Orgoglio e pregiudizio

Di

Editore: Giunti Editore

4.4
(23445)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 206 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Portoghese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Olandese , Svedese , Russo , Ceco , Catalano , Greco , Giapponese , Croato , Ungherese , Polacco , Coreano

Isbn-10: 8809001427 | Isbn-13: 9788809001428 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Lavagnino

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback , Copertina rigida , Cofanetto , Rilegato in pelle , Audiocassetta , CD audio , eBook , Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Rosa

Ti piace Orgoglio e pregiudizio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
I Bennet vivono con le cinque figlie a Longbourne, nello Hertfordshire. Charles Bingley, ricco scapolo, va ad abitare vicino a loro con le due sorelle eun amico, Fitzwilliam Darcy. Bingley e Jane, la maggiore delle Bennet, si innamorano; Darcy, attratto dalla seconda, Elisabeth, la offende con il suo comportamento altezzoso. L'avversione aumenta quando le sorelle riescono a separare Charles da Jane. Darcy chiede la mano di Elisabeth, non nascondendo peròquanto la cosa costi al suo orgoglio. La ragazza, sdegnata, lo respinge. In unsecondo tempo Elisabeth apprende che la sorella Lydia è fuggita con Wickhman.Con l'aiuto di Darcy i fuggiaschi vengono rintracciati e fatti sposare. InfineDarcy e Elisabeth, Bingley e Jane si fidanzano.
Ordina per
  • 5

    Impossibile da commentare

    E' uno dei libri più eccezionali che abbia mai letto e nonostante sia almeno la 25°esima volta che lo faccio, non ha perso un briciolo del suo fascino né della sua bellezza.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    活脱就是富貴公子哥兒中意灰姑娘的故事典型。這一對歡喜冤家的障礙不是階級門戶的成見,也不是週遭親友的阻攔。他們之間那道跨越不了的鴻溝是彼此惡劣的第一印象。

    家財萬貫使達西僵硬、自負、傲慢,他大可以保持自我,也不會損失什麼。這個不可一世的達西願意為伊莉莎白修飾線條,讓自己變得柔軟親人。

    這才是女人心中完美的男人。女人不但嚮往男人有錢,更嚮往男人富而好禮;女人不只關心男人做了什麼事,更關心男人為我做了什 ...continua

    活脱就是富貴公子哥兒中意灰姑娘的故事典型。這一對歡喜冤家的障礙不是階級門戶的成見,也不是週遭親友的阻攔。他們之間那道跨越不了的鴻溝是彼此惡劣的第一印象。

    家財萬貫使達西僵硬、自負、傲慢,他大可以保持自我,也不會損失什麼。這個不可一世的達西願意為伊莉莎白修飾線條,讓自己變得柔軟親人。

    這才是女人心中完美的男人。女人不但嚮往男人有錢,更嚮往男人富而好禮;女人不只關心男人做了什麼事,更關心男人為我做了什麼事。

    達西愛的是伊莉莎白原來的樣子。伊莉莎白愛的是「社會化」後的達西,溫柔的達西。

    ha scritto il 

  • 5

    Un sogno romantico

    E' un romanzo fantastico, una delle storie d'amore più belle che siano mai state scritte. Lo stile della Austen è unico: diretto, colto e ironico (quando la situazione lo richiede). Non posso criticar ...continua

    E' un romanzo fantastico, una delle storie d'amore più belle che siano mai state scritte. Lo stile della Austen è unico: diretto, colto e ironico (quando la situazione lo richiede). Non posso criticare nulla di questo libro, anche i personaggi sono a dir poco perfetti, ben costruiti e ciascuno con le proprie caratteristiche. Mi sono immersa fin dal primo istante in questo romanzo, sperando di vivere una storia come quella di Lizzie Bennet: quale ragazza non vorrebbe al suo fianco un uomo come il signor Darcy? Consigliato a tutte le sognatrici come la sottoscritta.

    ha scritto il 

  • 0

    «Vorrei sapere chi fu il primo che scoprì l’efficacia della poesia per scacciare l’amore!»

    «A che scopo dobbiamo vivere, se non per essere presi in giro dai nostri vicini e ridere di loro a nostra vol ...continua

    «Vorrei sapere chi fu il primo che scoprì l’efficacia della poesia per scacciare l’amore!»

    «A che scopo dobbiamo vivere, se non per essere presi in giro dai nostri vicini e ridere di loro a nostra volta?»

    «…ma in casi come questi una troppo buona memoria sarebbe imperdonabile. Questa è l’ultima volta che io stessa me ne ricorderò.»

