Padri e figli

Di

Editore: Einaudi (Einaudi tascabili; 556)

4.1
(1816)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 238 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo , Tedesco , Spagnolo , Finlandese

Isbn-10: 8806140027 | Isbn-13: 9788806140021 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuseppe Pochettino ; Prefazione: Franco Cordelli

Disponibile anche come: Altri , Cofanetto , Tascabile economico , Copertina rigida , Rilegato in pelle , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Padri e figli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Padri e figli" è il primo romanzo specifico sul difficile succedersi dellemoderne generazioni. Come scrive Franco Cordelli nell'introduzione, "Bazarov,come ogni altro uomo, è un gigante - non c'è uomo che non abbia un compito,non foss'altro che quello di morire... Nessuna superbia in Turgenev; nessunavolontà di potenza; nessuna eccezione".
Ordina per
  • 5

    “Un figlio è come una fetta di pane tagliata via. È come un falco, viene quando vuole e quando vuole se ne va via; noi invece siamo come due funghi nel cavo di una quercia, ce ne stiamo qui, uno vicino all’altro, e non ci muoviamo”

    Breve romanzo (e, per inciso, di facile lettura, sia riguardo alla diffusa difficoltà nel memorizzare i nomi dei personaggi russi sia per assenza di contorti dialoghi filosofici) pubblicato nel 1862.
    ...continua

    Breve romanzo (e, per inciso, di facile lettura, sia riguardo alla diffusa difficoltà nel memorizzare i nomi dei personaggi russi sia per assenza di contorti dialoghi filosofici) pubblicato nel 1862.
    La fama che ebbe e si trascina dietro ad oggi, è tutta da far risalire alla situazione russa degli anni ’60: grandi fermenti politici in cui si mettono in atto riforme sociali di portata epocale. Prima fra tutte: l’emancipazione della servitù della gleba firmata da Alessandro II.
    “Padri e figli” rispecchia nella finzione narrativa questa fase di trasformazione sociale, con le sue speranze e le sue debolezze, interpretando lo spirito del nuovo mondo che sta avanzando.

    E’ il 20 maggio 1859 quando il giovane Arkadij, appena laureatosi, torna alla casa paterna portando con sé il compagno Bazarov.
    Saranno accolti dal padre Nicolaj e dallo zio Pavel. Proprio quest’ultimo animerà un conflitto -che è il fulcro del romanzo- con il giovane Bazarov.
    Le ostilità cominciano da subito in quanto i due ragazzi si presentano come «nichilisti».
    Mentre il padre Arkadij non prende posizione, lo zio Pavel è dichiaratamente filo-occidentale e sostenitore dei valori aristocratici.
    In un crescendo di tensione, i due giovani decidono di anticipare la partenza e dopo una breve tappa in città si recheranno a casa della giovane vedova Anna e di sua sorella Katija. La convivenza con le due donne mette alla prova sia l’amicizia tra i due ragazzi sia il cinismo di Bazarov che vacilla innamorandosi di Anna.
    Ancora una volta, sarà una partenza a spezzare la tensione ma questa volta dividendo strade e destini. Bazarov tornerà alla casa paterna. Dove troverà ad attenderlo l’amore morboso dei genitori e il suo destino…

    Questa a grandi linee la trama.
    Per saperne di più consiglio questo piacevole video riassunto di Davide Riondino (“Per un pugno di libri”):
    http://www.youtube.com/watch?v=ct6cKOtZ-rY

    Alcune riflessioni .

    Sembra evidente che i viaggi intrapresi dai due giovani siano simbolo di un percorso di conoscenza – di sé e del mondo circostante- di cui è protagonista tutta una generazione - ossia, quella dei «figli». Un cammino di crescita.

    Bazarov è uno di quei protagonisti della finzione letteraria che acquista una forza tale da uscire dalla pagina scritta e diventare il fulcro di un acceso dibattito che si riversa nel mondo reale.
    Contro la figura di Bazarov, da un lato, si oppongono i rivoluzionari che accusano Turgenev di aver enfatizzato solo i punti deboli e oscuri del nichilismo.
    Contemporaneamente, però, i reazionari accusano l’autore di aver dato fin troppo spazio alle nocive nuove idee e, pertanto, di essersi dichiarato loro seguace.

    Lo scontro Bazarov/Pavel rispecchia proprio lo scontro tra due generazioni che si stanno fronteggiano di fronte all’evolversi della Storia.
    L’epoca zarista, da un lato, che si arrocca sui valori della tradizione mentre i giovani rivoluzionari mordono il freno perché avanzi un nuovo mondo.

