    E' iniziata così per me l'era dei libr ...continue

    Ho visto il film, tratto da questo libro, per puro caso e da lì ho iniziato a leggere la trilogia, poi è venuto il momento di Divergent ed infine di Maze Runner.
    E' iniziata così per me l'era dei libri di "fantascienza/futuristici".
    Devo dire che queste tre collane hanno alcuni elementi molto simili fra loro, il che li rende quasi confondibili, se uno si mette a leggerli nello stesso momento.
    H. G. , il primo libro della trilogia, ti risucchia in questo vortice di mondo inquietante, nel quale le persone vivono in distretti e si ritrovano in una sorta di tirannia dettata da Capitolcity.
    Non può che esserci sdegno nel lettore che si ritrova per la prima volta a sapere che ogni anno vengono prelevati due tributi per ogni distretto, e questi ultimi si ritroveranno tutti assieme in un arena a combattersi fra di loro.
    Una sorta di Isola dei famosi ma molto più trucida xD
    Infatti sono seguiti per tutto il tempo da videocamere e tutti gli abitanti di capitolcity si trovano incollati allo schermo per seguire le vicende dei giovani.
    Una lotta all'ultimo sangue, perchè ...sì ne deve rimanere UNO solo di vincitore e per vincere deve far fuori tutti i suoi compagni... Almeno è sempre stato così sino a questi Hunger Games...

    Katniss una grandissima protagonista che si offre volontaria per salvare la vita della sorella Primrose, ma che, per me viene un pò offuscata dal personaggio Peeta, troppo amorevole ed altruista, sarebbe stato un perfetto protagonista al posto della Everdeen.
    Buona lettura.
    .:Weird:.

    said on 

  • 4

    Una storia crudele e dal ritmo serrato. Questo primo capitolo della ormai famosissima trilogia mi ha convinto soprattutto per la costruzione del terribile mondo in cui vivono i protagonisti del romanz ...continue

    Una storia crudele e dal ritmo serrato. Questo primo capitolo della ormai famosissima trilogia mi ha convinto soprattutto per la costruzione del terribile mondo in cui vivono i protagonisti del romanzo. Originale l'idea del gioco per televisione tutto atto a carpire le menti di milioni di sottoposti che, impossibilitati alla ribellione, assistono sgomenti alle morti dei loro ragazzi. Non troppo originali, invece, le dinamiche dei tre protagonisti che vanno verso l'ormai abusato triangolo sentimentale. Curioso comunque di sapere come continuerà la storia di Panem e dei suoi distretti.

    said on 

  • 5

    Assolutamente il migliore della saga.

    Il migliore della saga, non affatto per adolescenti come è indicato sui consigli di lettura e quant'altro.
    Angosciante, avvincente.
    Mi è decisamente piaciuto, altrimenti non avrei continuato e letto a ...continue

    Il migliore della saga, non affatto per adolescenti come è indicato sui consigli di lettura e quant'altro.
    Angosciante, avvincente.
    Mi è decisamente piaciuto, altrimenti non avrei continuato e letto anche gli altri due.
    I momenti nell'arena son sicuramente i migliori e il finale era alquanto inaspettato, perchè si aprivano davanti una serie di scenari diversi e diversi ending possibili, tra i quali quello scelto non era affatto banale.

    said on 

Sorting by
Sorting by