Quella dolce follia

Di

Editore: Bompiani

3.7
(59)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 278 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Olandese

Isbn-10: 8845244792 | Isbn-13: 9788845244797 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Traduttore: M. Caramella

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Quella dolce follia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
David è un ragazzo introverso, che si innamora di Annabelle senza essere corrisposto. David però non si arrende all'evidenza e sogna un futuro con lei. Lei nel frattempo, sposa un elettricista che le fa vivere una vita grama. Il rapporto tra Annabelle e David si limita, nella vita reale, a uno scambio epistolare, in cui la ragazza risponde tiepidamente alle lettere appassionate di David. Nei suoi sogni, invece, lei gli sussurra che lo ama e lo supplica di aiutarla a organizzare il divorzio per poter realizzare i loro progetti di vita insieme. David finisce col perdere il contatto con la realtà. Quando la psicosi prenderà definitivamente il sopravvento, non ci sarà più niente in grado di distoglierlo dall'oggetto dei suoi desideri...
Ordina per
  • 4

    a dir poco asfissiante. ansiogeno. la lettura di questo libro è paragonabile ad un tunnel, senza luce, che diventa passo dopo passo sempre più stretto. e persone come il protagonista, David, esistono ...continua

    a dir poco asfissiante. ansiogeno. la lettura di questo libro è paragonabile ad un tunnel, senza luce, che diventa passo dopo passo sempre più stretto. e persone come il protagonista, David, esistono davvero. impelagati nell'ossessione per una donna che di loro non vuol saperne, assolutamente convinti che la loro dedizione sia un qualcosa che non può non avere un premio finale. a dirla tutta, anche gli altri protagonisti hanno i loro bei difetti. l'amata Annabelle è persa in una vita dimessa, arrendevole, senza personalità. Effie, a sua volta innamorata di David, lo difenderebbe in ogni caso. Wes, beve, è imprigionato in un rapporto di coppia senza senso e non riesce in alcun modo a capire come gira il mondo. Gli unici personaggi dotati di acume, sono i vecchietti della pensione in cui soggiorna David, ma ciò appare come l'inevitabile conclusione di una lunga esistenza che si trascina in una calma solitudine.
    Il personaggio di David, è anche parecchio irritante. Man mano che si impiglia in bugie sempre più grandi, anche con la polizia, ci si domanda come possa esistere un essere così stupido, ormai avvinto nelle catene di un rapporto inesistente e irrealizzabile.
    libro scritto magistralmente, ma di sicuro non una lettura leggera da affrontare nei ritagli di tempo.

    ha scritto il 

  • 5

    quella dolce e mortale malattia

    Recensione Ho riletto per la terza volta negli ulimi 25 anni questo romanzo della Highsmith, la regina della suspense a volte insostenibile, uscito nel 1960 in Inghilterra e pubblicato in Italia nel 1 ...continua

    Recensione Ho riletto per la terza volta negli ulimi 25 anni questo romanzo della Highsmith, la regina della suspense a volte insostenibile, uscito nel 1960 in Inghilterra e pubblicato in Italia nel 1988 da Bompiani. Le prime 200 pagine delle 275 complessive del racconto sono ancora insuperabili, Unica scrittrice nel suo genere, David non accetta di essere respinto da Annabelle, la sua psicosi aumenta con i rifiuti e il lettore resta stupefatto dagli avvenimenti e dai vari personaggi che compongono la vita del geniale chimico con un ottimo lavoro e ben retribuito. Avrebbe tutto dalla vita ,gioventù, successo, donne, ma purtroppo la sua dolce malattia, tradotta in follia gli fa subire una escalation da isolarsi dal mondo reale e sdoppiarsi per essere felice........

    ha scritto il 

  • 3

    Non l'ho letto riga per riga, a tratti l'ho trovato molto pesante... probabilmente perchè non ero poi così presa... uhm... ero solo curiosa, ma ora come ora non lo rileggerei.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    THIS SWEET SICKNESS

    1960 by Patricia Highsmith. 1988 Gruppo editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno. I° edizione Bompiani ottobre 1988. Traduzione di Marisa Caramella.
    ....................................................... ...continua

    1960 by Patricia Highsmith. 1988 Gruppo editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno. I° edizione Bompiani ottobre 1988. Traduzione di Marisa Caramella.
    .....................................................................

    Questo romanzo è tra i più affascinanti di P.Highsmith, insieme a "Acque Profonde", "Sconosciuti in treno", " Vicolo Cieco". Un romanzo di grande scrittura e di grande atmosfera. La storia è quella di un' attrazione fatale tra David e Annabelle, un amore non corrisposto. David è un chimico, un ricercatore che preferisce a una brillante carriera un anonimo lavoro di routine in una fabbrica di tessuti. Non il prestigio sociale ma il denaro. La ragione di questa scelta è Annabelle, una ragazza dolce, bella, di cui è follemente innamorato e alla quale David vuole offrire il meglio dal punto di vista economico. Ma Annabelle non lo ama affatto, non lo ha mai amato e si sposerà con un uomo diversissimo da lui, un elettricista , non solo povero ma anche bruttino e ottuso. Ha così inizio la follia di David, che non riesce a vedere quello che Annabelle è ; una ragazza abituata all' obbedienza e rassegnata al suo destino di moglie piccolo borghese. Da qui inizia una discesa all 'inferno di rara potenza, una tortura per chi legge. Io avevo il cuore in gola e un' ansia smodata di arrivare in fondo; la trama intricata, il percorso di David verso la schizofrenia, la persecuzione di Annabelle creano un effetto di suspense insostenibile per il lettore. Provare per credere. Il libro è un meraviglioso cult.

    ha scritto il