Praticamente innocuo

Di

Editore: Mondadori

3.8
(2044)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 266 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Portoghese , Giapponese

Isbn-10: 8852022600 | Isbn-13: 9788852022609 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: L. Serra

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Praticamente innocuo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Si conclude con questo volume la paradossale, amatissima saga di Douglas Adams, iniziata con la Guida galattica per gli autostoppisti , l'unica "trilogia in cinque parti" della storia della letteratura che ha conquistato quindici milioni di lettori nel mondo. Distrutto il pianeta Terra, non sono ancora finite le pazzesche avventure dei due esuli delle galassie, Arthur Dent e il suo amico alieno Ford Prefect. Dopo il lungo periodo trascorso sul nostro pianeta, questi è avvilito perché i redattori della Guida Galattica hanno condensato il risultato delle sue ricerche in due sole parole: praticamente innocuo. In preda allo sconforto, Ford si getta dalle finestre della sua casa editrice, e mentre precipita non può fare a meno di porsi domande inquietanti: perché le finestre del tredicesimo piano dell'edificio sono oscurate? Chi è la creatura simile a un uccello che gli sembra di intravvedere di là da esse? E perché i guardiani assomigliano ai perfidi Vogon? Per rispondere, Ford deve assolutamente trovare il modo di salvarsi.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Quest'ultimo libro mi è piaciuto quasi come il primo; non mi ha fatto sorridere,ma anzi è dolce-amaro insieme e nuovamente intrinseco di satira e humour inglese con senso.
    Arthur è molto nostalgico de ...continua

    Quest'ultimo libro mi è piaciuto quasi come il primo; non mi ha fatto sorridere,ma anzi è dolce-amaro insieme e nuovamente intrinseco di satira e humour inglese con senso.
    Arthur è molto nostalgico del suo pianeta Terra,dopo che la sua ragazza Fenchurch è sparita nel nulla,mentre erano in viaggio su un'astronave; decide di cercare un pianeta simile al suo,con gente quasi umana con cui potersi confrontare,ma quando si rende conto che non è possibile,vende parti di sè,in cambio di passaggi su astronavi per viaggiare e cercare di dimenticarsi tutto. Una di queste navi cade su un lontano pianeta e lui diventa famoso come paninaio,visto che gli abitanti non sapevano assolutamente come farcire il pane. La sua quiete viene interrotta dall'arrivo di Trillian,la ex di Zaphod, che avendo una voglia improvvisa di maternità,ha deciso di comprare un seme,quel seme è proprio di Arthur; così gli presenta la figlia Casualità e va via per lavoro, mollandogliela lì come un pacco.
    Nel frattempo,anche Ford è tornato nella redazione della Guida,che ha cambiato padrone ed intuisce subito che c'è qualcosa di strano, quel qualcosa che porterà a terminare la serie così com'è iniziata,con Arthur e Ford insieme e universi paralleli incasinati.
    Secondo me,non poteva esserci finale diverso.

    ha scritto il 

  • 3

    Finale dolceamaro

    Mamma mia che finale ç_ç ma siamo impazziti?
    Comunque per concludere la saga, dico che i miei libri preferiti della Guida rimangono quelli in cui Arthur e Ford sono insieme. La migliore "coppia" di se ...continua

    Mamma mia che finale ç_ç ma siamo impazziti?
    Comunque per concludere la saga, dico che i miei libri preferiti della Guida rimangono quelli in cui Arthur e Ford sono insieme. La migliore "coppia" di sempre, due protagonisti di cui non ti stancheresti mai di leggere i dialoghi e battibecchi. Quando sono da soli invece perdono qualcosa, in particolare Arthur. Random vince la palma d'oro come: "dannato personaggio, ti odio".

    ha scritto il 

  • 2

    Depressing

    It's like Douglas Adams was depressed, so that Arthur Dent was depressed, and so of course the reader would get depressed too. It's a book about angst, mainly, and bad surprises and unlucky odds. It d ...continua

    It's like Douglas Adams was depressed, so that Arthur Dent was depressed, and so of course the reader would get depressed too. It's a book about angst, mainly, and bad surprises and unlucky odds. It drags on and on, anticipating some major event, which somehow fails to happen or be explained. The end doesn't really resolve things. Although the writing is always brilliant and there are some funny moments here and there, this is definitely the worst of the five books.

    ha scritto il 

  • 2

    Appena sufficiente, pochi spunti che mi hanno fatto davvero sorridere, e finale che non mi è piaciuto.
    Adams col proseguire della saga ha finito per perdersi nei meandri del suo stesso nonsense.

    I pri ...continua

    Appena sufficiente, pochi spunti che mi hanno fatto davvero sorridere, e finale che non mi è piaciuto.
    Adams col proseguire della saga ha finito per perdersi nei meandri del suo stesso nonsense.

    I primi due libri sono di gran lunga i piu belli.

    ha scritto il 

  • 4

    Il degno e terribile finale.

    "Che carne è questa?"
    "Ah sì, ehm, Bestia Perfettamente Normale."
    "Cosa?"
    "Bestia Perfettamente Normale. Sembra un po' una mucca, o meglio un toro. Anzi, forse somiglia di ...continua

    Il degno e terribile finale.

    "Che carne è questa?"
    "Ah sì, ehm, Bestia Perfettamente Normale."
    "Cosa?"
    "Bestia Perfettamente Normale. Sembra un po' una mucca, o meglio un toro. Anzi, forse somiglia di più a un bufalo. E' un animale grosso, che carica."
    "Allora cos'ha di strano?"
    "Niente, è Perfettamente Normale."
    "Capisco."

    ha scritto il 

  • 4

    L'ultimo romanzo della saga della Guida Galattica per Autostoppisti, “una trilogia in cinque parti” come la definì l'autore, in cui si giunge alla conclusione di tutto; il cerchio si chiude in un tris ...continua

    L'ultimo romanzo della saga della Guida Galattica per Autostoppisti, “una trilogia in cinque parti” come la definì l'autore, in cui si giunge alla conclusione di tutto; il cerchio si chiude in un triste quanto spiazzante epilogo che vede anche l’amichevole partecipazione del numero quarantadue. Dopo il Messaggio Finale di Dio nel quarto volume qui viene fornita un’importante rivelazione sulla sorte di Elvis Presley.
    Credo che mi mancheranno le avventure surreali di Arthur Dent e combriccola.

    ha scritto il 

Ordina per