Ogni cosa è illuminata

Di

Editore: RL Libri (Superpocket Bestseller)

4.0
(5827)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 327 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Tedesco , Svedese , Olandese , Catalano , Russo

Isbn-10: 8846208714 | Isbn-13: 9788846208712 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Massimo Bocchiola

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Viaggi

Ti piace Ogni cosa è illuminata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Con una vecchia fotografia in mano, un giovane studente, che si chiama Jonathan Safran Foer, visita l'Ucraina per trovare Augustine, la donna che può aver salvato suo nonno dai nazisti. Jonathan è accompagnato nella sua ricerca da un coetaneo ucraino, Alexander Perchov, detto Alex. Alex lavora per l'agenzia di viaggi di famiglia, insieme a suo nonno che, a dispetto di una cecità psicosomatica fa l'autista, e in compagnia di una cagnetta maleodorante, chiamata Sammy Davis Jr Jr, in onore del cantante preferito dalnonno.
Ordina per
  • 5

    (Tu hai dei fantasmi?) (Sicuro che ho dei fantasmi). (E come sono i tuoi fantasmi?) (Sono dentro le palpebre dei miei occhi), (E' lo stesso posto dove abitano i miei fantasmi). (Tu hai dei fantasmi?) ...continua

    (Tu hai dei fantasmi?) (Sicuro che ho dei fantasmi). (E come sono i tuoi fantasmi?) (Sono dentro le palpebre dei miei occhi), (E' lo stesso posto dove abitano i miei fantasmi). (Tu hai dei fantasmi?) (Sicuro che ho dei fantasmi). (Ma sei un bambino). (Io non sono un bambino). (Ma tu non hai conosciuto l'amore). (Questi sono i miei fantasmi, gli spazi nel mezzo dell'amore).

    ha scritto il 

  • 3

    Dopo aver tanto amato Molto forte, incredibilmente vicino mi aspettavo un altro capolavoro, e purtroppo sono rimasta un po' delusa. E' quasi come se l'autore non volesse svelare troppo, ma così facend ...continua

    Dopo aver tanto amato Molto forte, incredibilmente vicino mi aspettavo un altro capolavoro, e purtroppo sono rimasta un po' delusa. E' quasi come se l'autore non volesse svelare troppo, ma così facendo il senso di incompiutezza la fa da padrone.

    ha scritto il 

  • 3

    Non sono per le sperimentazioni letterarie: intere pagine di puntini di sospensione e parole scritte insistentemente con lettere maiuscole mi irritano soltanto. Ho fatto fatica ad arrivare alla fine: ...continua

    Non sono per le sperimentazioni letterarie: intere pagine di puntini di sospensione e parole scritte insistentemente con lettere maiuscole mi irritano soltanto. Ho fatto fatica ad arrivare alla fine: ho tenuto duro perché mi hanno colpito la bellezza e la profondità delle storie raccontate. Un libro molto poetico, nonostante tutto.

    ha scritto il 

  • 4

    Geniale, impegnativo, divertente. Se non fosse per la parte finale, un pò noiosa e deludente, gli avrei dato 5 stelline.
    Credo proprio che leggerò gli altri suoi libri! Mi è rimasto un dubbio su un pa ...continua

    Geniale, impegnativo, divertente. Se non fosse per la parte finale, un pò noiosa e deludente, gli avrei dato 5 stelline.
    Credo proprio che leggerò gli altri suoi libri! Mi è rimasto un dubbio su un passaggio che non ho capito..... Quando Alex dice al padre che non è suo padre.... mentre poco dopo parlando con il nonno afferma i contrario.... credo che fra i tanti intrecci mi sia sfuggito qualcosa.

    ha scritto il 

  • 3

    Il romanzo di Foer lascia in qualche modo insoddisfatti, e lo fa perché la scrittura dell'autore è apprezzabile, lo stile risulta godibile, eppure la sensazione che manchi qualcosa si fa inevitabilmen ...continua

