Matilde

Di

Editore: Salani

4.4
(4149)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Chi tradizionale , Basco , Catalano , Tedesco , Olandese , Galego , Portoghese , Ceco

Isbn-10: A000060056 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Matilde?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    I primi capitoli sono davvero uno spettacolo: se l'avessi letto da piccola sarei davvero impazzita un po' come per "Le Streghe". Solo che in questo caso mi ha tenuta lontano una sorta di idiosincrasia ...continua

    I primi capitoli sono davvero uno spettacolo: se l'avessi letto da piccola sarei davvero impazzita un po' come per "Le Streghe". Solo che in questo caso mi ha tenuta lontano una sorta di idiosincrasia verso il film che già da bambina proiettavo anche sul libro. Colpa di Danny De Vito? Della bambina sotuttoio presente anche ne "Miracolo nella 34a strada"?! Non so, fatto sta che ho recuperato.
    Davvero una storia senza età.

    ha scritto il 

  • 5

    Un Dahl pazzesco!

    Ho trovato questo romanzo straordinario! Il pensiero più ricorrente, mentre scorrevo le pagine, è stato " Quanto avrei desiderato leggere questo libro da piccola?". Sono certa che mi avrebbe aperto un ...continua

    Ho trovato questo romanzo straordinario! Il pensiero più ricorrente, mentre scorrevo le pagine, è stato " Quanto avrei desiderato leggere questo libro da piccola?". Sono certa che mi avrebbe aperto uno spiraglio di comprensione verso aspetti che all'epoca mi erano ostici o parecchio confusionari.
    Matilde incarna un modello istruttivo e culturale, insegna quanto la cultura renda liberi e come le capacità intellettive non siano solo frutto di una disciplina alla didattica ma siano una propensione innata, che si possiede o sfortunatamente non si possiede. Certamente l'educazione e il contesto familiare in cui si cresce è importante nell'ambito della formazione culturale ma non fondamentale, e Matilde ne è l'esempio. Per lei tutto è semplice e spontaneo, in quanto bambina prodigio, ma per i comuni mortali il voler raggiungere un'attitudine allo studio, con il fardello di doverlo affrontare da soli senza l'appoggio dei familiari, è un'impresa assai ardua e, alle volte, scoraggiante.
    Solo chi è mosso da una motivazione seria può reagire alle difficoltà, solo chi ha dedicato costanza, passione, tenacia e sacrificio può sentirsi fiero si se stesso e del bagaglio culturale acquisito!

    ha scritto il 

  • 4

    Lettura piena d'insegnamenti, educativa

    Ritrovato questo libro tra gli scatoloni della cantina, ben conservato assieme ad altri. La protagonista mi ha fatto rivivere le storie di Luca, un mio pronipote, che ha subito quasi le stesse vicende ...continua

    Ritrovato questo libro tra gli scatoloni della cantina, ben conservato assieme ad altri. La protagonista mi ha fatto rivivere le storie di Luca, un mio pronipote, che ha subito quasi le stesse vicende anche se in modo diverso e con un finale simile. Intelligenza che si scontra con l'ignoranza, l'egoismo con l'abbandono del figli. Pare che la morale voglia dire di non pensare solamente a se stessi, ma anche agli altri.

    ha scritto il 

Ordina per