Peter Pan

By

4.2
(3012)

Language: Español | Number of Pages: 195 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , Korean , Italian , French , Catalan , Portuguese , Romanian , Japanese , Czech

Isbn-10: 8475962378 | Isbn-13: 9788475962375 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Peter Pan ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Le mitiche avventure di Peter Pan!

    Finalmente riesco a leggere la storia originale di Peter Pan, il bambino che non voleva diventare adulto. E chi di noi non è un po' Peter Pan? Penso tutto gli adulti lo nascondono ma chi non desiderer ...continue

    Finalmente riesco a leggere la storia originale di Peter Pan, il bambino che non voleva diventare adulto. E chi di noi non è un po' Peter Pan? Penso tutto gli adulti lo nascondono ma chi non desidererebbe tornare bambino e fantasticare mille avventure? Chi non vorrebbe volare? Chi non vorrebbe lottare con i pirati? Un libro che esplora i nostri desideri più nascosti e dove l'autore in fondo ci dice chiaramente che tutti noi vogliamo tornare bambini, anzi, in realtà lo siamo sempre (anche da adulti) solo che ci vergogniamo ad ammetterlo.

    said on 

  • 3

    Peter Pan non crescerà mai, però è invecchiato male!

    Di questo libro ho apprezzato molto la prima parte, "Peter Pan nei giardini di Kensington", ed un po' meno il più famoso "Peter e Wendy"; il tratto che più li accomuna però è l'infinita tristezza che ...continue

    Di questo libro ho apprezzato molto la prima parte, "Peter Pan nei giardini di Kensington", ed un po' meno il più famoso "Peter e Wendy"; il tratto che più li accomuna però è l'infinita tristezza che permea tutta l'opera e che assale il povero lettore. Sarà che l'ho letto da adulto, da piccolo mi piaceva molto la versione Disney, tuttavia non so se consiglierei ancora questo libro ad un bambino.

    said on 

  • 3

    E' una fiaba moderna che rispetta ogni archetipo del genere, incluso il mix inquietante di innocenza e crudeltà, che tanto ci affascina in Peter e che ben si adatta a dipingere la terra misteriosa che ...continue

    E' una fiaba moderna che rispetta ogni archetipo del genere, incluso il mix inquietante di innocenza e crudeltà, che tanto ci affascina in Peter e che ben si adatta a dipingere la terra misteriosa che sta tra l'infanzia e tutto quello che viene dopo.

    said on 

  • 3

    Neverland.

    Il passaggio dall’infanzia all’età adulta è sempre stato considerato da ogni società e da ogni cultura del mondo un momento fondamentale della vita di ogni singolo individuo: attraverso riti e cerimon ...continue

    Il passaggio dall’infanzia all’età adulta è sempre stato considerato da ogni società e da ogni cultura del mondo un momento fondamentale della vita di ogni singolo individuo: attraverso riti e cerimonie, il ragazzo è destinato ad abbandonare la spensieratezza della sua fanciullezza per abbracciare...
    http://forestadicarta.altervista.org/peter-pan-james-matthew-barrie/

    said on 

  • 5

    Meraviglioso. Un libro da leggere assolutamente. Fa sognare, emozionare, commuovere, pensare, immaginare, credere e sperare. Non si può pretendere di più da un romanzo del genere

    said on 

  • 5

    perchè tutti abbiamo ancora bisogno di sognare.

    Non importa quale sia il momento in cui si entra in contatto con questa storia, che si sia bambini, adolescenti o adulti non cambia poi molto. Si rimane incantati da un mondo fatto di magia e di sogni ...continue

    Non importa quale sia il momento in cui si entra in contatto con questa storia, che si sia bambini, adolescenti o adulti non cambia poi molto. Si rimane incantati da un mondo fatto di magia e di sogni, dove le sirene giocano nella laguna, i pirati inseguono i bimbi sperduti e sono a loro volta inseguiti dai pellerossa, dove si può volare e conoscere le fate. L'isola che non c'è è il posto dove per viverci bisogna crederci e per crederci bisogna viverci.
    Se poi a condire il tutto c'è il caro, seppur avvolte smemorato e poco simpatico, Peter Pan allora vale davvero la pena di farci un salto. Fosse anche solo per fare un saluto a Capitan uncino e alla sua ciurma di pirati.
    E in fondo, perchè no, sperare che un giorno da quella finestra posta accanto al nostro letto possa entra Peter per rubarci il bacio nascosto nell'angolo destro della nostra bocca, che a lui è sempre appartenuto.

    said on 

Sorting by