Oryx and Crake

By

Publisher: Anchor

4.0
(360)

Language: English | Number of Pages: 400 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , Chi simplified , German , French , Swedish

Isbn-10: 0385721676 | Isbn-13: 9780385721677 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Library Binding , Unbound , Paperback , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Oryx and Crake ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
With the same stunning blend of prophecy and social satire she brought to her classic The Handmaid’s Tale, Margaret Atwood gives us a keenly prescient novel about the future of humanity—and its present. Humanity here equals Snowman, and in Snowman’s recollections Atwood re-creates a time much like our own, when a boy named Jimmy loved an elusive, damaged girl called Oryx and a sardonic genius called Crake. But now Snowman is alone, and as we learn why we also learn about a world that could become ours one day.
Sorting by
  • 4

    Un futuro distopico governato dall'ingegneria genetica

    Primo capitolo della trilogia "Maddaddam".

    Superato un momento di disorientamento iniziale, ho compreso di trovarmi in un mondo post-catastrofico dove il protagonista fonde esperienze del presente con ...continue

    Primo capitolo della trilogia "Maddaddam".

    Superato un momento di disorientamento iniziale, ho compreso di trovarmi in un mondo post-catastrofico dove il protagonista fonde esperienze del presente con ricordi del passato: è in questo modo che la vicenda si costruisce poco a poco fino a formare un futuro distopico in cui l'ingegneria genetica controlla la vita delle persone fino a che il mondo non viene "resettato" da una catastrofe.
    Apprezzabile come l'autrice, una donna in età ormai avanzata, inserisca delle ipotesi sul futuro tanto visionarie quanto plausibili.
    La traduzione italiana, molto ricca di vocaboli ricercati e scientifici, ce la mette tutta per rendere al meglio alcuni giochi di parole (nomi di nuove specie animali o videogiochi), ma la versione in lingua originale dev'essere tutt'altra cosa.

    said on 

  • 4

    Trilogia di MaddAddam - libro primo

    Mi è piaciuto questo primo romanzo della trilogia, nonostante del mondo distopico e post apocalittico che mi aspettavo, ci sia, per ora, ben poco. La narrazione è quasi tutta incentrata sugli antefa ...continue

    Mi è piaciuto questo primo romanzo della trilogia, nonostante del mondo distopico e post apocalittico che mi aspettavo, ci sia, per ora, ben poco. La narrazione è quasi tutta incentrata sugli antefatti che portarono alla distruzione della razza umana come la conosciamo. I tempi del predisastro sono vissuti attraverso i ricordi e i flashback dell'ultimo sopravvissuto, che, nel presente, convive da eremita con la nuova razza I Crakers. Mi ha ricordato un po' Robert Neville di Io sono leggenda, anche se qui i nuovi umani sono esseri erbivori, gentili, inoffensivi e profumano di agrumi, ma frutto di quella manipolazione genetica esasperata sfuggita al controllo insieme ad un altro paio di cosucce che portarono al collasso del pianeta e dell'umanità.

    said on 

  • 5

    La grandezza della Atwood è talmente singolare (quantunque applicata a temi abusati, l'ingegneria genetica & l'apocalisse) che non mi sarebbe possibile dare un'idea di questo romanzo senza descrivere ...continue

    La grandezza della Atwood è talmente singolare (quantunque applicata a temi abusati, l'ingegneria genetica & l'apocalisse) che non mi sarebbe possibile dare un'idea di questo romanzo senza descrivere nei dettagli i crakers (nuova razza umana al profumo di agrumi), le pepite di pollo (continuerò a vederle in molti miei incubi), i proporci, il lugubre benessere dei recinti (il centro de 'la caverna' di saramago elevato all'ennesima potenza)...insomma, mi mancano le parole, come agli innamorati, tanto sono ancora abbagliata da tutti i dettagli e in lutto per la fine del libro. Unico punto debole, ma non conta perché ha a che fare con me stessa, Oryx.
    Stile e scrittura da infarto.

    said on 

  • 3

    Apocalisse alle porte

    Uomo delle Nevi si sveglia prima dell'alba. Giace immobile, ascoltando la marea che sale e onda dopo onda lambisce le varie barriere, cic-ciac, cic-ciac, il ritmo del battito cardiaco. Vorrebbe tanto ...continue

    Uomo delle Nevi si sveglia prima dell'alba. Giace immobile, ascoltando la marea che sale e onda dopo onda lambisce le varie barriere, cic-ciac, cic-ciac, il ritmo del battito cardiaco. Vorrebbe tanto credere di essere ancora addormentato.
    A est l'orizzonte è pervaso da una foschia grigiastra, ora accesa da un bagliore roseo, mortale. Strano come quel colore appaia ancora delicato. Gli alti edifici al largo vi si stagliano contro in scure sagome, sorgendo inverosimilmente dal rosa e dall'azzurro pallido della laguna. I gridi degli uccelli che vi fanno il nido e il rumore dell'oceano lontano che si infrange contro le finte scogliere fatte di pezzi di macchine arrugginite, mattoni ammucchiati e detriti vari fanno quasi pensare al traffico dei giorni di festa.

