Rabbia

Una biografia orale di Buster Casey

Di

Editore: A. Mondadori (Strade Blu)

3.9
(2502)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 355 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Catalano , Olandese

Isbn-10: 8804572957 | Isbn-13: 9788804572954 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Rabbia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Come la maggior parte delle persone, anch'io non avevo mai incontrato Rant Casey né ci avevo mai parlato finché non è morto. Con la gente famosa è sempre così, quando tirano le cuoia la loro cerchia di amici intimi si ingantisce."

Rabbia prende la forma di una storia (romanzesca) orale di Buster "Rant" Casey, nella quale un assortimento di amici, nemici, ammiratori, detrattori e familiari dice la sua su questo personaggio malvagio (o forse no), morto in circostanze tanto misteriose quanto leggendarie, che forse è stato (ma forse non è stato) il più efficiente serial killer della nostra epoca.

"Buster Casey sarebbe dunque per la rabbia ciò che 'Typhoid Mary' Mallon è stata per il tifo, Gaetan Dugas per l'Aids e Liu Jian-lun per la Sars."

Buster è cresciuto in una cittadina nel mezzo del nulla, assetato di sensazioni forti in un mondo di videogames e di soffocante conformismo. Dopo le prime ribellioni al liceo scappa dal suo villaggio natale alla volta della grande città: cerca qualcosa, una comunità di persone, un'emozione inimmaginabile, un bandolo della matassa, un senso per la propria esistenza. E ben presto diventa il leader di un gruppo di giovani dediti a una sorta di rito-gioco di demolizione urbana chiamato "party crashing": nelle notti prescelte i partecipanti decorano in modi bizzarri le loro auto e quando arriva il momento cominciano ad attaccarsi a vicenda cercando di cozzare con le proprie vetture contro quelle degli altri. Ed è proprio in occasione di una di queste violente cacce notturne che Casey incontra la più spettacolare e tragica delle morti al volante. Ma Casey è morto davvero?

Ordina per
  • 3

    Adoro sempre il modo di scrivere di Palahniuk e la bizzarria delle sue idee contorte, ma la forma "non romanzo" adottata qui mi ha preso un sacco all'inizio, però a un certo punto mi ha un po' stancat ...continua

    Adoro sempre il modo di scrivere di Palahniuk e la bizzarria delle sue idee contorte, ma la forma "non romanzo" adottata qui mi ha preso un sacco all'inizio, però a un certo punto mi ha un po' stancato.

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro, a tratti "malato", colpisce per una serie di elementi sicuramente già visti, ma che mischiati assieme danno vita a un'originalità che lascia sorpresi e spiazzati. Bello.

    ha scritto il 

  • 4

    È il primo libro che leggo di Palahniuk e devo dire che mi è piaciuto. È scritto molto bene e mi è piaciuta l'idea che il protagonista e tutta la storia siano raccontati dalle diverse voci dei persona ...continua

    È il primo libro che leggo di Palahniuk e devo dire che mi è piaciuto. È scritto molto bene e mi è piaciuta l'idea che il protagonista e tutta la storia siano raccontati dalle diverse voci dei personaggi coinvolti. Atipica.
    Libro consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Las novelas de Palahniuk suelen ser poco convencionales pero creo que esta se lleva la palma. Al principio todo es muy extraño y surrealista. Después, poco a poco, me he ido dando cuenta que lo que es ...continua

    Las novelas de Palahniuk suelen ser poco convencionales pero creo que esta se lleva la palma. Al principio todo es muy extraño y surrealista. Después, poco a poco, me he ido dando cuenta que lo que estaba leyendo era una novela de ciencia ficción con algo de distopía. Los ciudadanos divididos entre los que están obligados a vivir de día y los que lo hacen de noche. Gente con puertos en la nuca, tipo Matrix, con los que pueden conectarse y vivir experiencias ajenas. Pero lo mas curioso son las choquejuergas, un juego con reglas que practican los Nocturnos como una especie de liberación y que consiste en conducir y chocar con otros automóviles intencionadamente. Coches y personas van disfrazados según el tema que toque.
    También es llamativa la estructura de la novela, es como un documental biográfico. Está contruida con las declaraciones de varias personas que conocieron a Rant. Son frases breves, cambia continuamente el personaje que habla. Así, con esta forma de narrar, se vuelve todo muy subjetivo. He terminado el libro con la sensación de que no he conocido realmente a Rant, no sé como era realmente, si hay algo de verdad en las acusaciones de que era objeto o si todos los personajes están como cabras por culpa de la contagiosa rabia.

    ha scritto il 

  • 5

    Procurato a scatola chiusa, per curiosità. Scritto benissimo, mi ci è voluto un po' per capire tutto, ma ha tenuto la mia attenzione da copertina a copertina. Ritorno al futuro in confronto diventa un ...continua