    Un assaggio:

    «Aristocrazia, liberalismo, progresso, principi», diceva, intanto Bazarov, «quante parole straniere e inutili! All’uomo russo non servono nemmeno se gliele regalano».
    «E che cosa gli serve, secondo la sua opinione? A sentir lei noi ci troviamo fuori dall’umanità, fuori dalle sue leggi. Ma, mi scusi, la logica della storia esige…».
    «E a che cosa ci serve la logica! Possiamo farne a meno».
    «Come?»
    «Così. Io spero che lei non abbia bisogno della logica per mettersi in bocca un pezzo di pane, quando ha fame. Siamo molto lontani da queste astrazioni!»
    Pavel Petrovič agitò le braccia.
    «Non la capisco più. Lei offende il popolo russo. Non capisco come sia possibile non riconoscere i principi, le regole! In forza di che cosa agite, allora?»
    «Le ho già detto, caro zio, che noi non riconosciamo l’autorità», intervenne Arkadij.
    «Noi agiamo in forza di ciò che riteniamo utile», disse Bazarov. «Adesso più utile di ogni altra cosa è la negazione, e noi neghiamo».
    «Tutto?»
    «Tutto».
    «Come? Non solo l’arte, la poesia… ma… fa paura dirlo…».
    «Tutto», ripeté Bazarov con una calma assoluta.
    Pavel Petrovič lo fissò, non si aspettava tanto, Arkadij quasi arrossì per la soddisfazione.
    «Ma, mi permetta», intervenne Nikolaj Petrovič, «voi negate tutto o, per usare una parola più esatta, distruggete tutto… Invece, bisogna anche costruire».
    «Non è compito nostro… Prima bisogna sgombrare lo spazio».

    Per concludere
    Turgenev mette in scena un conflitto che non trova soluzioni.
    In fin dei conti, se soppesato con la precarietà della vita, tutto questo filosofeggiare appare meschino.
    Quel niente, quel vuoto tanto declamato è degno di rappresentare un’esistenza?
    E’ degna di essere vissuta una vita senza alcun significato?
    Pare proprio di no...

    «ho riempito con del fieno lo spazio rimasto vuoto nella mia valigia, lo stesso si fa con la nostra vita, la si riempie di quello che capita purché non rimangano spazi vuoti.»

    ha scritto il 

  • 5

    Quando un libro come "Padri e figli" ci capita tra le mani si resta sgomenti, troppa bellezza. Dio, semmai dovesse esistere, dovrebbe mostrare maggiore saggezza ed elargire gioie e dolori in maniera p ...continua

    Quando un libro come "Padri e figli" ci capita tra le mani si resta sgomenti, troppa bellezza. Dio, semmai dovesse esistere, dovrebbe mostrare maggiore saggezza ed elargire gioie e dolori in maniera più equa e non tutte insieme, ché così si rischia di morire. Di dolore oppure di piacere.

    ha scritto il 

  • 4

    Un forte racconto di divisione generazionale nel momento in cui in Russia avanzava il nichilismo, le cui teorie sul nulla rapisce i giovani allontanando ancora di più queste generazioni tra loro. ...continua

    Un forte racconto di divisione generazionale nel momento in cui in Russia avanzava il nichilismo, le cui teorie sul nulla rapisce i giovani allontanando ancora di più queste generazioni tra loro.

    ha scritto il 

  • 3

    null

    Scandaglio di un'anima o esercizio di stile? Bazarov sembra un personaggio creato per dimostrare qualcosa, estremo e evanescente. La scrittura è molto fruibile, ricca di dialoghi e non detti, povera d ...continua

    Scandaglio di un'anima o esercizio di stile? Bazarov sembra un personaggio creato per dimostrare qualcosa, estremo e evanescente. La scrittura è molto fruibile, ricca di dialoghi e non detti, povera di descrizioni. Ho la sensazione che con la traduzione si sia perso qualcosa.

    ha scritto il 

  • 2

    Certamente al di sotto della grande letteratura russa dell'Ottocento. Sono rimasto deluso probabilmente perché, avendo letto quasi tutte le opere di Dostoevskij, Tolstoj, Cechov e l'Oblomov di Goncaro ...continua

    Certamente al di sotto della grande letteratura russa dell'Ottocento. Sono rimasto deluso probabilmente perché, avendo letto quasi tutte le opere di Dostoevskij, Tolstoj, Cechov e l'Oblomov di Goncarov, sognavo un romanzo della stessa pasta, che mi immergesse nelle stesse spesse atmosfere sociali e culturali, ma soprattutto nell'intensa e contorta psicologia che caratterizza gli autori citati.

    ha scritto il 

  • 3

    So and so

    Turgenev ha un merito, quello di aver racchiuso la negazione di senso, scopo, valore intrinseco, obiettivi, morale alla vita e al mondo, nel temine nichilismo, da lui inventato.
    Questo sforzo di sinte ...continua

    Turgenev ha un merito, quello di aver racchiuso la negazione di senso, scopo, valore intrinseco, obiettivi, morale alla vita e al mondo, nel temine nichilismo, da lui inventato.
    Questo sforzo di sintesi si traduce in alcune pagine notevoli, specie quelle che descrivono le differenti visioni dell'esistenza da parte del protagonista Bazarov e di Pavel, zio del suo migliore amico. E proprio questi sembrano i due personaggi meglio tratteggiati, e proprio questo sembra il fulcro del libro che poi si trascina verso un finale più scontato che innovativo, meno ispirato nella parte che descrive l'amore e di certo non memorabile.

    ha scritto il 

Ordina per