Sei pezzi da mille

Di

Editore: Mondadori

4.1
(906)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 762 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804490349 | Isbn-13: 9788804490340 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Bortolussi

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Sei pezzi da mille?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Dallas, 22 novembre 1963. John Fitzgerald Kennedy viene assassinato: esplodeil cuore del sogno americano. Un giovane poliziotto di Las Vegas, WayneTedrow Junior, arriva a Dallas con 6000 dollari ed un odioso compito dasvolgere, ignaro che sta per immergersi in un viaggio lungo cinque anni neiretroscena criminali della vita pubblica americana: a Las Vegas con lamafia e Howard Hughes, nel sud con il Ku Klux Klan e J. Edgar Hoover, aCuba con un carico d'armi, in Vietnam e di nuovo in patria con una partitadi polvere bianca e nuovi complotti di morte, mentre si avvicina il 1968...
Ordina per
  • 3

    James Ellroy - Sei pezzi da mille

    Partiamo dal fatto che questo è forse il meno riuscito tra i capitoli della trilogia americana e quadrilogia losangeliana (al pari con White Jazz) di Ellroy. Sei pezzi da mille ha prima di tutto uno s ...continua

    Partiamo dal fatto che questo è forse il meno riuscito tra i capitoli della trilogia americana e quadrilogia losangeliana (al pari con White Jazz) di Ellroy. Sei pezzi da mille ha prima di tutto uno stile di scrittura assolutamente scorbutico, sincopato, spezzettato. Si fatica a capire chi parla ed onestamente così il romanzo risulta poco fruibile. Poco male nel senso che Ellroy mi ha abituato a lavori ben più "spinti" da questo lato (vedi alla voce White Jazz)., però è innegabile che tutto ciò rende spesso troppo monocolore il libro.

    Quello che non funziona in Sei pezzi da mille è però l'intreccio, nel senso che in altri libri di Ellory i vari fatti si incastrano alla perfezione, concatenandosi a generare eventi l'uno collegato all'altro. Questa volta invece il tutto è orchestrato in maniera meno impeccabile, poiché la sensazione è quella di puri e semplici corollari agli eventi realmente accaduti. Mi spiego meglio: nei precedenti romanzi si ha la sensazione che l'epilogo sia una conseguenza di ciò che accade fin dalla prima pagina, rotella dopo rotella, ingranaggio dopo ingranaggio, questa volta un po' meno. Oltretutto questa volta abbiamo un po' di prolissità ed una sforbiciata (soprattutto nella parte centrale) credo non avrebbe fatto male.

    C'è da dire che le ultime 50-100 pagine sono autentica pura, fantastica, dinamite, con un finale tra i più belli ed al contempo amari che mi sia capitato di leggere. Però c'è troppa poca azione in questo libro e quando Ellroy decide di accelerare (poche volte purtroppo) è adrenalina che viene pompata nelle vene del lettore e si rimpiange un po' la mancanza di azione che pervade il resto del romanzo.

    Tre stelle e mezzo. Rimane comunque un lavoro molto intenso, sofferto per certi versi e che garantisce un ritratto sporco duro e crudo dell'America post assassinio Kennedy. Sarebbe assolutamente un sogno vederne tratto una serie, magari da HBO. Speriamo...

    ha scritto il 

  • 5

    Ossessione

    Ellroy intervistato in merito al rapporto con i suoi lettori ebbe a dichiarare nel 1995:

    “Voglio scuoterli, spaventarli, farli riflettere. Voglio scioccarli. Più vado avanti più diventa la mia ossessi ...continua

    Ellroy intervistato in merito al rapporto con i suoi lettori ebbe a dichiarare nel 1995:

    “Voglio scuoterli, spaventarli, farli riflettere. Voglio scioccarli. Più vado avanti più diventa la mia ossessione, e sto imparando a farne ciò che voglio. Voglio scuotere i miei lettori dalla loro quotidianità e condividere con loro le mie ossessioni. Voglio che siano ossessionati dai miei libri.”

    Questa dichiarazione, di gran lunga più efficace di ogni altra considerazione che potrei sforzarmi di scrivere per trasmettere il cupo entusiasmo che Ellroy mi infonde ogni volta che lo affronto, rende perfettamente l’idea dell’effetto che questo romanzo provoca nel lettore.
    È semplicemente sconvolgente. La trama, la prosa, il ritmo sono un martello pneumatico assetato di materia da disintegrare che, insaziabile, massacra il tuo cervello per 762 maledette pagine.

    Si, James, hai ragione, sono ossessionato dai tuoi libri.

    ha scritto il 

  • 5

    questo è un libro che masticato per bene per iniziare a sentirne il sapore. le prime cento pagine servono a questo: assimilare lo stile di scrittura finchè non risulta naturale. poi è storia che ti co ...continua

    questo è un libro che masticato per bene per iniziare a sentirne il sapore. le prime cento pagine servono a questo: assimilare lo stile di scrittura finchè non risulta naturale. poi è storia che ti corre davanti agli occhi, personaggi che ti fanno venir la pelle d'oca (per tutte le ragioni possibili) e voglia di continuare a leggere finchè non ti sanguinano gli occhi.
    letto in due weekend scarsi, visto che durante la settimana non riuscivo a dedicarci il giusto tempo, è stata la conferma che Ellroy è un grande scrittore. uno di quelli che ti fa parlare del suo libro anche a chi legge solo le notizie in Facebook cercando di convincerli a quale nefandezza arrecano a loro stessi negandosi l' opportunità di godersi quest' autore.
    Pochi sono in grado di creare personaggi come fa Ellroy, pochi riescono a renderti felice di faticare dietro ad un romanzo. tutto il resto è fuffa

    ha scritto il 

  • 5

    Difficile e bello!