    Il romanzo di Foer lascia in qualche modo insoddisfatti, e lo fa perché la scrittura dell'autore è apprezzabile, lo stile risulta godibile, eppure la sensazione che manchi qualcosa si fa inevitabilmente ed insistentemente sentire.
    La scelta narrativa non tradizionale (frammentata e in parte epistolare) è ben implementata, e dopo i primi capitoli "di studio" si riesce ad entrare abbastanza agilmente nell'opera dello scrittore statunitense. Tuttavia, forse è proprio qui che inizia a sorgere qualche problema: dopo un inizio interlocutorio, la trama sembra sempre sul punto di accendersi, di prendere vita, ma in conclusione non lo fa mai veramente e pienamente. Ciononostante, il romanzo risulta a tratti molto coinvolgente, con passi che alternano momenti di apprezzabile comicità ad altri eccezionalmente toccanti e commoventi: la duttilità dell'autore, e le sue indiscusse capacità, stonano quasi di fianco ad una trama sì ricercata e ben articolata, ma che non trova un compimento in sé stessa.
    In conclusione, direi che "Ogni cosa è illuminata" è un libro con grandi potenzialità, a tratti molto godibile ed intrigante, ma che lascia il lettore con l'amaro in bocca per la sua incompiutezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Un gran peccato. Safran Foer è veramente un genio, e lo ha dimostrato con Molto forte, incredibilmente vicino. Qui spreca un'occasione per fare ancora meglio. Il libro parte bene, al suo arco l'autore ...continua

    Un gran peccato. Safran Foer è veramente un genio, e lo ha dimostrato con Molto forte, incredibilmente vicino. Qui spreca un'occasione per fare ancora meglio. Il libro parte bene, al suo arco l'autore ha molte frecce, soprattutto una grande originalità. L'idea è bella, e la scrittura, non semplice, fa sentire il sapore della narrazione intelligente, mai banale, studiata e ricca. La comicità di alcune pagine è da capolavoro.
    Poi il racconto si perde in meandri sessual-patologici stonati, che deviano la narrazione e non danno gusto. Anche gli ingredienti per un bel finale sono lì, pronti per l'uso, eppure il lettore quasi non se ne accorge, frastornato com'è dal ronzio delle paturnie dei vari personaggi, che potrebbero essere resi grandi dall'Autore; ma alla conclusione la sensazione è che non ci arrivi. Al palato rimane un gusto amarognolo.

    ha scritto il 

  • 5

    Ciò che definisce un uomo in quanto tale sono le radici, radici famigliari, radici da cui nasce e cresce. In questo libro c'è la ricerca proprio di queste radici, capire chi siamo ora ma soprattutto d ...continua

    Ciò che definisce un uomo in quanto tale sono le radici, radici famigliari, radici da cui nasce e cresce. In questo libro c'è la ricerca proprio di queste radici, capire chi siamo ora ma soprattutto da dove veniamo. In questa ricerca l autore viene aiutato da Alex un ragazzo di Odessa, un ragazzo con un sogno da realizzare ma legato saldamente alle sue radici che quasi lo intrappolano. Tra i due si instaura un rapporto di amicizia e la vicenda viene narrata appunto da due punti di vista. Un romanzo che si perde nelle radici del tempo, con uno stile assolutamente poetico,fatto di piccoli episodi che scuotono le fondamenta del nostro essere. Nel buio del passato occorre trovare qualcosa che lo possa illuminare , qualcosa che lo faccia risplendere per poterlo portare davanti ai nostri occhi. I nostri occhi sul passato sono le persone che in quel passato ci sono state e ce lo possono raccontare, coloro che non possono dimenticare. E proprio sui ricordi si incentra il secondo punto cardine del romanzo, la loro importanza, la necessità e il dovere di averne. Lo stile di Foer per me è qualcosa di fantastico, lo adoro in tutto e per tutto. Una delle parti che mi sono rimaste nel cuore e che giudico come assoluta poesia sono i tre capitoli finali.

    ha scritto il 

Ordina per