Robin Hood

Il principe dei ladri

Di

Editore: Einaudi

3.6
(977)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 231 | Formato: eBook

Isbn-10: 8858401816 | Isbn-13: 9788858401811 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luca Lamberti

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Sport, Attività all\'aperto & Avventura

Ti piace Robin Hood?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Paladino della giustizia e difensore dei deboli, arciere infallibile e astuto, Robin Hood è il principe dei ladri, l'incontrastato signore della foresta di Sherwood. Privato ingiustamente dei suoi beni da un nobile senza scrupoli, il giovane Robin è un eroe invincibile, l'ultimo sassone che, con la sua banda di fedelissimi amici, tenta di opporsi alla dominazione dei normanni, lottando tenacemente contro le ingiustizie degli usurpatori. Dalla fervida fantasia di Alexandre Dumas nasce uno dei ritratti pili vivaci del leggendario fuorilegge inglese e dei suoi fedeli compagni, dall'imponente e saggio Little John al coraggioso e allegro frate Tuck, alla bella lady Marian, senza dimenticare il perfido barone Fitz Alwine, il famigerato sceriffo di Nottingham.
Ordina per
  • 2

    Il romanzo è piuttosto ripetitivo e spesso gli episodi sono debolmente legati tra di loro; troppi matrimoni, troppi travestimenti, troppe imboscate, troppi duelli ... tutti uguali. Una scrittura asciu ...continua

    Il romanzo è piuttosto ripetitivo e spesso gli episodi sono debolmente legati tra di loro; troppi matrimoni, troppi travestimenti, troppe imboscate, troppi duelli ... tutti uguali. Una scrittura asciutta ed essenziale con scarse descrizioni rendono la lettura monotona e a tratti noiosa (soprattutto nella prima metà dell'opera). Le trame sono banali e scontate; anche l'ironia e l'umorismo, che avevo molto apprezzato in "I tre moschettieri", sono spiccioli e difficilmente riescono a costruire un sorriso.

    ha scritto il 

  • 3

    3+*

    Finalmente recuperato, dopo anni di "Un giorno dovrò leggerlo".
    Sinceramente mi aspettavo qualcosa di diverso; a me ha dato proprio l'impressione del classico "romanzo per ragazzi". Non sto dicendo ch ...continua

    Finalmente recuperato, dopo anni di "Un giorno dovrò leggerlo".
    Sinceramente mi aspettavo qualcosa di diverso; a me ha dato proprio l'impressione del classico "romanzo per ragazzi". Non sto dicendo che sia brutto, sia ben chiaro, ma non credevo di leggere un Dumas così leggero :).
    Detto ciò, ho trovato il libro, appunto, leggero e scorrevole, poco impegnativo. Mi ha divertita abbastanza ed è stato di intrattenimento, ma non ci si aspetti chissà quale alta letteratura. I personaggi non hanno una grande caratterizzazione profonda, gli eventi ci vengono presentati quasi "a puntate" e in alcuni punti vi sono leggere discordanze, però, tutto sommato, l'ho trovata una lettura piacevole (il "+" del voto è indicativo di ciò).
    ... E soprattutto, finalmente, sono stata nella foresta di Sherwood!

    NdR: Ho scoperto che la mia edizione è "incompleta": manca della seconda parte in cui Robin è vero e proprio proscritto. Io ho letto "le origini", cioè dall'infanzia fino al primo periodo di proscrizione. Vedrò in futuro di recuperare "il seguito"!

    ha scritto il 

  • 0

    ...ma porc....

    Ho cominciato il libro da 10 minuti e, nell'introduzione, il Signor Attilio Scarpellini mi ha voluto dire come finisce il romanzo. Poi una non si dovrebbe incazzare...
    ....continua....
    Pagina 23, "I l ...continua

    Ho cominciato il libro da 10 minuti e, nell'introduzione, il Signor Attilio Scarpellini mi ha voluto dire come finisce il romanzo. Poi una non si dovrebbe incazzare...
    ....continua....
    Pagina 23, "I luoghi del romanzo", ecco un'altra mega spoilerata su Marian...
    Ma vaffanculo va....
    .....continua, forse....
    Pag.55. Una nota a pie' di pagina mi spoilera l'identitá di un personaggio che suppongo si sarebbe scoperta più avanti. Non ho parole e ne ho abbastanza.
    Fine.

    ha scritto il 

  • 3

    Robin Hood è un romanzo a metà tra il racconto cavalleresco e l'opera teatrale. Sebbene tutte le sue avventure ci ricordino le "chanson", i racconti dei grandi e coraggiosi cavalieri, il modo in cui i ...continua

