Marcovaldo

ovvero le stagioni in città

Di

Editore: Giulio Einaudi editore

4.0
(8068)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 151 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Spagnolo , Francese , Danese , Portoghese

Isbn-10: 8806027530 | Isbn-13: 9788806027537 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Copertina rigida , CD audio , eBook

Genere: Educazione & Insegnamento , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Marcovaldo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Non mi ricordo neanche quanto tempo fa l'avevo letto. Di certo qualcosa alle medie mi avevano proposto, ma sono stata felice di riprenderlo in mano perchè lo avevo completemente rimosso. A ben guardar ...continua

    Non mi ricordo neanche quanto tempo fa l'avevo letto. Di certo qualcosa alle medie mi avevano proposto, ma sono stata felice di riprenderlo in mano perchè lo avevo completemente rimosso. A ben guardare, questo libro dallo stile solo apparentemente semplice (provate voi a scrivere con una tale proprietà e ricchezza di linguaggio) non è per niente apprezzabile dagli adolescenti e giù di lì. Marcovaldo non ha niente di straordinario, e non fa niente di straordinario; magari fa cose un po' bizzarre, come andare in giro con una pianta sulla bici, o dormire in un parco pubblico, o seguire i gatti a ora di pranzo, o provare l'incontenibile desiderio di rubare conigli. Non c'è un intreccio che lascia col fiato sospeso, di lui ricaviamo ben poco: ha molti figli e una moglie molto brontolona, e di soldi in casa ce ne sono pochi. E' però la sua grande sensibilità che ci conquista a poco a poco e che fa di lui un uomo diverso dagli altri: la sua attenzione alla natura, la sua bontà d'animo, la sua generosità, la sua arrendevolezza nel doversi adattare alla città sognando la campagna. Il fatto che me lo ha fatto amare, poi, è la nota amara di chiusura dele sue avventure.Ho tralasciato il peso pedagogico con cui me lo presentarono alle medie, anche la lettura marxista di critica alla città industriale, che pure ho riconosciuto, e mi sono goduta quest'uomo mite e sensibile.

    ha scritto il 

  • 5

    Lessi questo libro per la prima volta alle scuole medie e me ne innamorai. Il senso di fallimento e impotenza che mi trasmetteva era come una sorta di nutrimento per il mio spirito ribelle di allora. ...continua

    Lessi questo libro per la prima volta alle scuole medie e me ne innamorai. Il senso di fallimento e impotenza che mi trasmetteva era come una sorta di nutrimento per il mio spirito ribelle di allora. Lo rilessi nuovamente un pomeriggio di alcuni mesi fa e sono felice di affermare che la magia legata a questo libro rimane la medesima. Trama tragicomica, da divorare capitolo dopo capitolo.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho iniziato ascoltando in auto l'audiolibro con 4 racconti letti da Marco Paolini ( imperdibile!!) e mi è venuta voglia di rileggere gli altri racconti che ricordavo vagamente: più che altro ricordavo ...continua

    Ho iniziato ascoltando in auto l'audiolibro con 4 racconti letti da Marco Paolini ( imperdibile!!) e mi è venuta voglia di rileggere gli altri racconti che ricordavo vagamente: più che altro ricordavo il piacere che avevo provato leggendoli anni fa. Una riscoperta che mi ha rallegrato e intenerito per un paio di sere e che consiglio a tutti. E consiglio di ascoltare come legge i quattro racconti disponibili Marco Paolini!!!

    ha scritto il 

  • 5

    Mi è piaciuta questa lettura. E' un libro per grandi e per piccoli. Mi piace la figura di Marcovaldo, un padre di famiglia, un lavoratore. 20 storie . Una storia che mi è piaciuta molto è quella dell ...continua

