Pastorale americana

Di

Editore: Einaudi (Supercoralli)

4.2
(5770)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 423 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Russo , Tedesco , Olandese , Sloveno , Portoghese , Svedese , Catalano , Finlandese , Ceco , Greco

Isbn-10: 8806147382 | Isbn-13: 9788806147389 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vincenzo Mantovani

Disponibile anche come: Altri , Paperback , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Pastorale americana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Pastorale americana non è soltanto un'allegoria politica, è anche un libro sulla vecchiaia, la memoria e l'intollerabilità di certi ricordi. A narrare l'accanirsi del destino sullo Svedese è un suo compagno di scuola, Nathan Zuckerman, protagonista di molti romanzi di Roth e alter - ego dello scrittore. Bastano pochi dettagli captati nel corso di una fugace conversazione, durante una festa di ex allievi del liceo di Newark, per far sentire a Zuckerman l'assoluta necessità di raccontare la storia di Seymour. E sono proprio i dettagli, con la forza della loro evidenza e apparente banalità, a infondere vita al racconto: dettagli del degrado di una città, della rabbia di una generazione, della solitudine di un padre.
Ordina per
  • 4

    Non entusiasmante, è ovvio. Non è un libro che nasce per entusiasmare, piuttosto per sconvolgere e turbare, per invitare alla riflessione su qualcosa che probabilmente è molto più vicino a noi di quan ...continua

    Non entusiasmante, è ovvio. Non è un libro che nasce per entusiasmare, piuttosto per sconvolgere e turbare, per invitare alla riflessione su qualcosa che probabilmente è molto più vicino a noi di quanto ognuno possa immaginare.

    Ho trovato di enorme raffinatezza intellettuale le conversazioni fra lo Svedese e sua figlia: di autentica ed energica passionalità le motivazioni avanzate da Merry a suo padre che risponde con sgomento e incredulità all'atteggiamento della ragazza. Merry è una vivace ragazza americana che non accetta la posizione assunta dal suo Paese nella guerra in Vietnam, e nel rifiutarla dà tutta se stessa in questa disperata ricerca dei mezzi per bloccare ciò che ritiene ingiusto. Lo fa con lo strumento meno appropriato - ossia la violenza - ma lo fa con la smania di chi è appena entrato nelle dinamiche della vita. Così facendo, piazzando una bomba che toglie la vita a quattro persone innocenti, non solo rovina la tranquillità della sua famiglia, ma toglie anche il fiato all'uomo che di lunghi sospiri, di pacatezza e civiltà aveva nutrito la sua esistenza: suo padre.

    L'elettrizzante contrasto fra le personalità di questi due personaggi porta avanti la storia e conduce ad una fine insolita, barcollante, incerta e decisa allo stesso tempo. Lo Svedese non ha più nessuna certezza (o forse non l'ha mai avuta?), non è più il cardine della razionalità, non sorregge più un solido equilibrio; tutto intorno a lui sembra sgretolarsi e rapidamente ricostituirsi. Il libro termina come è cominciato: l'elemento che sconvolge tutta la storia, Merry, sembra passare in secondo piano e sotto i riflettori della narrazione emergono i contrasti familiari, i tradimenti, le menzogne e la falsità. Bellissima lettura.

    ha scritto il 

  • 5

    Ok, è un libro impegnativo, fatto di parentesi aperte, chiuse, riaperte, digressioni spassose o riflessioni profondissime.Ma è una bella esperienza perdersi in questo mare, assaporare la parola così " ...continua