    Robin Hood è un romanzo a metà tra il racconto cavalleresco e l'opera teatrale. Sebbene tutte le sue avventure ci ricordino le "chanson", i racconti dei grandi e coraggiosi cavalieri, il modo in cui il racconto è scritto ci ricorda proprio un'opera teatrale, in cui molte volte i personaggi ci annunciano di essere giunti in un posto piuttosto che in un altro. Fiumi di parole sono state scritte su questo personaggio, di cui a lungo è stata discussa anche la veridicità, ma il romanzo di Dumas è quello che più si avvicina al personaggio del famoso arciere così come tutti noi lo conosciamo, entrando a far parte dell'immaginario collettivo. Anche l'omonimo e famoso film si rifà molto a queste pagine, e ci lasciano con il sapore di gesta lontane e di romantiche storie d'amore. Molto carino.

    ha scritto il 

  • 5

    Robin Hood 2 - Edizione Newton

    Il primo, Robin Hood Il Principe dei ladri, è migliore però do 5 stelle anche a questo perchè mi è piaciuto tanto. Inconcepibile leggerlo senza aver letto l'altro perchè altrimenti personaggi, riferim ...continua

    Il primo, Robin Hood Il Principe dei ladri, è migliore però do 5 stelle anche a questo perchè mi è piaciuto tanto. Inconcepibile leggerlo senza aver letto l'altro perchè altrimenti personaggi, riferimenti, luoghi, sembrano buttati lì senza capo nè coda o senza un minimo di presentazione e approfondimento. A discapito del povero Dumas che tutte queste belle cose ce le ha già raccontate ne Il principe dei ladri. Solo nel primo capitolo ci sono già un sacco di cose che si collegano all'altro: Will, Maud, la battaglia di Gamwell..
    Will in questo volume è chiamato Will il Rosso e non Will Scarlett, nome con cui lo conoscono anche i muri (o io stessa da bambina, per sentito dire chissà da quale film o cartone animato).
    Russell Crowe mi scuserà, ma la copertina dell'ebook è molto più bella di quella col suo faccione
    http://www.newtoncompton.com/files/cache/robin-hood_1344_.jpg

    ha scritto il 

  • 5

    Robin Hood 1 Edizione Einaudi

    Romanzo leggero, scorrevole e avventuroso. Come la Freccia Nera, mi è piaciuto moltissimo nella sua semplicità (sì, ok sono simili..sono tanto simili..ma chi se ne importa sono belli entrambi XD) e l' ...continua

    Romanzo leggero, scorrevole e avventuroso. Come la Freccia Nera, mi è piaciuto moltissimo nella sua semplicità (sì, ok sono simili..sono tanto simili..ma chi se ne importa sono belli entrambi XD) e l'atmosfera che si respira.. la adoro, è proprio il genere che piace a me.

    Nel titolo della recensione ho specificato di che edizione si tratta perchè, di fatto, questo di einaudi sarebbe il primo romanzo di Robin Hood da leggere perchè parte con Robin bambino e non già adulto e fuorilegge. Io l'ho scoperto grazie ad una recensione, e meno male perchè se no sarei andata direttamente a leggere il secondo (il mio, edizione newton, ha pure la scritta edizione integrale..che a questo punto devo interpretare come un' "edizione integrale della seconda parte"? XD), quindi ho pensato bene di annotarlo anche io in recensione..potrebbe sempre essere utile a qualcuno ;)

    ha scritto il 

  • 3

    La storia ripercorre la vita di Robin Hood e a tratti è avvincente, ma mi aspettavo di meglio da Dumas.
    A volte la trama è frettolosa e sembra quasi che l'autore abbia tagliato delle parti. Per il res ...continua

    La storia ripercorre la vita di Robin Hood e a tratti è avvincente, ma mi aspettavo di meglio da Dumas.
    A volte la trama è frettolosa e sembra quasi che l'autore abbia tagliato delle parti. Per il resto è scorrevole e coinvolgente.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    lettura leggera

    l'ho trovato in biblioteca nello scaffale accanto al tavolo dove stavo studiando, l ho iniziato a e non mi sono staccato più: avvincente la prima parte un po' meno la seconda, non mi aspettavo la fine ...continua

    l'ho trovato in biblioteca nello scaffale accanto al tavolo dove stavo studiando, l ho iniziato a e non mi sono staccato più: avvincente la prima parte un po' meno la seconda, non mi aspettavo la fine così triste. Lettura piacevole e leggera

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per