Primo comando

Di

Editore: TEA

4.0
(730)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 395 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8878180327 | Isbn-13: 9788878180321 | Data di pubblicazione:  | Edizione 16

Traduttore: Paola Merla

Disponibile anche come: Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Viaggi

Ti piace Primo comando?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Jack Aubrey, uomo di mare temerario e orgoglioso soldato della Royal Navy deldiciannovesimo secolo, ha un solo grande sogno: comandare una nave dellaMarina Britannica, incrociare lungo le coste del Mediterraneo edell'Atlantico all'inseguimento di navigli nemici. Quando tutto questo sembraavverarsi, con il comando della corvetta "Sophie", Aubrey scopre i millepericoli del potere: il peso della solitudine, la difficoltà di governare unequipaggio di uomini duri e assetati di denaro, la durezza dei superiori, lalogica crudele della guerra sui mari. Solo l'amicizia con il medico di bordo,Stephen Maturin, gli sarà d'aiuto davanti alla corte marziale.
Ordina per
  • 4

    Bisogna, bisogna, bisogna...

    Bisogna che ti piaccia il mare, che ti piaccia leggere di avventure sul mare, in particolare quando si parla di velieri e non banali navi a vapore; bisogna che magari da ragazzino tu sia cresciuto con ...continua

    Bisogna che ti piaccia il mare, che ti piaccia leggere di avventure sul mare, in particolare quando si parla di velieri e non banali navi a vapore; bisogna che magari da ragazzino tu sia cresciuto con tutti i libri di Salgari, bisogna non spaventarsi dei mille termini marinari usati ma avere voglia di imparare qualcosa con il glossario a fine libro. Ecco, una volta spuntate tutte queste "caselle" allora si è pronti a partire con questo che si rivelerà senz'altro un bel libro, meglio ancora se letto sotto l'ombrellone.
    Ah, aggiungo che è un must anche per gli interessati al periodo napoleonico.

    ha scritto il 

  • 3

    Dedicato agli amanti della vita marinaresca

    Un racconto di avventura marittimo, appesantito dal costante uso di termini navali, e modi di fare e dire, strettamente legati alla vita marinaresca e raramente spiegati.
    Non fosse per questo, che min ...continua

    Un racconto di avventura marittimo, appesantito dal costante uso di termini navali, e modi di fare e dire, strettamente legati alla vita marinaresca e raramente spiegati.
    Non fosse per questo, che mina un po' la lettura da parte di un non esperto di navi, sarebbe un libro piacevole, che ti fa respirare la salsedine, e sentire il rumore delle onde sugli scogli.

    Per chi conosce il mondo marittimo, invece, garantisco una stella in più ;)

    ha scritto il 

  • 3

    Piacevole lettura di avventure per mare, ma troppo infarcita di termini marinareschi.
    Primo volume del ciclo del capitano Jack Aubrey, va comunque letto per capire il carattere dei personaggi e come è ...continua

    Piacevole lettura di avventure per mare, ma troppo infarcita di termini marinareschi.
    Primo volume del ciclo del capitano Jack Aubrey, va comunque letto per capire il carattere dei personaggi e come è iniziata tutta la saga.

    ha scritto il 

  • 3

    Iniziato con grandi aspettative, perché se era godibile come è stato avevo una serie ben affascinante da esplorare e pure lunga.
    Non ha deluso.
    **
    Ora che sono oltre metà della serie devo dire che ha ...continua

    Iniziato con grandi aspettative, perché se era godibile come è stato avevo una serie ben affascinante da esplorare e pure lunga.
    Non ha deluso.
    **
    Ora che sono oltre metà della serie devo dire che ha fatto piacere mettere uno stop.
    Il primo non è il migliore della serie ma era necessario, i personaggi sono ben introdotti e tante cose sono ben scritte...
    Insomma, preso a sé stante, anche no, ma come primo capitolo è bello assai.

    ha scritto il 

  • 4

    Non capisco perché i voti negativi motivati in quanto troppo tecnico. È chiaramente una lettura indicata ad un pubblico specifico ( come lo stesso autore spiega all'inizio). È come se, restando in tem ...continua

    Non capisco perché i voti negativi motivati in quanto troppo tecnico. È chiaramente una lettura indicata ad un pubblico specifico ( come lo stesso autore spiega all'inizio). È come se, restando in tema, chi ha visto master and commander lamentasse che era troppo accurato per essere un bel film. Nel suo ambito, è un valido racconto di avventura

    ha scritto il 

  • 2

    ..che noia..

    sarà che non capisco nulla di barche, navi, salvagenti e più in generale tutto ciò che galleggia...
    sarà che non ho trovato poi così avventurose le avventure raccontate..
    sarà che il protagonista mi s ...continua

    sarà che non capisco nulla di barche, navi, salvagenti e più in generale tutto ciò che galleggia...
    sarà che non ho trovato poi così avventurose le avventure raccontate..
    sarà che il protagonista mi stava antipatico..

    ma a me sto libro è parso proprio una zozzeria!

    ha scritto il 

  • 2

    Piatto e tecnico

    Sono rimasto deluso per la narrazione troppo piatta, a tratti l'ho trovata anche confusa e che tendeva ad accavallare gli eventi, compromettendo il flusso logico del racconto stesso.

    Inoltre a volte i ...continua

    Sono rimasto deluso per la narrazione troppo piatta, a tratti l'ho trovata anche confusa e che tendeva ad accavallare gli eventi, compromettendo il flusso logico del racconto stesso.

    Inoltre a volte i termini sono davvero troppo tecnici e sia nella nautica, che nella Storia e qualche volta anche nella politica, sembra che l'autore abbia voluto fare sfoggio di conoscenza generando frizione alla narrazione.

    Comunque è il primo libro suo che ho letto, leggerò anche il secondo e vedrò se questo stile persiste.

    ha scritto il 

  • 5

    Goduria

    Fantastico, romantico, spietato, sanguigno, elevato, primordiale, regale come solo le avventure di una cerchia ristretta confinata su un guscio di legno sul mare sa essere. Come si fa a non restare in ...continua

    Fantastico, romantico, spietato, sanguigno, elevato, primordiale, regale come solo le avventure di una cerchia ristretta confinata su un guscio di legno sul mare sa essere. Come si fa a non restare incantati dall'esperienza di uomini che del mare hanno fatto la propria casa senza confini? Il "primo comando" dell'imbarcazione corvetta "Sophie" al comandante Jack Aubrey tra battaglie, pedinamenti, servizi di scorta, mare in tempesta e tempeste di terra. A un certo punto volevo non terminasse mai quest'avventura. Sentivo di perdere un compagno. La brutalità dell'interruzione del sogno si accorda allo strano e repentino finale, l'unica nota, a mio avviso, stonata di tutto il romanzo.

    ha scritto il 

Ordina per