Sedotta dalla Luna

Di

Editore: Editrice Nord

3.9
(599)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 420 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8842915807 | Isbn-13: 9788842915805 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Mistero & Gialli , Rosa , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Sedotta dalla Luna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Meredith NicEssuss vol.3

La principessa della Corte Unseelie Meredith NicEssus è finalmente tornata a casa, dopo aver vissuto a Los Angeles per tre anni sotto falso nome, lavorando per un’agenzia investigativa specializzata in crimini soprannaturali. È stata richiamata dalla zia, la regina Andais, con il preciso incarico di concepire un erede. Cosa tutt’altro che facile per lei: le fey di sangue reale, infatti, generano pochi figli e quindi la stirpe rischia di estinguersi. Perciò Merry non può limitarsi a un unico partner: sono cinque i sidhe prescelti cui si concede ogni notte, finché uno di loro non riuscirà a metterla incinta, ottenendo così il permesso di sposarla e di diventare re. Ma un evento straordinario costringe Merry ad affrontare un'altra minaccia. Una notte, dopo aver sognato una donna ammantata di luce che le porge un calice d’argento, si sveglia e scopre che quell'oggetto prezioso si è materializzato accanto a lei. Da questo momento, Meredith si ritrova non solo a doversi difendere da Taranis, sovrano della Luce e delle Illusioni, che vuole impadronirsi del calice per mantenere il suo dominio sulla Corte Seelie, ma anche dai misteriosi poteri che il calice risveglia in lei, poteri che a stento riesce a controllare
Ordina per
  • 2

    Vorrei potermi dire sorpresa, ma avendo già avuto a che fare con dei romanzi della Hamilton già in precedenza (e qui ricordo con amarezza la serie dedicata a Anita Blake) trovo possibile, anzi, quasi ...continua

    Vorrei potermi dire sorpresa, ma avendo già avuto a che fare con dei romanzi della Hamilton già in precedenza (e qui ricordo con amarezza la serie dedicata a Anita Blake) trovo possibile, anzi, quasi plausibile che, più la serie va avanti, più il livello qualitativo di trama e scrittura peggiori. Ha poco senso, perché verrebbe da pensare che la scrittrice abbia almeno in mente l'andamento generale della macro-trama (giochi di politica e alleanza/concepimento pargoli/avatar divini) se così la si può chiamare, così come le micro-trame (eventuali omicidi legati alla magia/attentati) per ogni romanzo pubblicato. Con questo nuovo libro, invece, Mrs. Hamilton ha dimostrato che, o non ha la minima idea di come gestire lei trame dei propri scritti, o non è capace di gestire storie volte a parlare di intrighi politici e alleanze, oppure non le importa niente di tutto questo, e che dunque, l'unica cosa che la diverte davvero sia creare nuovi manzi appetibili da infilare nel letto di Merry (ormai fin troppo affollato, per i miei gusti) e poi farli folleggiare con la sua protagonista, oppure creare situazioni magiche-oniriche/similporno e spendere interi capitoli su di questo, senza che la trama prosegua.
    All'inizio avevo progettato di scrivere una trama suddividendola nei 34 capitoli che compongono Sedotta dalla luna e fare un breve riassunto per ogni capitolo di quello che succedeva... quando però mi sono resa conto che molte situazioni erano analoghe ad episodi avvenuti due o tre capitoli prima (cambiando solo i personaggi di contorno) ho deciso di abbandonare il proposito.
    La trama di per sé questa volta, a differenza dei due libri precedenti, sembra o i primi due episodi di una serie tv ad ambientazione soprannaturale, oppure il riassunto stringato (oltreché vago) di un'intera stagione. Le due cose sono agli antipodi, ma questo romanzo è talmente sbagliato su così tanti livelli che può essere entrambe le cose, e al contempo nessuna delle due.
    Le scene di sesso, molte delle quali inserite con la scusante di pezzi onirici, inserite in 400 pagine di romanzo, sono troppe e solo fini a sé stesse. La giustificazione della Hamilton per la situazione è debole e vacilla, soprattutto se associata al personaggio di Merry che tra l'altro, da quasi tre libri non sembra essere cambiata di una virgola rispetto al personaggio che era all'inizio, anzi, forse è addirittura peggiorata, perdendo un po' dell'umanità che la contraddistingueva.
    Il fatto che si stia incaponendo sul rimanere incinta e venire usata come una giumenta da riproduzione sembra toccarla poco, a parte un breve momento all'inizio del romanzo, poi per il resto la cosa viene accantonata, e il fatto che sua zia, una volta tornata a casa, le offra in regalo qualcosa come sei nuovi uomini con cui accoppiarsi quasi nemmeno la sfiora.
    Le sue necessità e le sue motivazioni sono diverse dalle altre eroine urban-fantasy e paranormal-romance, tuttavia molte di queste situazioni finiscono più col far assomigliare il tutto al preludio di un porno con ammucchiata... il che diventa piuttosto complicato, quando gli uomini sono tutti etero e la donna è una sola. Tempo di aspettare il proprio turno e si rischia di diventare vecchi, qui! Ma fortunatamente i sidhe non invecchiano, giusto?
    Le nuove alleanze che la principessa sta cercando di costruire con le altri Corti potrebbero aggiungere carne al fuoco, fornire ulteriori basi per intrighi, possibili tradimenti o attentati, ma temo che questo sia solo un altro modo per aggiungere uomini all'harem e qui mi chiedo: la Hamilton, quando (se) riuscirà a far rimanere incinta Merry, ci darà un taglio con tutto questo, oppure non cambierà nulla? il sesso a tre o più persone è intrigante perché insolito e fuori dall'ordinario, ma quando in un libro ti ritrovi una scena d'amore di gruppo circa ogni quattro capitoli, l'intrigante va a farsi benedire, e il lettore non vi trova più niente di particolare, o di nuovo. Per quanto riguarda me, almeno.
    Un'altra cosa che mi ha seccato sono state le continue ripetizioni degli stessi concetti, e se non ricordo male avevo fatto un'uscita simile anche nella recensione al secondo libro.
    Le similitudini sono sempre le stesse, sembrano una il copia-incolla dell'altra (quante volte avrò letto: la mia pelle brillava dall'interno come se avessi ingoiato la luna?), la spiegazioni sulla politica, la società, il comportamento dei fey è un continuo ripetersi tra un capitolo e l'altro, e qui mi chiedo: signora Hamilton, lo ha fatto almeno un lavoro di revisione delle bozze? In cuor mio temo di no.
    Comunque sia, sono riuscita a finire anche questo romanzo, ma non sono molto in vena di iniziare il quarto della saga.

