Phenomenology of Spirit

(Galaxy Books)

By ,,

Publisher: Oxford University Press, USA

4.3
(163)

Language: English | Number of Pages: 632 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Spanish , French , Norwegian

Isbn-10: 0198245971 | Isbn-13: 9780198245971 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Others , eBook

Category: Philosophy

Do you like Phenomenology of Spirit ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This brilliant study of the stages in the mind's necessary progress from immediate sense-consciousness to the position of a scientific philosophy includes an introductory essay and a paragraph-by-paragraph analysis of the text to help the reader understand this most difficult and most influential of Hegel's works.
Sorting by
  • 5

    Scrivere una recensione su Hegel è una cosa ridicola. Premessa fatta. Peso tolto. Tutto ciò che segue è libero di non esser serio.

    Alla fine lo odi. Lo odi strenuamente, con tutte le forze. Hegel ques ...continue

    Scrivere una recensione su Hegel è una cosa ridicola. Premessa fatta. Peso tolto. Tutto ciò che segue è libero di non esser serio.

    Alla fine lo odi. Lo odi strenuamente, con tutte le forze. Hegel questo ha di grande: la capacità di far inorridire anche il più paziente e tenace dei lettori. Parliamoci chiaro, non puoi contemporaneamente avere a cuore la tua salute mentale e non detestare Hegel profondamente.

    Quando per la prima volta scorri le pagine, i paragrafi, le singole righe di testo, le parole una ad una, le pagine sono più di cinquecento, Garamond 6 con interlinea pressoché nulla, e non ne vieni a capo, allora lo detesti per il suo modo sgarbato e inospitale di presentarti la sua dannata storia di tutto.

    E dentro di te in fondo lo sai che, disgraziato... Quell'argomentazione avresti potuto presentarla in un mondo di modi diversi, tutti limpidi, e invece no. Assassinami le giornate di sole, mentre la gente passeggia per i parchi, io rintanato nei rari barlumi di intelligibilità, rari che forse sono solo un'illusione di intelligibilità.

    Poi succede che parola dopo parola, torni indietro con le pagine, con la pazienza dei granelli di polvere sospesi nei fasci di luce che illuminano lo spazio sopra la scrivania, allora ci arrivi.

    Merda.

    Merda.

    Merda.

    Uno schiaffo sulla scrivania. Occhi sbarrati sulla pagina aperta, macilenta di scarabocchi e sottolineature a matita. Trattieni il respiro. La sensazione mista di rancore e soddisfazione per aver colto una riflessione dopo giorni di fatiche, a rompercisi la testa su quella proposizione lì.

    E allora realizzi che ha ragione lui. Non avrebbe potuto dirlo in nessun altro modo.

    O forse sì, avrebbe potuto. Ma non ha più senso. Perché il mondo ora pare capovolto. Non sai più se a camminare a testa in giù sei tu o tutti gli altri. Hai le vertigini.

    E i polmoni gonfi.

    said on 

  • 0

    Mi fu data da leggere solo la prefazione, ed è notorimente un enigma. E' di una complessità allucinante, di una pesantezza atroce e di una mala-scrittura assoluta. Peccato, perchè le idee sono immense ...continue

    Mi fu data da leggere solo la prefazione, ed è notorimente un enigma. E' di una complessità allucinante, di una pesantezza atroce e di una mala-scrittura assoluta. Peccato, perchè le idee sono immense. Non posso dir nulla sul corpo del testo perchè non l'ho ancora letto, anche se sono curioso e svogliato allo stesso tempo.

    said on 

  • 5

    Chiarimenti

    Innanzitutto questo libro non è la Fenomenologia dello Spirito, nonostante il suo titolo, ma è una antologia dell'opera con introduzione e commento del bravissimo Marco Vannini. Quindi acquistatela se ...continue

    Innanzitutto questo libro non è la Fenomenologia dello Spirito, nonostante il suo titolo, ma è una antologia dell'opera con introduzione e commento del bravissimo Marco Vannini. Quindi acquistatela se cercate un commento, non il testo dell'opera (*).

    Questo andava premesso perché vedo che le recensioni vertono per lo più sulle impressioni derivanti dai ricordi e del vissuto liceale. Il che non è esattamente un buon modo di fare una recensione.

    Riguardo invece in particolare alla specificità di questo libro, ossia della interpretazione di Vannini, è mio personale convincimento che sia una delle migliori, essendo capace di dare quell'importanza alla spiritualità e a Dio che effettivamente era presente nel testo hegeliano (nonostante tutte le letture della sinistra hegeliana).

    Ultimissima considerazione OT, dato il tono delle recensioni, è che lo studio della filosofia e dell'idealismo in particolare dovrebbe essere facoltativo nelle scuole superiori. Imporre certe letture nuoce alla cultura.