    Uomo delle Nevi, fino a poco tempo prima, si chiamava Jimmy ed era un abitante dei Recinti, le zone della Terra create dalle multinazionali per garantire la salute e la sicurezza dei loro dipendenti su un pianeta arrivato sull'orlo del collasso. I cambiamenti climatici (l'aumento delle temperature associato a temporali sempre più devastanti) ha drasticamente ridotto le risorse alimentari a disposizione per una popolazione in continuo aumento. La povertà ha determinato un aumento della violenza e il turismo sessuale è una delle pratiche oramai diffuse senza controllo.
    Nei recinti si vive una vita più tranquilla, anche se non tutti accettano l' auto reclusione: la madre di Jimmy, ad esempio, è sempre più depressa e sospettosa rispetto al lavoro degli scienziati del recinto, che si occupano di manipolazione genetica per fornire nuovi organismi di cui cibarsi e allo stesso tempo producono qualunque tipo di pillola in grado di migliorare la tonicità della pelle, l'umore o il risultato di un concepimento.
    Ma questo accadeva prima: ora Jimmy è diventato Uomo delle Nevi e si trova solo a cercare di sopravvivere in un pianeta devastato: vicino a lui vivono i Craker, tribù di uomini e donne giovani, perfetti e adatti alla nuova situazione ambientale: esseri semplici, progettati per essere felici, al sicuro da fantasie, paure, desideri. In un qualche modo Jimmy aveva promesso di prendersi cura di loro e adesso quella promessa, per quanto ridicola, lo tiene legato a quegli esseri dalle corpi colorati.
    In un alternanza di descrizioni del presente e flash-back, la storia ci viene narrata dal punto di vista di Jimmy: il dolore per la scomparsa della madre, l'amicizia con il geniale Craker, l'amore per Oryx.
    Margaret Atwood, scrittrice canadese classe 1939, ha dedicato la sua vita alla scrittura e all'impegno politico e sociale, interessandosi in particolare ai temi della sostenibilità della presenza della razza umana sulla terra, alle tematiche femministe e alle problematiche legate ai rapporti di potere in ambito sessuale. Il romanzo, in modo evidente, tratteggia un possibile futuro catastrofico partendo dai problemi più evidenti dell'oggi.
    Come ogni romanzo “a tesi”, risulta abbastanza prevedibile e manca in parte di un elemento essenziale per le narrazioni fantastiche: la capacità di aprire scenari davvero inediti e di offrire al nostro sguardo mondi mai immaginati. Ma non era questo l'intento dell'autrice, che riesce comunque a regalarci passaggi interessanti nei momenti più statici della narrazione: il dialogo farneticante che Uomo delle Nevi intesse in solitudine, con evidenti richiami a Robinson Crusoe e a tutti i suoi successori, sono intense, poetiche e intelligenti.

    said on 

  • 4

    Gli ho dato quattro stellette (magari una mezza stelletta è pure regalata).
    Mi è piaciuto, ma non posso dire che mi abbia appassionato.
    Forse la scrittura della Atwood non è nelle mie corde.
    La cosa c ...continue

    Gli ho dato quattro stellette (magari una mezza stelletta è pure regalata).
    Mi è piaciuto, ma non posso dire che mi abbia appassionato.
    Forse la scrittura della Atwood non è nelle mie corde.
    La cosa che forse mi ha più infastidito è vedere che tutto (per tutto intendo l'apocalisse prossima ventura e tante altre cose che non dirò per evitare spoiler) dipenda, alla fine, da tre persone (per quanto una possa essere considerata un genio).
    Rimane il desiderio di leggere l'intera trilogia dell'Adamo Pazzo.

    said on 

  • 4

    Fantascienza sociale ai massimi livelli, L'ultimo degli uomini è un resoconto plausibile del collasso della società causato da un esasperato corporativismo tecnocratico. La Atwood usa abilmente il suo ...continue

    Fantascienza sociale ai massimi livelli, L'ultimo degli uomini è un resoconto plausibile del collasso della società causato da un esasperato corporativismo tecnocratico. La Atwood usa abilmente il suo protagonista (consapevole eppure partecipe del tracollo finale) e riesce a farsi seguire dal lettore nonostante, a conti fatti, tolti qualche flashback e un paio di scene, abbia confezionato un romanzo praticamente scevro di azione e di tensione. Consigliato.

    said on 

  • 4

    La trilogia del disastro della Atwood comincia da qui

    Mi sono avvicinata a questo libro, il primo di una trilogia che leggerò, con molta curiosità per il semplice fatto che è scritto dalla Atwood, la cui penna ho adorato con l'ASSASSINO CIECO.
    Un libro d ...continue

    Mi sono avvicinata a questo libro, il primo di una trilogia che leggerò, con molta curiosità per il semplice fatto che è scritto dalla Atwood, la cui penna ho adorato con l'ASSASSINO CIECO.
    Un libro diverso, particolare, sicuramente curioso, ma la penna della Atwood si riconosce, anche se non ai livelli del suo capolavoro. Se è riuscita lei a farmi leggere un libro ambientato in un futuro non così lontano in cui il genere umano viene sterminato dai virus che ha creato in laboratorio, non c'è da dire nulla di più. E sono pure curiosa di leggere il secondo... Vi terrò aggiornati :)

    said on 

  • 3

    Si tratta del secondo libro che leggo della Atwood e, anche se non mi è piaciuto quanto l'altro ("Occhio di gatto"), ha comunque confermato l'abilità di questa scrittrice. L'ambientazione è resa ottim ...continue

    Si tratta del secondo libro che leggo della Atwood e, anche se non mi è piaciuto quanto l'altro ("Occhio di gatto"), ha comunque confermato l'abilità di questa scrittrice. L'ambientazione è resa ottimamente, anche se rischiava di apparire cliché è riuscita a rendere vividi e plausibili entrambi i mondi post- e pre-apocalittici. Ottimo il modo in cui ha gestito l'alternarsi dei vari flashback, è stata una delle caratteristiche che ho apprezzato di più insieme alla ricchezza di riferimenti e spunti di riflessione. Se c'è un difetto è forse la difficoltà che ho incontrato nell'empatizzare con i personaggi e le loro storie, passati in secondo piano di fronte alla ricchezza dell'ambientazione e allo stile dell'autrice.
    Voto: 7,5

    said on 

Sorting by