    Ok, è un libro impegnativo, fatto di parentesi aperte, chiuse, riaperte, digressioni spassose o riflessioni profondissime.Ma è una bella esperienza perdersi in questo mare, assaporare la parola così "giusta" così nitida. Se vi fa piacere soffermatevi sulle dinamiche ebrei-USA; oppure sul tempo che ci trasforma e ci rende spesso..... peggiori; o ancora sul senso di redenzione e di risarcimento che l'uomo si porta dietro come una borsa pesante; ridete per quelle pagine che sfiorano la comicità e commuovetevi quando ne avete voglia.Una cosa sola credo sia necessaria: non considerare "Pastorale Americana" come un libro perfetto, intoccabile, da leggere a senso unico perché ci dicono che è un capolavoro...E' il capolavoro rothiano, proprio per la sua imperfezione, per quel perdersi e ritrovarsi, per quella voglia di rileggerlo o di rileggerne alcune parti, così, perché ne ricordiamo la forza....A volte torno a gustarmi il folgorante inizio, o il dialogo-duetto irresistibile tra il padre dello Svedese e la futura moglie dello stesso Svedese...Un favore a uno dei più bravi scrittori viventi possiamo farlo: leggere "Pastorale" e regalarlo...

    ha scritto il 

  • 0

    troppo

    primo Roth e per tutto quello che c'è dentro vale per altri dieci: tanto, tutto di livello più che buono e narrato con sapienza e talento ma così tanto che ti senti accerchiato,sommerso.
    a sensazione ...continua

    primo Roth e per tutto quello che c'è dentro vale per altri dieci: tanto, tutto di livello più che buono e narrato con sapienza e talento ma così tanto che ti senti accerchiato,sommerso.
    a sensazione credo sia uno di quei romanzi da rileggere enne volte,una per ogni spunto narrativo trattato.

    ha scritto il 

  • 4

    E' il primo che leggo di Roth, quindi non so ancora se questo valga come sua cifra stilistica generale, oppure se solo per questo romanzo.
    La scrittura è torrenziale e travolge, se non proprio stordis ...continua

    E' il primo che leggo di Roth, quindi non so ancora se questo valga come sua cifra stilistica generale, oppure se solo per questo romanzo.
    La scrittura è torrenziale e travolge, se non proprio stordisce, il lettore, in un continuo alternarsi di io narrativo, di piani temporali e di argomento trattato.

    Sembra che Roth, un giorno, abbia aperto improvvisamente i rubinetti, e raccontato una storia all'apparenza disordinata, come un bisogno irreprensibile che trova nella propria forma, anche la sostanza.

    Si parla di America, certo, Vietnam eccetera, di integrazione, del magnificamente scolpito Svedese, di ebrei, amore e cose, ma, forse, più di tutti Roth vuole parlare del caos di cui è soggetto lo scorrere della vita di ognuno di noi, un caos che si genera anche, se non soprattutto, tanto più si cerca di opporvisi.

    Un uomo che fa di tutto per far si che la sua vita scorra senza scossoni, che non fa niente per amore dell'equilibrio nella propria esistenza, si vedrà investito da una forza caotica di uguale potenza.
    E con lo stesso stile "caotico e disordinato" è scritto il libro, forse per sottolineare meglio il concetto alla base dell'ispirazione dello scrittore.

    Opponiti al caos, fingi che non esista, metti tutti i mattoni in modo che il castello non possa crollare mai, e l'epicentro del terremoto ti esploderà proprio sotto il culo, facendoti capire quanto inutili sono state le difese che tu piccolo uomo hai eretto di fronte al motore più antico dell'Universo.

    Grazie Philip.

    ha scritto il 

  • 3

    "Pastorale Americana" è la storia dello Svedese, alias Seymour Levov, che incarna perfettamente l'ideale del sogno americano, l'uomo che ce l'ha fatta a costruirsi una vita perfetta con una moglie per ...continua

    "Pastorale Americana" è la storia dello Svedese, alias Seymour Levov, che incarna perfettamente l'ideale del sogno americano, l'uomo che ce l'ha fatta a costruirsi una vita perfetta con una moglie perfetta e bellissima (ex Miss New Jersey), un lavoro perfetto in una nazione, gli Stati Uniti d'America, che ama e rispetta profondamente. Ma questo sogno viene infranto quando la figlia Merry porta letteralmente in casa la guerra, diventando un'attivista contro la guerra del Vietnam e facendo esplodere lo spaccio vicino casa, per sparire poi dalla circolazione gettando lo Svedese e la mamma Dawn nello sconforto più totale. La storia prosegue poi seguendo i pensieri e le difficoltà dello Svedese.