    (*) Alla data della presente recensione il libro risulta fuori stampa. Se ne possono talora trovare copie fra gli usati di ebay.

    said on 

  • 0

    Rimpianto

    Questa non è una recensione è l'espressione di un rimpianto. Nella mia gioventù ho scansato quest'opera e questo filosofo come la peste. La sua prosa era per me incomprensibile e non avevo alcuna inte ...continue

    Questa non è una recensione è l'espressione di un rimpianto. Nella mia gioventù ho scansato quest'opera e questo filosofo come la peste. La sua prosa era per me incomprensibile e non avevo alcuna intenzione di spendere energie per comprenderla. Arrivato in età avanzata ho preso in mano questo libro veramente per la prima volta. La fatica si è ripresentata. Ho resistito e resistito, finché uno spiraglio si è aperto. Uno spiraglio da cui è entrata una luce abbacinante, e ancora è solo uno spiraglio. Chissà se avrò ancora tempo di aprire del tutto la porta.

    said on 

  • 2

    Lavoro immenso e fondamentale per tutta la filosofia e la storia che lo ha seguito, ma spaventosamente illeggibile. La tesi di Hegel è mostrare "il Sapere che sa se stesso" come coincidenza di sostanz ...continue

    Lavoro immenso e fondamentale per tutta la filosofia e la storia che lo ha seguito, ma spaventosamente illeggibile. La tesi di Hegel è mostrare "il Sapere che sa se stesso" come coincidenza di sostanza e coscienza, unione dell'In-sè con l'Essere per sè e come questo avvenga attraverso il divenire, rappresentato dalla Storia, che si manifesta nelle rapprentazioni dello Spirito. Ora Hegel si occupa di tutto e cerca di spiegare tutto, dalla fisica, alla biologia, alle leggi, alla religione attraverso manifestazioni dello Spirito, raffigurato nelle determinazioni dell'essere, nelle percezioni e nell'intelletto puro. Alla base di tutte queste figure stanno dei sillogismi, dove esistono due termini e un medium che li accomuna. Nelle relazioni tra i termini estremi, infatti, una parte non esclude mai completamente l'altra, o meglio, se c'è una parte, per forza, esiste anche l'altra (se c'è un positivo, c'è un negativo, se c'è un interno c'è un esterno e così via): un po' come se avessimo a che fare con una calamita dove esistono due poli che sono inscindibili; non esistono delle sorgenti solo Nord o solo Sud, ma sempre dei campi, dati dai poli Nord e Sud e comunque si spezzi una calamita si troveranno sempre due poli (almeno così sappiamo). Tutto il trattato procede tramite tali relazioni che escludono non solo il principio di identità, superato nel divenire (una cosa è e non è allo stesso tempo), ma anche il principio di causa-effetto (...cosa non da poco).

    said on 

  • 0

    Capolavoro

    Capolavoro assoluto.
    Un libro da leggere e rileggere, secondo gli insegnamenti di Hegel nella prefazione per quanto riguarda il rapporto tra la parte ed il tutto.
    Aspre riflessioni teoriche e disegni ...continue

    Capolavoro assoluto.
    Un libro da leggere e rileggere, secondo gli insegnamenti di Hegel nella prefazione per quanto riguarda il rapporto tra la parte ed il tutto.
    Aspre riflessioni teoriche e disegni mirabili, il procedimento dialettico stimola l'immaginazione ed apre un mondo.

    said on 

  • 5

    Credo che l'aggettivo più idoneo a descrivere questa specie di Everest filosofico sia "potente".
    Il senso di vertigine che si prova nella lettura è simile a quello che si potrebbe provare immersi in un ...continue

    Credo che l'aggettivo più idoneo a descrivere questa specie di Everest filosofico sia "potente".
    Il senso di vertigine che si prova nella lettura è simile a quello che si potrebbe provare immersi in una vorticosa tormenta in alta montagna, soli di fronte alla maestosità di forze incontrollabili e a volte incomprensibili nella loro forza dirompente.
    Il cammino dell'Autocoscienza che attraverso continui tentativi di innalzarsi verso la vetta dell'Assoluto alternati alla visione degli ostacoli che si frappongono all'avanzare della ragione conduce l'uomo a diventare parte della Verità del Concetto, sia essa storica o psicologica, è faticoso ed affascinante. Coscienza, autocoscienza, ragione, spirito, religione e sapere assoluto sono le tappe per raggiungere l'identificazione di in se' e per se', soggetto e oggetto, vita e verità.
    Dopo niente è più lo stesso e la notte in cui tutte le vacche sono nere rimane solo un piccolo punto di discontinuità lungo il cammino dello Spirito.

    said on 

Sorting by