Neuromancer

Por

Editor: Aleph

3.9
(3479)

Language: Português | Number of Páginas: 304 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , German , Spanish , Chi simplified , French , Italian , Japanese , Swedish , Latvian , Czech , Catalan , Polish , Chi traditional , Dutch , Hungarian

Isbn-10: 8585887907 | Isbn-13: 9788585887902 | Data de publicação:  | Edition 3

Também disponível como: Others

Category: Computer & Technology , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Neuromancer ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Um hacker renegado, uma samurai das ruas, um fantasma de computador, um terrorista psíquico e um rastafari orbital num thriller sexy, violento e intrigante. De Tóquio a Istambul, das estações espaciais ao não-espaço da realidade virtual, o tenso jogo final da humanidade contra as Inteligências Artificiais...Evoluindo de Blade Runner e antecipando Matrix, Neuromancer é o primeiro - e ainda hoje o mais famoso - livro de William Gibson. É considerado não só o romance que deu origem ao gênero cyberpunk, mas também o seu melhor representante. Edição especial com nova tradução, nova capa e projeto gráfico, novo prefácio e notas explicativas.
Sorting by
  • 0

    Giuro che ce la...

    ... ho messa tutta.
    Quasi 100 pagine su 298, ma davvero non ci capisco niente.
    Ammasso informe di termini cyber, di personaggi che entrano ed escono senza capirne ruoli e importanza, trama confusa, am ...continuar

    ... ho messa tutta.
    Quasi 100 pagine su 298, ma davvero non ci capisco niente.
    Ammasso informe di termini cyber, di personaggi che entrano ed escono senza capirne ruoli e importanza, trama confusa, ambientazioni futuristiche di improbabile immaginazione.
    Ammetto la mia inadeguatezza, forse dovuta alla mia età... divento vecchio, sigh !

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    3

    Indubbiamente un pilastro del genere, la seconda metà mi ha interessata molto più della prima che, a mio parere, era un tantino lentina. Complesso, ma a volte forse un po' troppo pretenzioso. Ho comun ...continuar

    Indubbiamente un pilastro del genere, la seconda metà mi ha interessata molto più della prima che, a mio parere, era un tantino lentina. Complesso, ma a volte forse un po' troppo pretenzioso. Ho comunque amato determinati concetti, come i pupazzi di carne, che mi hanno inquietata in modo profondo.

    "Il corpo era carne. Case era precipitato nella prigione della propria carne"
    "Ma lì, nella notte giapponese, i sogni arrivavano come in un rituale vudù in diretta, e lui urlava, urlava nel sonno, e si svegliava da solo nel buio, raggomitolato nella sua capsula in uno di quegli alberghi bara, con le mani che artigliavano le piastre del letto, la termopiuma serrata tra le dita, cercando di raggiungere una consolle che non c'era"

    dito em 

  • 3

    Meriterà una rilettura

    Ho intrapreso la lettura di questo libro in un periodo piuttosto impegnativo, che non mi ha permesso di leggere più di due o tre pagine per volta e neanche tutte le sere.

    Non sono riuscito così a gode ...continuar

    Ho intrapreso la lettura di questo libro in un periodo piuttosto impegnativo, che non mi ha permesso di leggere più di due o tre pagine per volta e neanche tutte le sere.

    Non sono riuscito così a godermi in pieno l'incredibile complessità della scrittura e le variegate sfaccettature date alla trama dal suo visionario autore.

    Spero di rileggerlo in futuro, se mai troverò il tempo di farlo.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    3

    Inutile stare a fare la solito intro. Neuromante = cyberpunk, e ok.

    E' un romanzo difficile da leggere. Gibson, volutamente o meno, confonde il lettore, lasciandolo perennemente stordito in uno stato ...continuar

    Inutile stare a fare la solito intro. Neuromante = cyberpunk, e ok.

