Pylon

Publisher: Vintage Books

3.4
(100)

Language: English | Number of Pages: 285 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , German , French , Spanish

Isbn-10: 0307946789 | Isbn-13: 9780307946782 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure

Do you like Pylon ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 0

    Scrittura e racconto devono essere ognuno “servo” dell’altro, devono intrecciarsi uno con l’altro in un bisogno reciproco.
    Solo così nascono i grandi libri, i capolavori.
    Arrivare al perfetto matrimo ...continue

    Scrittura e racconto devono essere ognuno “servo” dell’altro, devono intrecciarsi uno con l’altro in un bisogno reciproco.
    Solo così nascono i grandi libri, i capolavori.
    Arrivare al perfetto matrimonio tra questi due elementi non è cosa facile, tutt’altro,…. e devo dire che i miei amati scrittori latinoamericani, sia i “Borgesiani” da un verso sia gli “Onettiani” dal verso quasi opposto, ci riescono quasi sempre.
    Faulkner, onore al merito, in questo è “il grande maestro indiscusso” (non a caso è considerato un padre spesso decantato dal secondo gruppo).
    In questa romanzo invece credo sia necessaria una distinzione.
    La storia raccontata non potrebbe essere più faulkneriana di così, sanguigna, forte, con i suoi personaggi in perenne lotta col destino e con il mondo. Anzi direi che ho trovato la storia più affascinante di altre.
    Il problema è la scrittura. Ho avuto l’impressione che molto spesso questa sua magica scrittura fosse staccata dal racconto, fosse questa volta “sopra le righe”, “ingiustificata”, svilita. Fosse, voglio esagerare per essere capito meglio, quasi una “parodia della sua scrittura”, fosse frutto di un suo imitatore mediocre. Probabilmente tutto questo è dovuto alla traduzione non tanto per demerito di chi l'ha fatta (Lorenzo Gigli), cosa che non sarei in grado di giudicare, quanto dal fatto che credo risalga al 1937 e questo si sente proprio.
    A volte è imbarazzante……sicuramente fortemente responsabile del mio giudizio.
    p.s. e con questo mi sono giocato l’amicizia di alcuni amici anobiani che nella famosa isola deserta, potendosi portare dieci libri si opterebbero per nove libri di Faulkner ….. e per il decimo non si sa .

    said on 

  • 3

    Flusso di coscienza, degrado

    Primo di Faulkner.
    Iniziato, lasciato, ripreso e finito dopo mesi di lettura; è stata lunga, forse perché il primo impatto col flusso di coscienza non è stato sicuramente dei più morbidi. La caratteri ...continue

    Primo di Faulkner.
    Iniziato, lasciato, ripreso e finito dopo mesi di lettura; è stata lunga, forse perché il primo impatto col flusso di coscienza non è stato sicuramente dei più morbidi. La caratterizzazione dei personaggi non mi è dispiaciuta, perché rappresenta in maniera romanzata aspetti della realtà e del degrado umano, nonché la sua totale instabilità, dietro alla quale si intravedono sfumature di coraggio.
    Molti considerano Faulkner l'opposto di Hemingway; la lunghezza della riflessione opposta a uno stile asciutto e diretto. Leggerò ancora qualcosa di entrambi. Credo che la grande qualità della letteratura sia quella di essere sì soggettiva, ma volta all'interpretazione di quello che lo scrittore vuole trasmettere. Entrambi ne sono testimonianza.

    said on 

  • 3

    Un ostico Faulkner per esperti

    Primo libro di Faulkner letto e devo dire che l'impatto è stato piuttosto duro, come ul monoguscio che si schianta nel romanzo.
    Viene narrata una storia apparentemente senza trama se non quella degli ...continue

    Primo libro di Faulkner letto e devo dire che l'impatto è stato piuttosto duro, come ul monoguscio che si schianta nel romanzo.
    Viene narrata una storia apparentemente senza trama se non quella degli strani e ambigui rapporto che si instaurano tra 5 personaggi, un cronista, un meccanico di aerei, un pilota, la sua compagna e il paracadutista terzo incomodo. Il tutto sulla scena di spettacoli aerei acrobatici che rimandano alla passione dell'autore per il volo.

    La sua scrittura è molto ostica, molto simbolica, tanto che anche il traduttore, in una nota a fine libro, confessa di essersi trovato in grossa difficoltà a tradurre l'opera. Siamo nella fase dello sperimentalismo modernista di Faulkner e ciò porta a leggere pagine che sembrano scritte da uno Joyce del 1930. Le acrobazie sintattiche e letterali sono spesso di difficile interpretazione, cosa che stranisce il lettore e lo mette in seria difficoltà. La vicenda è comunque narrata in modo mirabile, strana, contorta, a volte inspiegabile nelle decisioni prese dai protagnositi ma che esplora in modo non convenzionale le cadute degli esseri umani verso la violenza, il sesso, l'alcool, il pericolo mortale, la convenienza dei rapporti sociali e affettivi.
    Sarà interessante per gli appassionati di volo, materia che l'autore padroneggia e che racconta mirabilmente.
    Un libro senza dubbio difficile ma appagante, che prende a schiaffi nella sua cripticità ma che fa sfoggio di grande letteratura che però ha bisogno di più esperienza e di una sufficiente chiave di lettura. Per esperti.

    said on 

  • 4

    Un po' meno bello degli altri ma è stato un piacere leggerlo. Una vita spericolata e dissoluta richiede alla fine un grande gesto per riscattarla e darle un senso. Annullare se stessi per esistere ver ...continue

