Sulla traccia di Nives

Di

Editore: Mondadori

3.9
(370)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 117 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8804561831 | Isbn-13: 9788804561835 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Sport, Attività all\'aperto & Avventura , Viaggi

Ti piace Sulla traccia di Nives?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nives Meroi è un'alpinista che ha cominciato una gara appassionante: incompetizione con una spagnola, vorrebbe diventare la prima donna a conquistaretutti e quattordici gli Ottomila del mondo. Nives scala con suo marito e conun giovane fotografo, senza portatori d'alta quota, senza usare ossigeno. Illoro rapporto con la montagna è di assoluta purezza. Erri De Luca, anch'egliarrampicatore appassionato, è amico di Nives e la segue da tempo nelle sueimprese. Fin dove può. Sotto la tenda, durante una tempesta, Erri e Nivesparlano. Della montagna, della sfida, della fatica, della vita. Fotografie diVeronica Citi.
Ordina per
  • 3

    Sulla traccia di de Luca che parla di lui e anche di Nives

    Nonostante i tanti bei passaggi nel libro, forse qui il buon Erri avrebbe dovuto farsi un pochino da parte e lasciare il palco a Nives, laddove invece la sua presenza risulta in troppi punti, secondo ...continua

    Nonostante i tanti bei passaggi nel libro, forse qui il buon Erri avrebbe dovuto farsi un pochino da parte e lasciare il palco a Nives, laddove invece la sua presenza risulta in troppi punti, secondo me, ingrombrante e arrogante.
    Sempre un piacere leggerlo, però un buon autore forse dovrebbe ogni tanto lasciar più parlar gli altri, che mostrare ad ogni passo con insistenza quanto lui si sente bravo nel vivere e ascoltare il mondo.
    Oppure scegli un altro titolo e un'altra impostazione fin dall'inizio del libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho sviluppato un’insofferenza per Erri de Luca, o meglio per la sua scrittura, che lui è persona che mi piace...
    Dopo Il peso della farfalla ho deciso di non leggerlo più. Mi sembra così lontano da un ...continua

    Ho sviluppato un’insofferenza per Erri de Luca, o meglio per la sua scrittura, che lui è persona che mi piace...
    Dopo Il peso della farfalla ho deciso di non leggerlo più. Mi sembra così lontano da uno dei suoi primi libri che ho amato, Tre cavalli, il migliore tra quelli letti, o forse mi sono allontanata io.
    Mi sento più vicina a Nives Meroi, che in un dialogo a due, lo riporta continuamente con i piedi per terra.
    Qualche esempio:
    ”Sei pieno di frasi che si sono incagliate nella testa, ci giri intorno, riesco a seguirti poco.”
    ”Mai pensato di somigliare a una montagna.”
    ”Parli di bellezza dove io vedo sforzo penoso”
    ”Non mi è venuto intorno nessun fantasma in alta quota.”
    ”Te ne inventi di cose.”
    Qualche bella pagina, dove ricorda il padre, mi ha commosso. Troppo poco per andare oltre le tre stelle (tutte per Nives)

    ha scritto il 

  • 3

    È in parte un'intervista a Nives Meroi, alpinista italiana che ha scalato ormai 12 delle 14 cime superiori agli 8.000 metri, in parte è una riflessione sul rapporto uomo-natura e sulle implicazioni de ...continua

    È in parte un'intervista a Nives Meroi, alpinista italiana che ha scalato ormai 12 delle 14 cime superiori agli 8.000 metri, in parte è una riflessione sul rapporto uomo-natura e sulle implicazioni dell'affrontare sfide come una scalata a quelle altitudini senza ossigeno né portatori. Ne emerge un ritratto affascinante anche se non sempre condivisibile.

    ha scritto il 

  • 2

    Nives Meroi, famosa alpinista italiana, è impegnata nel sogno di salire tutti i 14 ottomila del mondo. Lo fa in stile alpino, con poco materiale, lo stretto necessario, in compagnia del marito e di un ...continua