    Come al solito adoro Ellroy. Nonostante sia scritto in maniera davvero pesante e poco scorrevole, uno stile che non mi piace per niente, è riuscito a trattenermi come al solito, è a farmi bramare i mo ...continua

    Come al solito adoro Ellroy. Nonostante sia scritto in maniera davvero pesante e poco scorrevole, uno stile che non mi piace per niente, è riuscito a trattenermi come al solito, è a farmi bramare i momenti in cui poterlo leggere. Il libro è il seguito di American Tabloid, si riparte dall'omicidio di JFK e si va avanti in un intrecco fitto tra storia e finzione. Avvincente, crudo, bello.
    Consigliatissimo!!!

    ha scritto il 

  • 4

    I ragazzi di Dallas '63

    E come Ellroy: Elettrizzante. Esplosivo. Estenuante. Non si può certo definire letteratura da ombrellone, questa: non è solo una collezione di scalpi quella dei "ragazzi di Dallas", pedine reduci dell ...continua

    E come Ellroy: Elettrizzante. Esplosivo. Estenuante. Non si può certo definire letteratura da ombrellone, questa: non è solo una collezione di scalpi quella dei "ragazzi di Dallas", pedine reduci dell'attentato a JFK, ma una fitta ragnatela di intercettazioni, documenti, intrallazzi che cuce insieme la caccia all'uomo di una vendetta personale e vari densissimi plot "para-storici" - in pieno stile Ellroy - tra Cuba, il Vietnam, Las Vegas, il sottobosco bifolco razzista e le oscure manovre del potere tra mafia ed FBI.
    Non è una lettura semplice, il sangue appiccica le pagine, il punto di vista è quello della parte marcia e l'interpunzione ha il ritmo di una raffica di mitra. Per sua stessa definizione Ellroy ha qui usato uno stile "diretto, a frasi mozze, imperativo, che ti colpisce dritto alle palle", funzionale a descrivere il torbido ambiente reazionario di quei pesantissimi anni '60.
    Continuo a restare sbalordito per l'estrema disinvoltura con cui questo scrittore plasma la materia storica più oscura, retaggio dei complottisti più incalliti, giocando a sporcare i personaggi pubblici dell'epoca in maniera a dir poco spudorata. E' un pazzo, gli va riconosciuto: bisogna essere ellroyani per amarlo, e io insanamente lo sono.

    ha scritto il 

  • 1

    Illeggibile...

    Semplicemente illeggibile...i dialoghi sono assurdi...la prosa o è stata tradotta male o è scritta proprio alla c....o di cane....quello che sembrava solo un vezzo di Ellroy in "American Tabloid" (l'u ...continua

    Semplicemente illeggibile...i dialoghi sono assurdi...la prosa o è stata tradotta male o è scritta proprio alla c....o di cane....quello che sembrava solo un vezzo di Ellroy in "American Tabloid" (l'uso di frasi ripetute più volte a breve distanza) qui diventa un tormento:davvero difficile farsi catturare dalla storia che sembra non decollare mai....Bocciato!!

    ha scritto il 

  • 4

    il seguito di American Tabloid, che segue (tra l´altro) i momenti cruciali dell´omicidio-JFK.
    Solo un pochino meno potente (e chiaramente mancava l´effetto sorpresa) di American Tabloid, é come confro ...continua

    il seguito di American Tabloid, che segue (tra l´altro) i momenti cruciali dell´omicidio-JFK.
    Solo un pochino meno potente (e chiaramente mancava l´effetto sorpresa) di American Tabloid, é come confrontare Nevermind dei Nirvana con ció che hanno fatto dopo, é chiaro che quello d´impatto é il primo.

    ha scritto il 

  • 5

    Faticoso ma bellissimo

    Come tutti i romanzi di Ellroy Sei pezzi da mille è faticoso, moltissimi personaggi, stile di scrittura molto particolare, ma è un libro assolutamente da leggere. La storia americana degli anni 60 è m ...continua

    Come tutti i romanzi di Ellroy Sei pezzi da mille è faticoso, moltissimi personaggi, stile di scrittura molto particolare, ma è un libro assolutamente da leggere. La storia americana degli anni 60 è molto affascinante, ed Ellroy ne fa una dura, spietata critica, e ci insegna tanto.
    Un libro che mi ha lasciato molto e che mi ha fatto crescere tanto.

    ha scritto il 

  • 4

    Assieme a "American tabloid" "Sei pezzi per mille" fa a gara per essere consacrato il capolavoro di Ellroy: : è intrigante, avvincente e spietata la storia che ci propone l'Autore che mira a scandagli ...continua

    Assieme a "American tabloid" "Sei pezzi per mille" fa a gara per essere consacrato il capolavoro di Ellroy: : è intrigante, avvincente e spietata la storia che ci propone l'Autore che mira a scandagliare la politica e la società dell'America dei Kennedy, la lotta delle battaglie per i diritti civili, delle famiglie mafiose, dei sindacati corrotti, dei delitti eclatanti ed irrisolti. In definitiva è una critica feroce alla società conservatrice da un conservatore dichiarato, e proprio in questo sta il fascino di questo romanzo.

    ha scritto il