    Procurato a scatola chiusa, per curiosità. Scritto benissimo, mi ci è voluto un po' per capire tutto, ma ha tenuto la mia attenzione da copertina a copertina. Ritorno al futuro in confronto diventa una baggianata, con tutto il rispetto.

    ha scritto il 

  • 4

    La struttura del romanzo è perfetta come del resto l'esposizione letteraria. Molteplici sono le voci narranti che rendono il testo di una lettura inconsueta. L'A. si dilunga molto nei particolari, nei ...continua

    La struttura del romanzo è perfetta come del resto l'esposizione letteraria. Molteplici sono le voci narranti che rendono il testo di una lettura inconsueta. L'A. si dilunga molto nei particolari, nei dettagli più morbosi in una storia incredibile, ma vera dove la realtà si confonde con la fantasia.

    ha scritto il 

  • 2

    E comunque un Palahniuk

    Ho letto quasi tutti i libri più interessanti di Palahniuk e ognuno mi ha lasciato qualcosa, di gradevole o meno che tocca nel profondo inconscio.
    Questo non mi ha entusiasmata molto, probabilmente pe ...continua

    Ho letto quasi tutti i libri più interessanti di Palahniuk e ognuno mi ha lasciato qualcosa, di gradevole o meno che tocca nel profondo inconscio.
    Questo non mi ha entusiasmata molto, probabilmente perchè scritto come bibliografia da più punti di vista per la ricostruzione del personaggio principale.
    Sono sicura che se fosse stato scritto come sempre lo avrei trovato più gradevole.
    Tuttavia devo dire che ogni sfumatura che si è andata a delineare del personaggio era un po' una scoperta di una terra lontana, quindi in questo devo dire: ci hai azzeccato.

    ha scritto il 

  • 4

    "Lo vedi quanto poco ci mette la realtà a svanire?"

    Per gli altri libri di Palahniuk devo arrivare alle ultime pagine per dire: "ma che...?". Stavolta il "ma che...?" è durato per tutto il tempo della lettura.
    350 pagine per cercare di capire cosa sia ...continua

    Per gli altri libri di Palahniuk devo arrivare alle ultime pagine per dire: "ma che...?". Stavolta il "ma che...?" è durato per tutto il tempo della lettura.
    350 pagine per cercare di capire cosa sia successo a questo Rant e perché interessi tanto a tutti. Un'infanzia strana, nessuno che possa dire di conoscerlo per intero. Per qualcuno Rant è una leggenda, il "superdiffusore"; per altri un ex bambino difficile; per altri ancora un notturno, un party crasher, un tipo strano, un masticatore di asfalto, la fatina dei denti, un'invenzione del governo.
    Poi spuntano i viaggi nel tempo e non ci capisco più niente.
    Rabbia, porte e viaggi nel tempo.
    Palahniuk scrive che davvero ti viene voglia di leggere tutto e capire la storia, ma stavolta ci deve una sera a cena e delle spiegazioni.

    ha scritto il 

  • 4

    Sono passati due giorni da quando l'ho finito e ancora non so decidere se quello che ho letto è un capolavoro o una cagata pazzesca. Magari scrivendo mi chiarirò le idee...
    Partendo dai lati positivi, ...continua

    Sono passati due giorni da quando l'ho finito e ancora non so decidere se quello che ho letto è un capolavoro o una cagata pazzesca. Magari scrivendo mi chiarirò le idee...
    Partendo dai lati positivi, inizialmente ero scettica per il tipo di stile scelto, la biografia (c)orale, ma devo ammettere che forse alla fine è la cosa che mi è piaciuta di più. Un libro su un personaggio che ci viene presentato solo ed esclusivamente dalle testimonianze di tutte le persone che lo hanno incontrato e vissuto, da cui nasce una storia priva di oggettività; Rant Casey è ciò che ci viene presentato da tutti questi altri personaggi minori. Eppure ne esce fuori un personaggio vivido, pieno di sfumature, pazzesco.
    Altro punto a favore; a metà del libro vengono fuori elementi che per quasi 200 pagine non avrei nemmeno sospettato. Il romanzo prende una connotazione fantascientifica che non avevo minimamente previsto all'inizio, e si scoprono cose che lasciano abbastanza sorpresi (beh, per lo meno hanno sorpreso me).
    Non posso dire la stessa cosa del classico colpo di scena alla Palahniuk. In tutti i romanzi di Chuck che ho letto finora ho sempre provato stupore, qui il colpo di scena era piuttosto scontato, vengono lanciati molti (troppi forse o troppo chiari) indizi su quella che è la vera identità di Rant Casey. Prevedibile.
    E poi ho trovato un po' confusionaria la parte finale, quella che doveva essere "esplicativa". Mi sa per capire davvero mi toccherebbe rileggerlo, e chissà se basterebbe.
    Nonostante tutto... sì, mi è piaciuto. Molto, ok. Rant Casey mi ha conquistato alla fine.

    ha scritto il 

Ordina per