    E' un romanzo difficile da leggere. Gibson, volutamente o meno, confonde il lettore, lasciandolo perennemente stordito in uno stato simile a quello in cui si trovano molti suoi personaggi, che siano immersi nella matrice, clonati da generazioni precedenti o invasi da sostanze psicotrope inghiottite con droghe sintetiche.
    Il filo del discorso si dipana quindi in maniera quasi criptica, e non concede nulla al lettore che si approccia con spirito leggero. Ma il filo c'è, e proverò a riassumerlo sotto, per chi è interessato. Il fatto è che si tratta di qualcosa che si scopre effettivamente da metà libro in poi, quando si capisce un attimo il perchè e il percome dei fatti avvenuti in precedenza. Il vero finale del libro è infatti capire PERCHE' si muovono i personaggi, ed è questo che lascia basiti durante la lettura (chè uno si aspetta magari di avere davanti un plot chiaro, in cui si capisce fin dalle prime battute il perchè e il percome - e quindi la lettura diventa avvincente nel seguire come faranno i protagonisti a perseguire quello scopo).
    Con Neuromante, insomma, il lettore è posto sullo stesso piano dei personaggi, che rimangono all'oscuro della grande spiegazione dietro gli eventi per buona parte della storia.
    Ciò che a me ha colpito è la "freddezza" (o la tamarraggine) con cui tutto viene raccontato. C'è poco spazio per approfondimenti, scorci filosofici, ragionamenti psicologici, per dare spessore a personaggi e tematiche, per quanto il genere cyberpunk ne sia particolarmente fecondo proprio grazie a quelli che sono i suoi topoi narrativi (realtà virtuale, coscienza, intelligenze artificiali senzienti, etc...). Gibson è sembrato, a parer mio, fare un lungo sogno allucinato, che ha scritto di getto al mattino ancora madido di sudore. Questa non vuole essere una critica, tanto più che, come dire, il grande merito di gibson penso sia quello di aver dipinto questo mondo, ai posteri le riflessioni che da questo mondo possono scaturire.

    Attenzione, da qui in poi SPOILER, e considerazioni su similitudini con altre opere che son possibili considerando appunto gli spoiler.

    Una famiglia di ricconi vuole creare una superintelligenza artificiale (per poterle permettere di gestire le proprie risorse durante il criosonno?), ma ciò va contro la Legge di Turing (che limita appunto lo sviluppo di IA in quanto troppo pericoloso). Per questo, ne creano due separate (Invernomuto e Neuromante) in modo da sfuggire alla polizia di Turing, e sarà proprio Invernomuto ad imbastire un complicato gioco di scatole cinesi, assoldando le persone più disparate, per potersi fondere col fratello di silicio.
    La similitudine più spiccata che mi viene in mente - o meglio, l'aspetto che più di ogni altro è stato forse ripreso in futuro da altre opere - è quella con Ghost in the shell, che mi sembra essersi qui ispirato molto (e ci mancherebbe, visto che pure GITS è un bel manifesto del cyberpunk) al concetto di essere virtuale/Cybernetico con una propria personalità, introducendo (forse per primo?) anche l'aspetto esistenzialistico cartesianesco dell'autocoscienza, e di cosa la determina.

    Per concludere, Neuromante è forse una lettura diventata cardine non tanto per l'abilità narrativa e l'ispirazione del suo autore dal punto di vista della mera scrittura/gestione del ritmo/gestione della trama, quanto più per aver introdotto in maniera potente (sebbene penso un po' confusa) tutti quelli che poi saranno i cardini del filone cyberpunk. Senza poi curarsi troppo (o senza averne visto) delle implicazioni filosofiche a cui porteranno gli stessi, negli anni a venire.

    dito em 

  • 4

    就像在嗑了过量的致幻剂后写出的作品.三个故事:Noir硬汉风格的外国人聚居垃圾街犯罪故事+迷幻风的黑客潜入故事+代号"呼啸铁拳"的冷硬军事"前"故事.三者杂糅.所以并不需要读者过度明白其中的剧情.就像嗑药一样,形成机理,药物名称,毒理性都不是重要的,最主要是能High起来.另外看到了从这本1984年的作品中喷射出的灵感影响无数后世作品的样子.PS:男主抽的烟,我看的版本叫"颐和园",日文版叫"叶和 ...continuar

    就像在嗑了过量的致幻剂后写出的作品.三个故事:Noir硬汉风格的外国人聚居垃圾街犯罪故事+迷幻风的黑客潜入故事+代号"呼啸铁拳"的冷硬军事"前"故事.三者杂糅.所以并不需要读者过度明白其中的剧情.就像嗑药一样,形成机理,药物名称,毒理性都不是重要的,最主要是能High起来.另外看到了从这本1984年的作品中喷射出的灵感影响无数后世作品的样子.PS:男主抽的烟,我看的版本叫"颐和园",日文版叫"叶和圓"

    dito em 

  • 1

    il mondo è bello perché è vario. A molti questo libro è piaciuto, e capisco anche il perché: è scritto molto bene, ha una bella atmosfera ed è intrigante. Ma devo ammettere che faccio parte della cate ...continuar

    il mondo è bello perché è vario. A molti questo libro è piaciuto, e capisco anche il perché: è scritto molto bene, ha una bella atmosfera ed è intrigante. Ma devo ammettere che faccio parte della categoria che invece non lo ha apprezzato poi così tanto. In realtà la mia reazione durante la lettura è stata: "du palle!!!" Anche le parti che dovrebbero essere appassionanti e piene di tensione sono terribilmente piatte e prolisse. Noioso, noioso e ancora noioso. E dire che avevo aspettive altissime per questo libro.

    dito em 

Sorting by