Rendez-Vous a Bagdad

By

Editeur: Livre de Poche

3.7
(404)

Language: Français | Number of pages: 244 | Format: Mass Market Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Chi traditional , Italian , German , Chi simplified , Czech , Dutch , Catalan

Isbn-10: 2253032328 | Isbn-13: 9782253032328 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Aimez-vous Rendez-Vous a Bagdad ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 3

    Insolito

    Niente camera chiusa, niente rosa di sospetti, niente investigatore (professionale o dilettante). Non avete tra le mani un giallo classico, insomma. Detto questo, la storia è un po' intricata, parland ...continuer

    Niente camera chiusa, niente rosa di sospetti, niente investigatore (professionale o dilettante). Non avete tra le mani un giallo classico, insomma. Detto questo, la storia è un po' intricata, parlando di trame occulte e di oscuri personaggi che cercano di manovrare i destini del mondo. Una spy story, in sostanza. A me è piaciuta soprattutto la caratterizzazione della protagonista, mentre ho trovato poco coinvolgente lo scenario mediorientale in cui la vicenda si svolge.

    dit le 

  • 3

    Purtroppo questo libro evidenzia il perché la Christie sia la "regina del giallo" e non la "regina dello spionaggio". Quando si mette a parlare di spie, di complottoni mondiali, di comunisti che vogli ...continuer

    Purtroppo questo libro evidenzia il perché la Christie sia la "regina del giallo" e non la "regina dello spionaggio". Quando si mette a parlare di spie, di complottoni mondiali, di comunisti che vogliono sovvertire l'ordine dell'Impero, la nostra scrittrice preferita non è più credibile. Il cattivo, poi, è questa volta evidentissimo.

    Solo l'ottima ambientazione, nella quale si sente proprio la passione per questi luoghi visitati in prima persona con il secondo marito, permette il raggiungimento di una stiracchiata sufficienza.

    dit le 

  • 2

    Non mi è piaciuto tantissimo....
    Anche per l'ambientazione perché preferisco la cara vecchia Inghilterra , in generale comunque l'ho trovato noiosetto...

    dit le 

  • 5

    Partenza un po' lenta....

    ... ma poi tutto il fascino sorprendente dell'intreccio.
    Considerando che non amo i romanzi basati sul puro spionaggio, questo mi è piaciuto molto!

    dit le 

  • 4

    un libro diverso dagli altri..

    .. Ma anche senza poirot o miss marple agatha Christie ha fatto davvero un buon libro.. Con la giusta suspance e i giusti modi... Ci è piaciuto..

    dit le 

  • 5

    Fantastica spy-story!!

    Ho letto moltissimi romanzi di Agahta Christie, ma questo è senz'ombra di dubbio uno dei più avvincenti. Si tratta di una bellissima spy story ambientata in Iraq, la cui protagonista è una giovane dat ...continuer

    Ho letto moltissimi romanzi di Agahta Christie, ma questo è senz'ombra di dubbio uno dei più avvincenti. Si tratta di una bellissima spy story ambientata in Iraq, la cui protagonista è una giovane dattilografa londinese con una fervente fantasia,Victoria Jones, che,per una serie di eventi, viene catapultata a Baghdad.
    Eccellente!!

    dit le 

  • 5

    Ahora si recuerdo porqué me había gustado tanto este libro.

    Los personajes, atrapantes todos, e inquietantes, no son lo que en realidad aparentan.

    Victoria, a primera vista es hueca, sin embargo no ...continuer

    Ahora si recuerdo porqué me había gustado tanto este libro.

    Los personajes, atrapantes todos, e inquietantes, no son lo que en realidad aparentan.

    Victoria, a primera vista es hueca, sin embargo no lo es. Piensa mucho en las cosas y aunque no se da cuenta de cosas tan rápido como debiera, entiende y relaciona todo y eso ayuda a poder desenmarañar todo el lío en Bagdad.

    Edward, el típico chico que todas quieren, pero este, a diferencia de las novelas rosas, es una muy mala persona! Victoria lo describe bien: se hace pasar por un peón inofensivo, y en realidad es el cerebro maligno de todo, que no valora en realidad lo que tiene, y quiere más. Un tirano en potencia.

    Carmichael, Sir Croford Lee (creo que se escribe así); Anna Sheel... muy buenos personajes! y es interesantísimo como se unen. Y como es que todo termina.

    Muy bueno...!

    dit le