Los que van a morir te saludan

By

Publisher: Siruela

3.2
(1878)

Language: Español | Number of Pages: 190 | Format: Softcover and Stapled | In other languages: (other languages) French , German , Italian , Portuguese

Isbn-10: 8478445943 | Isbn-13: 9788478445943 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Mass Market Paperback , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Los que van a morir te saludan ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Claudio, Tiberio y Nerón son tres estudiantes franceses que viven en Roma. Claudio es un chico mimado, egoísta, tierno y mujeriego; Tiberio, el huérfano, el más guapo y brillante de los tres, es un apasionado del latín clásico; Nerón es amoral, esteta y se peina a la antigua. Juntos conforman un grupo curioso, divertido y entrañable. En pleno mes de junio se ven inmersos en una aventura frenética, que conmueve los pilares de sus vidas y pone en entredicho su amistad. Henri Valhubert, coleccionista de arte parisino ?y padre de Claudio?, es asesinado una noche de fiesta delante del palacio Farnesio, entre antorchas y muchedumbres ebrias. ¿Qué venía a hacer a Roma? ¿Y cómo ha podido beber una copa de cicuta? Al mismo tiempo, se descubre que unos valiosísimos dibujos de Miguel Ángel han sido robados de la Biblioteca Vaticana. ¿Tiene el crimen algo que ver con estas extrañas desapariciones?
Sorting by
  • 1

    Il romanzo è deludente, anche se lo spunto dei tre amici con i nomi di tre imperatori (Tiberio, Claudio e Nerone) sembrava promettere bene. Invece purtroppo è veramente un romanzo acerbo dell'autrice ...continue

    Il romanzo è deludente, anche se lo spunto dei tre amici con i nomi di tre imperatori (Tiberio, Claudio e Nerone) sembrava promettere bene. Invece purtroppo è veramente un romanzo acerbo dell'autrice di successo che ha saputo creare un commissario come Adamsberg. Qui i dialoghi sono inconcludenti, i personaggi bidimensionali perchè non hanno spessore, anzi sono quasi fastidiosi.

    said on 

  • 3

    Qui non c'è il commissario Adamsberg, lo stralunato poliziotto che ha resa famosa la Vargas.
    Qui ci sono una donna bellissima e piena di misteri, dei quali in realtà si cura poco, tre imperatori roman ...continue

    Qui non c'è il commissario Adamsberg, lo stralunato poliziotto che ha resa famosa la Vargas.
    Qui ci sono una donna bellissima e piena di misteri, dei quali in realtà si cura poco, tre imperatori romani, un Michelangelo rubato, un questurino nostrano coi suoi pregi e i suoi difetti, un agente speciale che perde la sua capacità di giudizio di fronte a un amore mai morto e un vescovo talmente bello da sembrare peso di peso da Uccelli di rovo.
    Chi è il colpevole di due efferati delitti? A quale assassino porta la traccia del Michelangelo rubato?
    Libro divertente e ben scritto, anche se a volte un po' forzato, con personaggi troppo sopra le righe, anche per la creatrice di Adamsberg.

    said on 

  • 4

    Della Vargas ho letto tutto Adamsberg e questo è certamente un romanzo d'esordio ma mi ha molto divertita. È scritto bene e nei personaggi si riescono a riconoscere tratti che diventeranno distintivi ...continue

    Della Vargas ho letto tutto Adamsberg e questo è certamente un romanzo d'esordio ma mi ha molto divertita. È scritto bene e nei personaggi si riescono a riconoscere tratti che diventeranno distintivi in Adamsberg in primis ma anche nei tre evangelisti. Ho trovato i tre imperatori deliziosi.

    said on 

  • 3

    Carino. Lo rileggo, stavolta in francese, dopo qualche anno, e mi piace ancora questo giallo degli inizi. Non è al livello delle opere scritte negli anni seguenti, ma è divertente. Risulta interessant ...continue

    Carino. Lo rileggo, stavolta in francese, dopo qualche anno, e mi piace ancora questo giallo degli inizi. Non è al livello delle opere scritte negli anni seguenti, ma è divertente. Risulta interessante anche per come vi si trovano in nuce alcune caratteristiche sviluppate poi nei romanzi successivi in altri personaggi.

    said on 

  • 2

    Il secondo romanzo di Fred Vargas, a mio parere uno stile di scrittura ancora troppo ingenuo, un punto di partenza per arrivare ai suoi lavori più completi. La mancanza di Adamsberg si sente ma ad una ...continue

    Il secondo romanzo di Fred Vargas, a mio parere uno stile di scrittura ancora troppo ingenuo, un punto di partenza per arrivare ai suoi lavori più completi. La mancanza di Adamsberg si sente ma ad una lettura attenta non sfuggono certi particolari ripresi nei romanzi successivi. Un discreto "work in progress" di cui si può anche fare a meno.

    said on 

  • 3

    Scrittrice originale, tesse una trama ben congegnata, e anche ben sviluppata, con una buona caratterizzazione dei personaggi, specialmente i tre giovani amici

    said on 

  • 3

    Dopo aver letto altri libri della stessa autrice che mi sono piaciuti un sacco, sono partita con questa lettura con aspettative alte. Beh diciamo che sono rimasta colpita a metà. La trama in sé non è ...continue

    Dopo aver letto altri libri della stessa autrice che mi sono piaciuti un sacco, sono partita con questa lettura con aspettative alte. Beh diciamo che sono rimasta colpita a metà. La trama in sé non è male anzi mi attirava molto, però sono rimasta un po’ delusa dal commissario Ruggieri, me lo aspettavo un po’ simile ad Adamsberg ( altro commissario della Vargas) e invece mi sono ritrovata alle prese con un uomo si ben descritto ma a tratti mi sembrava un po’ troppo superficiale. So che non è giusto fare il paragone tra due personaggi che compaiono in libri diversi però se da una parte abbiamo un commissario con la testa tra le nuvole che però ragiona benissimo, dall altra abbiamo uno che la testa a volte se la dimentica a casa…

    said on 

  • 2

    l'omicidio di un esperto d'arte, un gruppo di amici, il passato che torna a presentare il conto e un misterioso disegno di Michelangelo. tanti spunti ma poca sostanza. deludente.

    said on 

  • 2

    intrecci e strecci

    un romanzo particolare, dove l'attenzione passa a dei ragazzi-imperatori un pò fuori di testa, alla libreria Vaticana ricca di tesori e trafugata, a degli amori passionanali che si intravedono ma non ...continue

    un romanzo particolare, dove l'attenzione passa a dei ragazzi-imperatori un pò fuori di testa, alla libreria Vaticana ricca di tesori e trafugata, a degli amori passionanali che si intravedono ma non vengono approfonditi. ogni volta si pensa ad una soluzione dell'inchiesta che viene puntualmente smentita. un bel fare e disfare

    said on 

Sorting by