    Il libro è molto bello, alla fine si tratta di una grande critica al modello di società ed economia occidentali, quindi è estramemente interessante e fa riflettere molto. Lo stile è quello tipico di Roth anche se l'ho trovato leggermente più cupo e meno ironico rispetto ad altri suoi testi che ho letto. Il mio voto è 3 stelle e mezzo perchè trovo sia un po'troppo lento e ripetitivo per certi versi (pagine e pagine a descrivere come si fabbricano i guanti, oppure pagine e pagine per parlare del concorso di Miss America... troppe!) e questo secondo me è solo in parte giustificabile, perchè comunque rende la lettura molto più pesante senza aggiungere niente di indispensabile. Ho preferito "La macchia umana" che considero nettamente superiore.

    ha scritto il 

  • 4

    melting pot of poison - ascesa e declino del sogno americano

    Gli Stati Uniti d’America, forse l’unico paese al mondo che ha nella sua dichiarazione fondante la ricerca della felicità, il paese in cui tutti possono aspirare al denaro, alla fama, al successo…il p ...continua

    Gli Stati Uniti d’America, forse l’unico paese al mondo che ha nella sua dichiarazione fondante la ricerca della felicità, il paese in cui tutti possono aspirare al denaro, alla fama, al successo…il paese del sogno americano appunto.

    Ecco che nelle pagine dense, sfaccettate e drammatiche di Roth questo sogno si sfalda lentamente, come la vita e le certezze dei protagonisti. la felicità che sembra così facile, così a portata, una volta che ci sono la bellezza, i soldi, il talento, la fama, si dissolve lentamente sotto l’azione di una società disgregata, che trova il modo di essere vitale e desolante, che sa creare solitudine, rabbia e violenza… che sa allevare generazioni frustrate e idealiste, ribelli fino all’autodistruzione, che sembra riuscire a far convivere valori tradizionali e radicalismo, etnie, religioni e culture in un melting pot (of poison) amaro e inevitabile, al di là del bene e del male, dell’ottimismo e delle illusioni.

    Mai l’America è stata descritta con questa ricchezza di sfumature, mai è stata così vera e così inesorabilmente conflittuale e contraddittoria, triste e violenta. Roth ci mostra tramite delle storie personali che non sono strettamente esemplari, ma simboliche sì, molte delle crepe nelle fondamenta sulle quali il sogno è stato edificato.

    *in god we trust* è scritto sull’altro simbolo per eccellenza dell’America, il dollaro, ma neppure un dio onnipotente potrebbe salvare dal naufragio patria e famiglia, in un fallimento che coinvolge sia la dimensione privata che quella collettiva, sociale.

    La crisi del conformismo borghese, ipocrita e dall’ottuso ottimismo e l’inadeguatezza della giovane generazione che ne contesta i valori, si avviluppano in una lotta e rincorsa di responsabilità che lascia sul campo solo dei vinti…e nessun vincitore.

    A Roth manca forse un ultimo passaggio, per sancire il definitivo tramonto del sogno americano, inteso anche come trionfo dell’ottimismo e del mito della ricchezza che porta felicità: quello di portare alla luce l’esistenza di quegli enormi divari sociali di una società classista e spietata (al di là di quelli marginalmente, ma magistralmente sottolineati tra america WASP e quella dei figli di immigrati europei cattolici e ebrei), pur se relativamente meritocratica, che sono una delle cause della crisi. Però mica ci siamo sposati un comunista!