    Un po' meno bello degli altri ma è stato un piacere leggerlo. Una vita spericolata e dissoluta richiede alla fine un grande gesto per riscattarla e darle un senso. Annullare se stessi per esistere veramente, sembra questo al fondo il "messaggio" di questo romanzo, dentro c'è comunque tutto il vero Faulkner (complicato e inesauribile).

    said on 

  • 2

    Lo stile un po' onirico, quasi una poesia in prosa, all'inizio mi aveva conquistata. Poi diventa tutto troppo rarefatto e questa nebulosità viene esasperata da una trama inesistente.

    said on 

  • 4

    Prima di leggere, se avete quest'edizione (Oscar Mondadori, ristampa 1981), guardate la copertina. Non l'ho fatto abbastanza io, ho "sorvolato" su quest'aviatore che sembra così freddo e concentrato, ...continue

    Prima di leggere, se avete quest'edizione (Oscar Mondadori, ristampa 1981), guardate la copertina. Non l'ho fatto abbastanza io, ho "sorvolato" su quest'aviatore che sembra così freddo e concentrato, nulla di più sbagliato: non si può volare più in alto di un aviatore.

    Guardate il suo sguardo inesistente, la sua espressione succube, necessaria, quasi macchinosa. La sua divisa è parte del cielo, parte dell'aereo stesso, un tutt'uno con la fusoliera, l'uomo è l'ultimo ingranaggio dell'aereo, con esso fragile e precario. Un peso di latta male equilibrato, dove è necessario un peso di sabbia per far decollare e atterrare sani e salvi, per controbilanciare il peso fuori proporzione di uomo che non accetta più di essere ingranaggio ma vuole sfruttare la macchina al suo favore, umano, di padre.
    L'unica parte vitale è infatti il foulard rosso, come il sangue vivo, che si dimena nel vento troppo forte per essere sostenibile, nell'aria troppo avversa da essere essa stessa materia viva, essa stessa un'antagonista: la Morte.

    Un uomo non volerebbe mai su un giocattolo-spettacolo se non fosse per bisogno.

    La copertina è la migliore introduzione possibile, nei passi confusi e concitati cercate quei colori freddi o vitali della copertina, li vedrete fulgere e ribollire, con l'aumentare delle pagine lette, per poi esplodere e ricadere come neve nelle ultime pagine, lentissima, quasi incorporea, ma agghiacciante, pungente, quasi come spine nei vostri piedi.

    Tutto è un dettaglio, non c'è mai la sostanza presentata in tutta la sua mole, bensì è ogni parola a contribuire all'immagine finale, al suono finale, alla sensazione finale di chiudere gli occhi e percepire la velocità sconsiderata della vita e del progresso.

    Lo spettacolo, quasi circense, della vita nello sguardo indifferente di ogni passante, da solo o in compagnia; l'illusione rosso-dorata di coriandoli che a contatto con la realtà si fanno sporchi e restano ammassati ai bordi delle strade, in una melma indefinita e scivolosa.
    Di questo si parla.

    A nulla servono nuovi stivali, a nulla serve leggere alla ricerca di una storia o di un canone letterario (con cui misurare, relegare, rinchiudere, categorizzare, intagliare, costringere, uccidere), è vita, e non credo voi viviate senza attimi di noia o attimi di cruda realtà.

    Non ponetevi al di sopra, ma nemmeno al di sotto, della scrittura e della narrazione, ma alla stessa quota, guardando le cose e le persone come se le vedeste nella vostra stanza mentre leggete o seduta ai bar mentre camminate.

    Siete anche voi, come me, protagonisti del pensiero di un ubriaco qualsiasi:
    'Tutto ciò che percepiva era il sinistro silenzio in cui lo spirito dell'uomo attraversa l'eternamente rinnovantesi Rubicone del proprio vizio nell'istante successivo al terrore e prima che il trionfo diventi sgomento - e intanto la morale e lo spirito derelitti vanno gridando il loro debole "Io - esisto - Io" nel deserto del caso e della sciagura'

    Grande letteratura.

    said on 

  • 4

    Libro complesso di un autore non facile. Sperimentale, realista oltre ogni limite, spietato. Faulkner usa un linguaggio esuberante, frasi lunghe e contraddittorie. L'atmosfera è la più cupa, si alza i ...continue

    Libro complesso di un autore non facile. Sperimentale, realista oltre ogni limite, spietato. Faulkner usa un linguaggio esuberante, frasi lunghe e contraddittorie. L'atmosfera è la più cupa, si alza il sipario sul circo volante. Quello a cui si sentiva vicino Faulkner, a sua volta pilota. Felliniano.

    said on 

  • 4

    Io ho abbandonato presto l'intenzione di leggere "letteralmente": l'unico modo che ho trovato per affrontare la situazione è stato leggere in modo impressionista, quasi puntinista. Poiché di certe fra ...continue

    Io ho abbandonato presto l'intenzione di leggere "letteralmente": l'unico modo che ho trovato per affrontare la situazione è stato leggere in modo impressionista, quasi puntinista. Poiché di certe frasi è difficile individuare capo e coda, dopo un po' sono riuscito ad accontentarmi dell'impressione complessiva data da termini, accostamenti, sostanzialmente rinunciando al livello più alto di organizzazione in frasi. Voluto o no dall'autore, questo è stato per me il modo di arrivare in fondo, anche con gusto.
    Ho scritto qualcosa in più sul mio blog: http://www.dellamea.it/enzo/blog/archive/2010/07/23/pilone-wfaulkner

    said on