Morte nel pomeriggio

Di

Editore: Mondadori

3.8
(384)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 488 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8804351845 | Isbn-13: 9788804351849 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Fernanda Pivano

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Viaggi

Ti piace Morte nel pomeriggio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    E' un libro che parla di corride e di tori e matador come parla di vita e morte, crudeltà e bellezza, viltà e amore. E si lascia divorare a dispetto del fatto che, probabilmente, al novanta per cento ...continua

    E' un libro che parla di corride e di tori e matador come parla di vita e morte, crudeltà e bellezza, viltà e amore. E si lascia divorare a dispetto del fatto che, probabilmente, al novanta per cento dei lettori (me compresa) non importi nulla di corride, tori e matador. Gran parte del merito va alla prosa divina dell'immenso Hemingway. La restante parte del merito sta nel fatto che della corrida Hemingway ha saputo dettagliare un affresco nella cui arena non si limitano a lottare l'uomo e l'animale, ma forze ben più universali e ataviche con cui tutti noi ingaggiamo quotidianamente battaglie altrettanto mortali.
    Meravigliosi i dialoghi che l'autore intrattiene sul finire di alcuni capitoli con la Vecchia Signora, così come le brevi ed estemporanee storie che le narra. Di inarrivabile poeticità il capitolo conclusivo, di uno struggimento e di una bellezza a mio avviso impareggiabili.

    ha scritto il 

  • 3

    Illuminante

    Devo dire che è il miglior libro fino ad ora che ho letto di Hemingway. Ringrazio l'autore perchè mi ha fatto capire molto delle corride, mondo per me sconosciuto. Avevo pregiudizi su queste manifesta ...continua

    Devo dire che è il miglior libro fino ad ora che ho letto di Hemingway. Ringrazio l'autore perchè mi ha fatto capire molto delle corride, mondo per me sconosciuto. Avevo pregiudizi su queste manifestazioni, ma ora grazie al buon Ernesto ho potuto informarmi meglio su questa antica tradizione. Infatti durante la lettura ho potuto informarmi meglio su questo mondo, vedere video su youtube e vivere a pieno le sensazioni che infondono questi spettacoli. Bene ora non vivo più di pregiudizi in merito, ora sono fermamente convinto che la corrida è un barbaro e anacronistico spettacolo che non ha più motivo di esistere. Non c'è ne arte ne cultura in questi scempi perpetuati dall'uomo solo inutile tortura per i tori che caricano l'uomo solo perchè provocati e che in molte immagini che ho visto sembrano quasi giocare senza immaginare che da li a poco saranno barbaramente trucidati. Grazie lo stesso Hamingway per avermi fatto conoscere il mondo delle arene nonostante il tuo amore per queste orrende carneficine.

    ha scritto il 

  • 4

    Che Hemingway sia un grande scrittore non lo scopro certo io. Questo libro, pero', è un po' particolare, e puo' dispiacere alle moderne anime candide, la violenza che è connaturata al rito della corri ...continua

    Che Hemingway sia un grande scrittore non lo scopro certo io. Questo libro, pero', è un po' particolare, e puo' dispiacere alle moderne anime candide, la violenza che è connaturata al rito della corrida. Io, al contrario, non sono candido e apprezzo tantissimo questa cerimonia violenta e coinvolgente. L'unica perplessita' mi viene dalla traduzione di quel mostro sacro della Fernanda Pivano.Troppo obsoleta.

    ha scritto il 

  • 4

    e se poi la corrida mi piacesse?

    Non fosse che a Madrid vive una persona che vorrei evitare di incontrare per il resto della mia vita(e che con la mia fortuna incontrerei appena scesa dall'aereo) volerei subito a vedere una corrida, ...continua

    Non fosse che a Madrid vive una persona che vorrei evitare di incontrare per il resto della mia vita(e che con la mia fortuna incontrerei appena scesa dall'aereo) volerei subito a vedere una corrida, passando per la pazza che nel marasma generale sfoglia febbrilmente ad ogni passaggio un libro di Hemingway pieno di post-it e segnalibri, per entrare anche solo per un attimo nella sua ottica. Affascinante

    ha scritto il 

  • 4

    Hemingway segue ed ama le corride oltre che per tutti i vari motivi artistici ed estetici, perché, in tempo di pace, sono una delle attività che più avvicinano ed espongono l'uomo alla morte! Argoment ...continua

    Hemingway segue ed ama le corride oltre che per tutti i vari motivi artistici ed estetici, perché, in tempo di pace, sono una delle attività che più avvicinano ed espongono l'uomo alla morte! Argomento che ha sempre ossessionato il nostro.
    Decide quindi di scrivere un libro sulle corride che spieghi, a chi non è appassionato, l'arte, la tradizione, l'onore e la passione che c'è dietro a questa, spesso, criticata attività.
    E ci riesce, ci riesce eccome! Nonostante sia in buona parte un saggio, hemingway è riuscito a rapirmi grazie soprattutto alla sua capacità di trasmettere la passione e di perdersi in aneddoti di fatti e personaggi a dir poco affascinanti. Ogni tanto poi divaga! Inventandosi dialoghi con una anziana signora che si vuole avvicinare alle corride e parlando a tu per tu con il lettore degli eventi della sua vita e dei suoi pensieri letterari. Fantastico.
    Un libro che mi ha affascinato, come tutta la produzione Hemingwayana d'altronde, e che, nonostante non sian le corride la mia attività preferita, mi è piaciuto anche nella sua parte più tecnica.

    ha scritto il 

  • 0

    Lo cercavo da tempo immemorabile, l'ho trovato, finalmente, il mese scorso su una bancarella di usato al Festival della Letteratura di Mantova.

    In quanto a leggerlo sì prossimamente è un classico hem ...continua

    Lo cercavo da tempo immemorabile, l'ho trovato, finalmente, il mese scorso su una bancarella di usato al Festival della Letteratura di Mantova.

    In quanto a leggerlo sì prossimamente è un classico hemingwayano sulla tauromachia ma abbastanza simile, solo un po' più tecnico, a "Un'estate pericolosa" che ho letto alcuni mesi fa.

    ha scritto il 

Ordina per