    Il mistero Jane Austen, il mistero di una ragazza vissuta in un ambiente chiuso, dove alle donne erano accordate molte, molte meno esperienze di vita e conoscenza che agli uomini, il mistero di una predestinata alle lezioni di piano e ricamo che diventa una scrittrice ironica come poche, che con il pretesto di romanzi rosa fustiga il suo stesso ambiente, e anche se stessa in fondo, lasciando alla storia della letteratura libri che sono stati odiati ma anche adorati – in questa edizione, una volta terminata la storia non sbagliatevi a saltare il saggio di Somerset Maugham messo come postfazione. Scoprirete, se come me non ve n’eravate già accorti da soli, che la Austen non ha mai scritto una conversazione tra soli uomini, semplicemente perché in vita sua non aveva mai assistito a una, e la sua etica di autrice le imponeva di scrivere solo su quanto conosceva per esperienza personale.

    Il signor Darcy, dunque, quello che sento nominare come uomo ideale dalle amiche lettrici. Non saprei. Certo il finale lo riabilita, e mette in luce tutte le sue migliori qualità. Ma prima? E non sto parlando solo del fatto che non fa nulla per manifestare i suoi pregi – è una strategia efficace? Ma piuttosto della prima dichiarazione a Lizzy, quando usa parole talmente offensive che davvero non capisco come l’eroina non gli rifili un manrovescio e non lo cancelli dalla sua memoria in aeternum. Sì, sì, poi si riscatta. Ma si rende conto il Fitzwilliam che l’ha detta grossa, e che a un uomo normale anche molto meno sarebbe rimasto imperdonato senz’appello? Eppure piace, piace alle lettrici, se è l’uomo ideale un motivo ci sarà, forse il fatto che ha grandi qualità di suo ma ha bisogno del catalizzatore chiamato donna per farle fruttare, forse proprio questo, il fatto che sia grande ma non autosufficiente nella sua grandezza e non eclissa la fortunata a cui accorda il suo amore ma anzi ne ha bisogno per non spegnersi e non far ripiombare le sue buone qualità nell’autismo… Ecco, mi sa tanto che una spiegazione, di cui fino a poche righe fa non avevo idea, l’ho pure trovata. E allora amatelo, amiche lettrici. Ma prima ricordatevi che dovete trovarlo e soprattutto attivarlo seguendo l’apposita procedura, che è lunga e noiosa e metterà a dura prova i vostri nervi. Riuscirete a non cedere? Già, un Darcy non è mica per tutte.

    Il signor Bennet è catartico. All’inizio piace, è simpatico, quelle battute con cui sdrammatizza tutto, l’irriverenza nei confronti di tutti sono tra i passaggi più divertenti del romanzo. Alla lunga però stanca. Perché ha il difetto di tutti quelli che si autocertificano umoristi, maestri di satira: non capisce quando bisogna evitare. Il sarcasmo, la satira vanno bene, permettono forse a chi li pratica di vivere meglio, ma devono avere dei limiti. Ci sono momenti in cui le difficoltà vanno affrontate con serietà; riderci sopra non solo non migliora le cose, perché non sempre tutti hanno voglia di sdrammatizzare, ma può anche peggiorarle, impedendo di impegnarsi in soluzioni costruttive. Promemoria: imparare quei limiti che il signor Bennet ignora.

    Il futuro è degli zii Gardiner. Disprezzati perché si sporcano le mani con il commercio, sanno mantenere il loro buon senso di middle class in ogni circostanza, senza perdersi in un bicchier d’acqua, perché ormai si sono liberati dalle sovrastrutture delle convenzioni, dell’orgoglio e del pregiudizio. La storia ci dice che alcuni di loro, in determinati momenti, diventeranno anche peggiori di quell’aristocrazia snob che hanno scalzato, ma nel momento in cui Jane Austen scrive il futuro è loro. E senza bisogno di tagliare teste a destra e a manca.
    (Una delle critiche ideologiche contro la Austen dice che voleva dare una giustificazione intellettuale ai nemici della Rivoluzione francese. Gente poco pratica: mi viene difficile pensare che questa simpatica ragazza di campagna elucubrasse così tanto. Piuttosto era in grado di accorgersi che il cambiamento sociale era possibile senza che questo implicasse a tutti i costi bagni di sangue. È una colpa ragionare così? Miserelli voi che lo pensate.)

    ha scritto il 

  • 5

    Sin duda la mirada irónica es la gran fuerza en la narrativa simple en la superficie e intrincada en lo profunda de esta gran novelista, para lo cual las apariencias no son nunca de fiar, y siempre ha ...continua

    Sin duda la mirada irónica es la gran fuerza en la narrativa simple en la superficie e intrincada en lo profunda de esta gran novelista, para lo cual las apariencias no son nunca de fiar, y siempre hay una razón más profunda que guía el comportamiento de sus personajes, más allá del simple romance, y en el que se juega por una parte el peso de las determinaciones sociales y la aspiración de una libertad que siempre acaba resultando inalcanzable, impensable incluso.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per