    ha scritto il 

  • 5

    bello

    Stavolta ho messo più tempo a leggere cola dei vari impegni e stanchezza serale...ma vi assicuro che anche stavolta la Hamilton mi ha lasciato senza parole...i duelli avvincenti e le battute tra i var ...continua

    Stavolta ho messo più tempo a leggere cola dei vari impegni e stanchezza serale...ma vi assicuro che anche stavolta la Hamilton mi ha lasciato senza parole...i duelli avvincenti e le battute tra i vari personaggi sono perfette e in alcuni casi fanno morire dal ridere (ovviamente a mio giudizio personale). Il terzo libro della saga della principessa Meredith della corte Unseelie è pieno di sospan forse ci sono punti morti, ma c'è ne bisogno per far capire meglio la psicologia dei personaggi e delle vicende, come sempre l'autrice non ha lasciato nulla al caso.

    ha scritto il 

  • 1

    Se non fosse per il mio orgoglio e la mia promessa di leggere tutti i libri "Non iniziati" prima di fare altri acquisti, avrei rinunciato a questo romanzo già alla decima pagina.
    Infondo fra la decima ...continua

    Se non fosse per il mio orgoglio e la mia promessa di leggere tutti i libri "Non iniziati" prima di fare altri acquisti, avrei rinunciato a questo romanzo già alla decima pagina.
    Infondo fra la decima pagina e la quattrocentoquattordicesima non cambia nulla. Di cosa si parla? Buh, non potrei neanche spoilerare qualcosa. Forse si parla di qualche oggetto magico, forse c'è qualche divinità che si diverte a giocare con i mortali e sidhe, forse... in realtà tutto questo è marginale, quello che conta è merry, la dea del sesso, e tutto il sesso che si può fare, sa soli, in coppia, in trio o più, sesso lesbo o sesso violento... e perchè no anche sesso solo immaginato. Tutto gira attorno al sesso. Che sia immaginato, fatto, ricordato, narrato, o anche solo accennato. Tutto è solo sesso. Il fantasy perde completamente il suo fascino, i personaggi si appiattiscono (beh tranne nel momento dell'erezione) lasciando solo una miscellanea di sesso. E con questo libro ho concluso la mia esperienza di lettura della saga di Meredith Gentry, purtroppo ho ancora un "non iniziato" della hamilton, speriamo che Anita Blake non mi deluda.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Quasi Dea

    Terzo capitolo della saga della principessa Meredith e finora quello che mi è piaciuto meno. Sembra un libro di passaggio, che introduce a storie successive. Non capita quasi niente, Merry è sempre al ...continua

    Terzo capitolo della saga della principessa Meredith e finora quello che mi è piaciuto meno. Sembra un libro di passaggio, che introduce a storie successive. Non capita quasi niente, Merry è sempre alla ricerca di un erede e quindi di un marito, non prova più amore o attrazione verso qualcuno in particolare e l’avvenimento principale del libro, cioè il fatto che riesce a ridare poteri e darne di nuovi, viene assimilato come dato di fatto, analizzato in maniera fredda e quasi distaccata. Ho trovato questo libro più freddo, con meno emozioni. Il sesso che è parte fondamentale di questa serie viene visto solo come scopo per alleanze, senza più piacere, il personaggio di Merry cresce, ma in maniera distaccata, più razionale. Lo stile narrativo è sempre notevole, si legge in pochissimo tempo ed è molto scorrevole, ma spero che nei prossimi libri sia più presente la passione che caratterizza questa serie.

