Micro

By ,

Publisher: Harper Collins

3.5
(392)

Language: English | Number of Pages: 464 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Dutch , Chi traditional , Italian , German , Portuguese , French

Isbn-10: 0062091417 | Isbn-13: 9780062091413 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , eBook , Audio CD , Others

Category: Fiction & Literature , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Micro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    I can never have enough of Crichton’s novels, so full of technological preaching and nerdy facts among all the action, and with a sour look over the progress of technology, according to the author so ...continue

    I can never have enough of Crichton’s novels, so full of technological preaching and nerdy facts among all the action, and with a sour look over the progress of technology, according to the author so likely to wreak havoc in the near future.
    So I resorted to buy also this hefty, posthumous collaboration. After all, I had loved “The Incredible Shrinking Man” and his endless battle against the spider; I had felt one of the castaways in “Of men and monsters”, fighting the gigantic alien invaders; and how to forget Asimov’s “Fantastic Voyage”?
    Did you ever wonder about differences between a 🐛centipede and a millipede 🐛 , or between spiders and their cousins Opiliones ( in American, "daddies longlegs")? Which are dangerous, which are not? Well, I did, and got my fill of infodump here, as well as about hormones, poisons, toxins and anti-toxins of insects.
    Lured by a ruthless venture capitalist, then unwillingly shrunk to the size of a gnat and dumped onto a patch of tropical forest, 7 biology students live a gripping odyssey; they will find even a lawn can be as dangerous as the swamps of Jurassic, with scolopendras as T-rex. Deep biological knowledge is employed by the team members in order to survive. The toughest of them, arachnologist Karen King, engages an all-out, grueling duel with a solitary hunting wasp in her own underground nest, which is a real thriller.
    Once they are through, they will have to learn to fly micro-planes across mountain and sea, dodging bats on the prowl, suffering the micro-bends (a disease afflicting micro-humans after too many hours in shrunk state), have their size restored, and why not avenging themselves on the callous entrepreneur..
    Yes, the rich stew of previous novels has become a diluted broth; characters are flat, even by Crichton’s standards; plot is quite linear, these 540 pages amount to the content of a short novel; but, diluted as it may be, it still has Crichton's flavour: thick spoonfuls of science stirred in a pot of freewheeling adventure.

    said on 

  • 3

    L'idea non è certo originale, ma Crichton riesce sempre a stupire mettendoci del suo nella trama. Libro che merita una lettura in ogni caso, soprattutto per gli amanti della suspence.

    said on 

  • 4

    磁場是否影響人體健康?
    文中提到利用高磁場來改變物體的體積
    基於好奇心
    上網找了一些資料
    目前只看到些許討論論及磁場對於身高及壽命的影響
    在此註記
    盼望在閱讀完畢後還記得找尋相關文獻

    said on 

  • 3

    Meglio essere grandi!

    Ho scoperto di avere un problema con le miniaturizzazioni. Non che il romanzo non prenda, anzi: scorre bene, avventura e colpi di scena, descrizione curiosa e interessante del microcosmo, tanto che ci ...continue

    Ho scoperto di avere un problema con le miniaturizzazioni. Non che il romanzo non prenda, anzi: scorre bene, avventura e colpi di scena, descrizione curiosa e interessante del microcosmo, tanto che ci sono cinque pagine di bibliografia di riferimento. Solo che a me non appassiona.

    Già sospettavo della cosa, perché di Asimov, mio grande amore, l’unico romanzo di fantascienza che non ho letto, pur avendolo, è Viaggio allucinante. Ok, il suo è un adattamento della sceneggiatura dell’omonimo film, sceneggiatura di Harry Kleiner, adattata da David Duncan e basata sulla storia omonima di Otto Klement e Jerome Bixby. (Vi siete persi?) La cosa importante è che la storia non mi ha mai preso e non c’è nessun motivo e la stessa cosa è accaduta con Micro.

    Questo romanzo è un incompiuto di Crichton. Ripreso e completato, su consenso della famiglia e su incarico dell’editore HarperCollins, da Preston nel 2011. Nella mia lettura sonnolenta da autobus non mi sono accorto del cambio di autore.

    Di che parla? Di una startup, come diremmo oggi, la Nanigen, che ha trovato il modo di miniaturizzare oggetti e persone, in modo reversibile. Il suo capo fondatore Drake è andato fuori di melone e cerca di fare cose poco etiche, e anche poco legali, per massimizzare i profitti. I suoi collaboratori se ne accorgono e lui tenta di farli fuori. Qualcuno morirà, qualcuno si salverà. Nel mentre sono coinvolti anche sette ricercatori, biologi, botanici ed esperti di veleni. Ovviamente saranno miniaturizzati e lasciati da soli nella foresta hawaiana. (Non ve l’avevo detto? La storia è ambientata alle Hawaii.) Qui imparerete come si sopravvive fra insetti, aracnidi e altri animali microscopici e di quanto sia pericoloso essere piccoli.