    Nives Meroi, famosa alpinista italiana, è impegnata nel sogno di salire tutti i 14 ottomila del mondo. Lo fa in stile alpino, con poco materiale, lo stretto necessario, in compagnia del marito e di un amico fotografo. E’ un approccio puro all’ascesa quello di Nives e pieno di rispetto per la natura e per la montagna. Nives tenta e ritenta, molte volte torna indietro, rinuncia, poi riprova. La bravura dell’alpinista sta proprio lì, nel saper rinunciare quando si deve farlo e nella forza di ritentare. “Una cima l’hai conquistata quanto sei ridisceso” dice Nives. Il ritorno, la discesa, fanno parte dell’impresa. Erri De Luca dialoga con Nives durante una delle sue imprese, la segue e parla con lei della fatica, di ciò che spinge una persona ad affrontare un tale carico di rischio, paura, sofferenza, ma anche meraviglia, beatitudine. Cosa cerchiamo sulla cima dei monti? Il tutto è condito da pensieri di Erri su vari argomenti, per lo più legati alle sacre scritture. Non è facile trovare libri su questi argomenti che hanno per protagonisti una donna. L’alpinismo non è terreno molto frequentato da donne purtroppo. Ed è bello notare che nell’alpinismo di Nives c’è l’amore per il marito. Il loro rapporto è parte integrante della loro esperienza in alta quota. Si condividono le difficoltà, la fatica, le gioie. E forse si riesce anche a condividere la solitudine. Un libro veloce e piacevole, se piace lo stile un po’ arzigogolato e retorico (ma anche poetico) di De Luca.

    ha scritto il 

  • 3

    Lo scrittore Erri De Luca, appassionato d'alpinismo, e la scalatrice Nives Meroi parlano di montagne e di vita, lui poetico ma tendenzialmente enfatico, lei concreta ma sensibile. Si era nel 2006, e l ...continua

    Lo scrittore Erri De Luca, appassionato d'alpinismo, e la scalatrice Nives Meroi parlano di montagne e di vita, lui poetico ma tendenzialmente enfatico, lei concreta ma sensibile. Si era nel 2006, e lei poteva nutrire la speranza di essere la prima donna a conquistare tutti i quattordici ottomila: poi non è stato così (l'obiettivo è stato raggiunto da altre e lei è ora a quota dodici), ma pazienza, la donna è molto forte e di traguardi nella vita ne ha sicuramente altri e ben più importanti.

    ha scritto il 

  • 5

    Un'alpinista.

    Primo libro di De Luca, primo incontro con Nives Meroi. Lei mi è piaciuta moltissimo, lui l'ho trovato interessante, anche se tende un po' a rubarle la scena - sebbene intitoli il libro "Sulle tracce ...continua

    Primo libro di De Luca, primo incontro con Nives Meroi. Lei mi è piaciuta moltissimo, lui l'ho trovato interessante, anche se tende un po' a rubarle la scena - sebbene intitoli il libro "Sulle tracce di...". Quello che mi ha reso la Meroi unica è che finalmente c'è un (') alpinista, a cui importa conferire alle sue azioni in montagna un aspetto umano profondo (nel suo caso, l'amore per suo marito): con ciò si aprono nuove prospettive, si palesano nuovi spunti di riflessione e viene offerto soprattutto un nuovo spessore e significato all'andare in montagna.

    ha scritto il 

  • 3

    "Non dico che sto scalando gli Ottomila in nome delle donne. Scalo per me, per la mia fame di montagne. Sono un'alpinista, però con l'apostrofo, una alpinista, una donna che pianta le sue punte di met ...continua

    "Non dico che sto scalando gli Ottomila in nome delle donne. Scalo per me, per la mia fame di montagne. Sono un'alpinista, però con l'apostrofo, una alpinista, una donna che pianta le sue punte di metallo sulle punte più alte del pianeta.Un'alpinista, al femminile si scrive con l'apostrofo, e quell'apostrofo è la mia bandierina di donna che faccio sventolare lassù".

    ha scritto il 

Ordina per