Morte accidentale di un anarchico

Tutto il teatro di Dario Fo e Franca Rame n.2

Di

Editore: Fabbri Editori

4.3
(341)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 92 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000144380 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Franca Rame

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Umorismo

Ti piace Morte accidentale di un anarchico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    La tigre assenza

    Su anobii non è registrata la copia del dicembre 1970
    E.D.B., Verona

    copertina molto bella
    libro unico

    varrebbe la pena avere delle amicizie o degli amori
    anche solo per poter fare regali di questo ti ...continua

    Su anobii non è registrata la copia del dicembre 1970
    E.D.B., Verona

    copertina molto bella
    libro unico

    varrebbe la pena avere delle amicizie o degli amori
    anche solo per poter fare regali di questo tipo

    ha scritto il 

  • 4

    Travolgente farsa politica, comica finale nata da un'inchiesta precisa che diventa poi atto d'accusa. Meglio la parte d'indagine e svelamento della verità nascosta dal potere che il risvelto più teori ...continua

    Travolgente farsa politica, comica finale nata da un'inchiesta precisa che diventa poi atto d'accusa. Meglio la parte d'indagine e svelamento della verità nascosta dal potere che il risvelto più teorico, ma la capacità di far ridere sull'orlo, anzi dentro l'abisso è encomiabile. La sua proposta a presidente della Repubblica è una delle poche proposte condivisibile di Grillo.

    ha scritto il 

  • 5

    Ma non illudiamoci, vedremo tornare ancora l'arroganza e la ferocia del potere. Un potere rivestito con costumi nuovi, volti mascherati con sotto le stesse facce. E vedremo anche nostri compagni passa ...continua

    Ma non illudiamoci, vedremo tornare ancora l'arroganza e la ferocia del potere. Un potere rivestito con costumi nuovi, volti mascherati con sotto le stesse facce. E vedremo anche nostri compagni passati sotto le file loro per pochi o tanti quattrini. L'importante per noi è avere la forza di tornare da capo, con la stessa rabbia e la stessa determinazione di mostrare di nuovo al pubblico il deretano nudo e orrendo dell'ipocrisia.

    ha scritto il 

  • 5

    Tanto di cappello all’autore. Bravissimo e in gambissima. Non per nulla è un premio Nobel della Letteratura.
    Nel leggere questo breve libretto, oggi, apprezziamo la lucidità dell’analisi e la capacità ...continua

    Tanto di cappello all’autore. Bravissimo e in gambissima. Non per nulla è un premio Nobel della Letteratura.
    Nel leggere questo breve libretto, oggi, apprezziamo la lucidità dell’analisi e la capacità di mettere a nudo il potere e gli uomini che a suo tempo furono chiamati a gestirlo, mostrandone tutta la pochezza e viltà . Oggi, nel 2012, rimango impressionato per quanto sia stato capace di scrivere ma....la verità è che questa “piece teatrale” fu rappresentata per la prima volta il 10 dicembre del 1970 a meno di un anno dall’accaduto!!!! Oggi, invece, si assiste alla farsa dei servi del potere e all’incapacità di leggere le verità che rimangono, sempre più spesso, sepolte e nascoste.

    ha scritto il 

  • 5

    Brillante

    La satira del giullare è troppo lucida, nelle sue diagnosi di uno stato in cancrena, per chi gli sta intorno, impantanato nei luoghi comuni. La satira di Fo è veloce, affilata, geniale. Come il matto, ...continua

    La satira del giullare è troppo lucida, nelle sue diagnosi di uno stato in cancrena, per chi gli sta intorno, impantanato nei luoghi comuni. La satira di Fo è veloce, affilata, geniale. Come il matto, usa la farsa per raccontare la morte di Pinelli, fa il giullare per raccontare verità eretiche di frodo, quando meno te le aspetti perché sei impegnato a ridere e a non prenderlo sul serio, trasformando la risata in sgomento, lo sgomento in risata.

    ha scritto il