Poirot a Styles Court

Di

Editore: Mondadori (Oscar scrittori moderni. Narrativa, 1499)

3.9
(2855)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 207 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Spagnolo , Francese , Ceco , Catalano , Olandese

Isbn-10: 8804508558 | Isbn-13: 9788804508557 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Diana Fonticoli ; Prefazione: Julian Symons

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Paperback , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Poirot a Styles Court?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Ingegnoso

    Che dire di un libro giallo della regina dei polizieschi? Ingegnoso. Lettura veloce e appassionante che non ti lascia un granché se non provare ad indovinare l'assassino. Questo è il suo romanzo d'eso ...continua

    Che dire di un libro giallo della regina dei polizieschi? Ingegnoso. Lettura veloce e appassionante che non ti lascia un granché se non provare ad indovinare l'assassino. Questo è il suo romanzo d'esordio. Comunque notevole per una debuttante.

    ha scritto il 

  • 3

    La prima indagine di Poirot

    Prima apparizione di Hercule Poirot e primo giallo scritto dalla regina del giallo, la Christie.

    Il suo stile è ancora acerbo ma la storia è ben impostata e riesce piacevolmente a farti appassionare ...continua

    Prima apparizione di Hercule Poirot e primo giallo scritto dalla regina del giallo, la Christie.

    Il suo stile è ancora acerbo ma la storia è ben impostata e riesce piacevolmente a farti appassionare al caso dove ognuno prova a fare le proprie deduzioni. Io ad esempio pensavo a un x come assassino e, come al solito, mi ero sbagliato alla grande.
    Fa piacere seguire le indagini di Poirot seguito dall'amico Hastings.

    ha scritto il 

  • 4

    Autore: britannico (1890-1976). Romanzo del 1920.

    Ariadne Oliver, nei romanzi in cui compare, ha spesso modo di lamentarsi del momento in cui decise di fare di un finlandese insopportabile l’investiga ...continua

    Autore: britannico (1890-1976). Romanzo del 1920.

    Ariadne Oliver, nei romanzi in cui compare, ha spesso modo di lamentarsi del momento in cui decise di fare di un finlandese insopportabile l’investigatore dei propri gialli.
    Cosa che provava, dopo un poco, anche la Christie nei confronti del povero Poirot.
    Quando alla fine lo fece morire (prima di lei) nel 1975, ricostruì la coppia facendo ricomparire Hastings scomparso dai romanzi sin dal 1937, e soprattutto ambientò la vicenda proprio a Styles Court, la casa di campagna in cui tutto iniziò 55 anni prima.

    Una signorile casa di campagna con tenuta, un villaggio in cui il nome dei Cavendish ha un significato, la guerra che costringe all’austerità, Emily ora Inglethorp una padrona di casa dal carattere forte e deciso, due figliastri, John sposato, Lawrence no, una giovane orfana accolta in casa, un famoso esperto di veleni che compare ogni tanto quando c’è la moglie di John, una governante efficiente e un po’ militaresca.
    Cavolo dimenticavo l’uomo più odiato, Alfred Inglethorp, secondo e fresco marito di Emily. E’ vero che ha un bel po’ di anni meno della moglie, ma è descritto un po’ con fisionomia di Landru anche se il caso francese esplose dopo la stesura del romanzo che è del 1915.
    Ovviamente il look di Alfred è necessario alla storia.

    Hastings, convalescente dal fronte, è ospite di John e scoprirà che nel villaggio, a cura della padrona di casa, sono ospitati alcuni profughi tra i quali Poirot. Nessun commento sul fatto che l’U.K. allora ospitasse profughi.

    Il delitto è quello di Emily, avvelenata con della stricnina fantasma.
    Hastings è così ingenuo e tonto da farci sentire dei geni quando possiamo smentire le sue deduzioni. Poirot ha qualche momento di spontanea grulleria che poco alla volta sparirà in un’immagine molto più contenuta.
    Tuttavia la sua mente è già brillante e attenta. E di tutti gli aspetti della vicenda, intricata, poco alla volta coglie l’essenziale, scartando la pula.