    Mi è piaciuta questa lettura. E' un libro per grandi e per piccoli. Mi piace la figura di Marcovaldo, un padre di famiglia, un lavoratore. 20 storie . Una storia che mi è piaciuta molto è quella delle api e quella del supermercato. Si nota in questi racconti lo stato di povertà di Marcovaldo e della sua famiglia. Racconti che parlano di vita vera, si cerca di mettere in luce la vita in città e alla ricerca di un po' di natura anche in città..Libro che ha anche uno stile scherzoso.

    ha scritto il 

  • 4

    Micro racconti che compongono un universo, quello di Marcovaldo e della città (immaginaria ma non troppo) in cui abita. Calvino è un poeta della semplicità: lo dimostrano i dialoghi che animano le sto ...continua

    Micro racconti che compongono un universo, quello di Marcovaldo e della città (immaginaria ma non troppo) in cui abita. Calvino è un poeta della semplicità: lo dimostrano i dialoghi che animano le storie, il linguaggio scorrevole e lineare, le immagini che dipinge, le morali e i messaggi dietro i racconti. Un piacere senza precedenti.

    ha scritto il 

  • 5

    Marcovaldo

    Questo libro è una simpaticissima quanto profonda raccolta di novelle e prende il nome dal protagonista, Marcovaldo.
    La struttura del libro fa riferimento alle quattro stagioni, a ciascuna delle qua ...continua

    Questo libro è una simpaticissima quanto profonda raccolta di novelle e prende il nome dal protagonista, Marcovaldo.
    La struttura del libro fa riferimento alle quattro stagioni, a ciascuna delle quali sono collegate cinque novelle.
    Il libro parla delle avventure/disavventure di Marcovaldo, un manovale sempre al verde, che lavora per la Sbav. Egli è un uomo, come molti altri nel suo periodo, che si vede costretto a dover emigrare in una cittá per trovare lavoro, probabilmente Torino, che, però, lo opprime.
    Ha una famiglia molto numerosa: la moglie Domitilla e i cinque figli, che vivono in una minuscola casa e conducono una vita monotona e piena di stenti.
    È alla continua ricerca di segni della "natura dentro la cittá", ma quasi sempre si rivelerá una battaglia persa.
    L'opera di Calvino ha quindi lo scopo di far sorridere il lettore, ma allo stesso tempo fare una critica feroce alla società industriale e al consumismo.
    In conclusione posso affermare che Marcovaldo è un libro scorrevole e di facile lettura, adatta a lettori di qualsiasi gusto ed etá

    ha scritto il 

  • 4

    Quando la città e la natura s'incontrano nasce la tenerezza.

    Calvino a me piace perchè è un autore capace di suscitare nel lettore un sentimento che al giorno d'oggi si è un po' perso: la tenerezza.
    Non avevo mai letto "Marcovaldo", nè alle elementari, nè alle ...continua

    Calvino a me piace perchè è un autore capace di suscitare nel lettore un sentimento che al giorno d'oggi si è un po' perso: la tenerezza.
    Non avevo mai letto "Marcovaldo", nè alle elementari, nè alle medie, e so che molti l'hanno conosciuto così. Io invece lo incontro a ventiquattro anni, ma penso sia stato il momento giusto, perchè sono riuscita a vederlo con degli occhi quasi adulti: ho provato tenerezza per quel pover'uomo, sempre intento a trovare qualcosa di meraviglioso nella vita monotona che conduceva, pronto ad abbandonare la città ed i suoi rumori industriali per seguire un treno invisibile che porta altrove, pieno di gioia nel far crescere una pianta, o nel far stupire i propri bambini. Io adoro le città -e penso, sotto sotto, piacessero anche a Calvino, altrimenti non ci avrebbe scritto un intero libro a riguardo!- ma quello che l'autore ha cercato di fare in questo breve romanzo è stato far fondere un affollato centro abitato con la natura allo stato brado. Penso l'abbia fatto meravigliosamente. Devo ammettere che non è il libro più bello che ha scritto, ma senz'altro lascia un segno, un lieve sorriso, una lacrima incastonata tra le palpebre.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per