    ha scritto il 

  • 5

    La principessa della Corte Unseelie Meredith NicEssus è finalmente tornata a casa, dopo aver vissuto a Los Angeles per tre anni sotto falso nome, lavorando per un’agenzia investigativa specializzata i ...continua

    La principessa della Corte Unseelie Meredith NicEssus è finalmente tornata a casa, dopo aver vissuto a Los Angeles per tre anni sotto falso nome, lavorando per un’agenzia investigativa specializzata in crimini soprannaturali. È stata richiamata dalla zia, la regina Andais, con il preciso incarico di concepire un erede. Cosa tutt’altro che facile per lei: le fey di sangue reale, infatti, generano pochi figli e quindi la stirpe rischia di estinguersi. Perciò Merry non può limitarsi a un unico partner: sono cinque i sidhe prescelti cui si concede ogni notte, finché uno di loro non riuscirà a metterla incinta, ottenendo così il permesso di sposarla e di diventare re. Ma un evento straordinario costringe Merry ad affrontare un'altra minaccia. Una notte, dopo aver sognato una donna ammantata di luce che le porge un calice d’argento, si sveglia e scopre che quell'oggetto prezioso si è materializzato accanto a lei. Da questo momento, Meredith si ritrova non solo a doversi difendere da Taranis, sovrano della Luce e delle Illusioni, che vuole impadronirsi del calice per mantenere il suo dominio sulla Corte Seelie, ma anche dai misteriosi poteri che il calice risveglia in lei, poteri che a stento riesce a controllare.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Ora capisco a cosa si ispira...alle puntate di Beautiful, la nipote di turno (Merry) si fa il patriarca Forrester (Barinthus) e con lui tutti gli altri... è più una saga di sesso che di altro... ...continua

    Ora capisco a cosa si ispira...alle puntate di Beautiful, la nipote di turno (Merry) si fa il patriarca Forrester (Barinthus) e con lui tutti gli altri... è più una saga di sesso che di altro...

    ha scritto il 

  • 2

    La saga di Anita Blake è eccezionale, anche se ammetto che negli ultimi libri fa un po' troppo da padrone il sesso. Questa saga però è veramente noiosa... La storia è in secondo piano rispetto al sess ...continua

    La saga di Anita Blake è eccezionale, anche se ammetto che negli ultimi libri fa un po' troppo da padrone il sesso. Questa saga però è veramente noiosa... La storia è in secondo piano rispetto al sesso e non è questo che cerco in un libro. Meglio farlo che leggerlo.....

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Terzo volume mozzafiato!

    Il libro si divide in due grandi parti corrispondenti più o meno alla metà esatta del libro. La prima parte è dedicata al potere di Merry che cresce e al sesso. Tanto sano sesso in tutte le sfaccettau ...continua

    Il libro si divide in due grandi parti corrispondenti più o meno alla metà esatta del libro. La prima parte è dedicata al potere di Merry che cresce e al sesso. Tanto sano sesso in tutte le sfaccettaure: l'amore con Frost, il sesso vero con Rhys, l'amore "lesbo", anche se tale alla fine tra i sithe non è, con Meave, l'amore "multiplo" con Sage e Nicca tanti aspetti della cultura sithe e di Merry che affronta con pazienza tutte le avversità che le si parano davanti, facendo un passo dopo l'altro e cercando di analizzare e risolvere un problema per volta.
    La connessione con la seconda parte è rappresentata dal calice, la cui importanza e il cui scopo sono ancora da svilupparsi.
    Il calice permette l'esplosione dei poteri, l'evoluzione di Merry e, con un'ultimo strascico di sesso con Barinthus, l'apertura della seconda parte. La parte dell'azione e della lotta. La mano del sangue e la follia si Andais.
    Sicuramente dei primi tre questo è il più macabro e sanguinolento. Il più spietato e dai toni forti.
    La cosa che maggiormente mi meraviglia nei libri della Hamilton, e in Merry in particolare, è la capacità di far svolgere la storia in paio di giorni. L'edizone Tea consta di 418 pagine e tutta l'azione si svolge in due giorni e una notte grossomodo.
    Il terzo volume della saga è diverso dai primi due perchè racconta una storia più completa e perchè fa venir fuori il carattere di ogni personaggio. La sua crescita e il suo background.
    A volte sembrava di stare in un asilo nido con Frost che faceva il broncio, Rhys che aveva scatti d'ira o d'incontenibile ilarità, Kitto da proteggere, Galen da amare e Sage da sopportare, ma alla fine sembra che tutto, nell'immenso letto di Andais che contiene 15 Corvi più Meredith e Kitto, finisca nel migliore dei modi. Per ora.
    Il mio preferito resta sempre Doyle. Pagherei per poter scambiare con lui anche una carezza, spero solo che Merry se ne accorga...

    ha scritto il