    4 stellette e mezza al valor civile, ma solo per una certa pesantezza nella lettura, dovuta alla densità della trattazione.

    ha scritto il 

  • 5

    Il fiume svedese

    Sconsiglio questo libro a genitori impressionabili che hanno figli adolescenti con il poster di Che Guevara in camera. Potrebbero farsi strane idee. Io sono sempre stata dalla parte di chi lotta e di ...continua

    Sconsiglio questo libro a genitori impressionabili che hanno figli adolescenti con il poster di Che Guevara in camera. Potrebbero farsi strane idee. Io sono sempre stata dalla parte di chi lotta e di chi non si adegua all'ordine precostituito delle cose, ma giuro che dopo ogni pagina avevo il desiderio di prendere a schiaffi Merry.
    Lo svedese e sua moglie sono la coppia perfetta, giovani e belli, lo sportivo e la reginetta di bellezza, una vita fin troppo facile almeno in apparenza, una vita agiata ottenuta con il lavoro di entrambi e una figlia amata alla quale non è mancato mai niente. Il vero sogno americano che si è realizzato nella generazione precendente e completato in loro, figli di emigranti. Può, poi, un sogno trasformarsi in un incubo? Può e succede nel modo peggiore, attraverso un morto. Una vita perfetta, una famiglia perfetta, un amore assoluto per quella figlia ed una bomba che ha fatto saltare tutto in aria. Lo svedese non riesce a farsene una ragione, dove ha sbagliato e perché? Sono domande che la maggior parte di noi si pone in determinati momenti della vita, domande alle quali il più delle volte non si riesce a dare una risposta. Superare o meno ciò che ci accade sta in questo: nel saper accettera che risposte, talvolta, non ce ne sono. Lo svedese non ci riesce, vuole salvare quella figlia, vuole tenere insieme quella famiglia, finge che le cose possano continuare a trascorrere normalmente, ma è realmente possibile?
    Durante la lettura di questo libro, a volte, ho immaginato lo svedese come un fiume, o meglio come se lui desiderasse essere un fiume che scorre e che arriva al mare, alla sua conclusione nonostante gli ostacoli; ma, mentre un fiume può ignorare qualsiasi cosa incontri sul suo cammino, per quanto tempo un uomo può fingere la calma mentre in realtà vorrebbe esplodere?

    ha scritto il 

  • 4

    "I fuorilegge sono dappertutto. Hanno varcato la soglia."

    "Non sei tenuto a venerare la tua famiglia, non sei tenuto a venerare il tuo paese, non sei tenuto a venerare il posto in cui vivi, ma devi sapere che li hai, devi sapere che sei parte di loro. Perché ...continua

    "Non sei tenuto a venerare la tua famiglia, non sei tenuto a venerare il tuo paese, non sei tenuto a venerare il posto in cui vivi, ma devi sapere che li hai, devi sapere che sei parte di loro. Perché chi non lo sa, è la fuori da solo, e mi fa pena."

    "Tutti abbiamo una casa. E' lì che va sempre tutto storto."

    ha scritto il 

  • 4

    Personalmente, avrei maggiormente gradito un romanzo più breve, lungo anche la metà di quello licenziato da Roth. Non per questo voglio sostenere che "Pastorale americana" sia eccessivamente lungo: la ...continua

    Personalmente, avrei maggiormente gradito un romanzo più breve, lungo anche la metà di quello licenziato da Roth. Non per questo voglio sostenere che "Pastorale americana" sia eccessivamente lungo: la lunghezza rientra pienamente nella strategia di Roth: per costruire un’anti-pastorale che in modo scientificamente distruttivo palesasse tutte le ipocrisie, le infedeltà, le meschinità e le pochezze della società americana, Roth aveva bisogno proprio di un’opera dal respiro tanto ampio quanto questa, una narrazione individuale dalla dimensione però universale, in grado di abbracciare in toto l’argomento trattato. Ecco perché si tratta di un libro impegnativo che però si lascia leggere, che non entusiasma – non deve entusiasmare! – ma avvince il lettore per via dell’interessa che suscita. "Pastorale americana" mette a nudo l’insospettabile dark side della società americana, mostrandone gli aspetti più ombrosi che altrimenti sarebbero difficili da conoscere.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per