    Chissà cosa avrà pensato Agatha quando due aspetti della vicenda saranno utilizzati più tardi per compiere veri delitti.!!!

    rilettura 14.10.2016

    ha scritto il 

  • 5

    Primo capolavoro della Chritsite con protagonista l'investigatore belga Hercule Poirot......mi verrebbe da dire "e se questo è solo l'inizio cosa mi aspetta per il resto??"!!! Assolutamente fantastico ...continua

    Primo capolavoro della Chritsite con protagonista l'investigatore belga Hercule Poirot......mi verrebbe da dire "e se questo è solo l'inizio cosa mi aspetta per il resto??"!!! Assolutamente fantastico, intreccio pazzesco,tasselli buttati li a casaccio che al momento giusto prendono ognuno il proprio posto, indizi che ad un occhio superficiale possono sembrare inutili svelano invece agli occhi esperti di Poirot tutta la loro importanza. Che dire, ad un certo punto (come mi accade praticamente sempre) ho iniziato a sospettare di tutti senza riuscire a trovare il bandolo della matassa e aspettando con ansia che l'investigatore ci svelasse il mistero; qualcosina l'avevo capita ma in tutta onestà ero molto fuori strada!

    ha scritto il 

  • 5

    Sono di nuovo stata fregata.

    Da un po' di tempo ho iniziato a leggere le storie di Poirot e da un po' di tempo cerco invano di scoprire l'assassino prima della fine del romanzo, cercando di dedurlo dagli indizi raccolti, ma anche ...continua

    Da un po' di tempo ho iniziato a leggere le storie di Poirot e da un po' di tempo cerco invano di scoprire l'assassino prima della fine del romanzo, cercando di dedurlo dagli indizi raccolti, ma anche questa volta Agatha Christie mi ha illuso di essere arrivata alla soluzione del caso e poi alla fine, proprio come Hastings sono rimasta a bocca aperta, mentre Poirot rivelava a tutti chi era l'assassino. Speravo che almeno nel romanzo d'esordio, le capacità della Christie non fossero ancora così sviluppate e che per una volta sarei arrivata da sola alla soluzione del caso, invece niente. Agatha Christie è un genio e per l'ennesima volta è riuscita a fregarmi. La signora del giallo non delude mai.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo è il primo libro scritto dalla Christie, e posso dire che mi è piaciuto molto.
    In questa storia da la sua prima comparsa Poirot, che però è già un investigatore anziano ed esperto. Grazie alle ...continua

    Questo è il primo libro scritto dalla Christie, e posso dire che mi è piaciuto molto.
    In questa storia da la sua prima comparsa Poirot, che però è già un investigatore anziano ed esperto. Grazie alle sue intuizioni alla fine si riuscirà a svelare l'intricato mistero, che come al solito rivelerà un colpevole insospettabile. Una storia intricata ed appassionante: la Christie era partita col botto insomma.
    Mi ha fatto un po' strano leggere gli eventi dalla voce di Hastings, a mio parere troppo ingenuo e sempliciotto.
    Nonostante questo, davvero un ottimo giallo, consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Non a caso...la signora del giallo!

    Questo è il primo libro scritto da Agatha Christie e vede anche la nascita di uno dei suoi personaggi più famosi - che a zia Agatha non stava troppo simpatico - Hercule Poirot. La trama è astuta, arzi ...continua

    Questo è il primo libro scritto da Agatha Christie e vede anche la nascita di uno dei suoi personaggi più famosi - che a zia Agatha non stava troppo simpatico - Hercule Poirot. La trama è astuta, arzigogolata, non a caso è stata chiamata la regina del giallo. Ora come ora un colpevole come questo (non rivelo nulla tranquilli) magari potremmo aspettarcelo, dopo tanta narrativa e tv; ma qui siamo nel 1920 davvero una antesignana e non si considerava neanche una scrittrice!!!

    ha scritto il 

Ordina per