    Mi fermo qui, per quanto riguarda la storia. Sappiate però che, più che ottima lettura, è ottimo materiale per un film alla Crichton. Quindi se vi piace il genere, potete leggere fiduciosi.

    Buona lettura.

    said on 

  • 5

    Un Jurassic Park in miniatura

    Nel leggere questo libro postumo di Crichton non ho potuto fare a meno di notare i parallelismi con “Jurassic Park”. Anche in questo libro le dimensioni contano (alla Godzilla!). Certo, le dimensioni ...continue

    Nel leggere questo libro postumo di Crichton non ho potuto fare a meno di notare i parallelismi con “Jurassic Park”. Anche in questo libro le dimensioni contano (alla Godzilla!). Certo, le dimensioni sono diverse, ma non le proporzioni. Se in “Jurassic Park” si era riusciti a portare in vita i dinosauri per poi perderne il controllo, in “Micro” una tecnologia rivoluzionare è in grado di rimpicciolire gli esseri umani tanto che gli insetti e gli uccelli diventano in proporzione grandi e pericolosi come i dinosauri. Anche qui un sabotaggio porta un gruppo di persone ad affrontare delle creatura in confronto alle quali sono piccoli e quasi indifesi. Anche qui il gruppo con l’andare avanti della storia tende sempre più ad assottigliarsi, finché solo pochi sopravvivono.
    Benché questo libro sia stato completato da Richard Preston, la mano di Crichton è ben evidente. Questa emozionante e lunga avventura dà dipendenza. Il desiderio di tornare a leggere è fortissimo. Ma allo stesso tempo è un pretesto per parlarci dell’affascinante e spietato mondo dei piccoli animali, in particolare degli insetti. Crichton ci insegna tantissimo su di loro e con grande cura immagina come sarebbe per un essere umano la vita se fosse piccolo come un insetto, come la forza di gravità agirebbe sul suo corpo, quali enormi difficoltà incontrerebbe nello spostarsi anche per brevi distanze, quali terribili pericoli dovrebbe affrontare. Sebbene la tecnologia di miniaturizzazione non viene spiegata per davvero e ci sono alcuni aspetti che gli stessi protagonisti non riescono a comprendere (come fanno degli esseri con cellule miniaturizzate ad avere una biochimica che permetta loro di assumere acqua e alimenti?), Crichton per rendere il tutto più credibile arriva addirittura a citare un breve studio, che sembra molto reale (ma con lui non si sa mai: riesce a farci credere reale qualsiasi cosa), sull’effetto del magnetismo sulla statura delle persone come base della tecnologia in questione. L’assunto rimane molto fantasioso, ma lo scopo della storia è quello di raccontare la scienza del micro-mondo e quindi non è necessario che le premesse siano del tutto realistiche.
    Ammetto che sono rimasta contrariata a un certo punto per la morte di un personaggio e che ero talmente presa dalla storia dal notare appena un tutt’altro che imprevedibile sviluppo romantico (che ho gradito molto), ma rimane comunque un grandissimo libro con un finale aperto che, purtroppo, non avrà mai seguito.

    said on 

  • 4

    Davvero bello.....una fantascienza molto vicina alla realtà. Bellissime le descrizioni della natura e degli insetti....ben tratteggiati i personaggi e la trama non è per nulla scontata...

    said on 

  • 2

    C’ero già cascato con L’Isola Dei Pirati. Qui mi son detto che utilizzando Preston (credevo Douglas, successivamente ho scoperto invece essere uno sconosciuto Richard) nel completamento dell’opera for ...continue

    C’ero già cascato con L’Isola Dei Pirati. Qui mi son detto che utilizzando Preston (credevo Douglas, successivamente ho scoperto invece essere uno sconosciuto Richard) nel completamento dell’opera forse gli editori volevano intraprendere un’uscita mediatica di un certo spessore. Mi son detto sbagliato però, visto che la parte di Crichton a quanto pare sono solo alcuni appunti (ok, l’idea ci può stare infatti non è malaccio) e si tratta di circa un terzo dell’insieme. Molti buchi narrativi, forzature da telefilm e poi se vogliamo la parte della miniaturizzazione è sì interessante, ma certamente nulla di originale. I primi due titoli che mi vengono a mente sono Viaggio Allucinante di Asimov e Tre Millimetri Al Giorno di Matheson, usciti giusto qualche annetto prima. Almeno in alcune parti viene esaltato l’amore per la scienza, gettando le basi per un buon techno thriller che purtroppo, a conti fatti non è per niente esaltante. Il finale è annacquato e conforme alla brutta piega che prendono tutti i personaggi, alquanto banali, prevedibili e paurosamente stereotipati. Lasciamo passare le cose impossibili ed estremamente fantascientifiche, ma concentriamoci su ciò che avrebbe potuto essere maggiormente realista, ovvero l’interazione e la psicologia degli studenti. Che abbiamo? Solo un manualetto scientifico trasformato in azione. Ad ogni modo c’è di peggio.

    said on 

Sorting by