Tainted Blood

By

Publisher: Vintage

3.7
(946)

Language: English | Number of Pages: 352 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish , Dutch , Chi traditional , Swedish , Portuguese , German , Czech

Isbn-10: 0099513129 | Isbn-13: 9780099513124 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Tainted Blood ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A man is found murdered in his Reykjavik flat. There are no obvious clues apart from a cryptic note left on the body and a photograph of a young girl's grave. Detective Erlendur is forced to use all the forensic resources available to find any leads at all. Delving into the dead man's life he discovers that forty years ago he was accused of an appalling crime. Did his past come back to haunt him? Finally, Erlendur's search leads him to Iceland's Genetic Research Centre in order to find the disturbing answers to the mystery. This prizewinning international bestseller is the first in a new series of crime novels set in Iceland.
Sorting by
  • 4

    Questo romanzo mi ha colpita molto. Davvero bello. Non sono presenti colpi di scena eclatanti, il tutto parte dall'omicidio di un anziano islandese, eppure...c'è un certo magnetismo tra le pagine che ...continue

    Questo romanzo mi ha colpita molto. Davvero bello. Non sono presenti colpi di scena eclatanti, il tutto parte dall'omicidio di un anziano islandese, eppure...c'è un certo magnetismo tra le pagine che mi ha tenuta incollata alla storia. Saranno stati il clima cupo e piovoso, o i suoi personaggi disperati e veri, quel pizzico di suspence...

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Piovoso, cupo, triste ed attuale... ancora una volta l'attualità va oltre la fantasia nell'utilizzare dna è genetica per trovare colpevoli. Per il resto i soliti nomi impronunciabili, la solita rabbia ...continue

    Piovoso, cupo, triste ed attuale... ancora una volta l'attualità va oltre la fantasia nell'utilizzare dna è genetica per trovare colpevoli. Per il resto i soliti nomi impronunciabili, la solita rabbia repressa di Erlendur e una buona trama che riesce a tenere alto l'interesse.

    said on 

  • 3

    segreti, bugie, omissioni e DNA

    nella vita privata non sempre è bene dire tutto. Mi ha fatto ripensare a quando l'indagine per l'omicidio di Yara Gambirasio, tutta l'Italia è stata messa al corrente della relazione extraconiugale di ...continue

    nella vita privata non sempre è bene dire tutto. Mi ha fatto ripensare a quando l'indagine per l'omicidio di Yara Gambirasio, tutta l'Italia è stata messa al corrente della relazione extraconiugale di trent'anni fa della signora Bossetti. Non sono poi sicura che i metodi scientifici siano da soli sufficienti a risolvere delitti.

    said on 

  • 3

    Angosciante

    Conoscevo già l'agente Erlendur, ho già letto due libri in cui è protagonista. Anche qui è presente l'atmosfera tetra e malinconica tipica di questo autore. Non mi fa impazzire, è un po' troppo cupo p ...continue

    Conoscevo già l'agente Erlendur, ho già letto due libri in cui è protagonista. Anche qui è presente l'atmosfera tetra e malinconica tipica di questo autore. Non mi fa impazzire, è un po' troppo cupo per i miei gusti. E' comunque un buon giallo, originale anche se abbastanza prevedibile.

    said on 

  • 4

    Voto 8 e mezzo

    Spero che nei prossimi romanzi questo giallista islandese non mi deluda. Per ora siamo partiti benissimo. A parte i nomi impronunciabili, i personaggi mi hanno conquistato, la storia è bella e non ban ...continue

    Spero che nei prossimi romanzi questo giallista islandese non mi deluda. Per ora siamo partiti benissimo. A parte i nomi impronunciabili, i personaggi mi hanno conquistato, la storia è bella e non banale, come non è banale il protagonista. Si sentono il freddo e la bruma islandese, c'è una sorta di tristezza che aleggia in ogni pagina e che io personalmente riconduco a un clima e un paesaggio che non ti fanno venir voglia di ballare.
    Per ora non voglio dire di più.

    said on 

  • 3

    Inquietante

    E’ il primo libro che leggo di quest’autore.
    Protagonista il commissario Erlendur, un tipo solitario, introverso, reso "aspro" dalle preoccupazioni, un matrimonio finito male, due figli problematici ( ...continue

    E’ il primo libro che leggo di quest’autore.
    Protagonista il commissario Erlendur, un tipo solitario, introverso, reso "aspro" dalle preoccupazioni, un matrimonio finito male, due figli problematici ( alcool, droga..) con cui ha rapporti difficili.
    Il commissario inizia la sua indagine sull'assassinio di un vecchietto, e decide di volgere le sue ricerche sulla foto di una bimba morta trent'anni prima, trovata in casa della vittima. E questo, a mio avviso, risulta poco credibile, che Erlendur, di fronte alla morte di Holberg, abbia condotto le indagini su un filone passato senza interessarsi alle frequentazioni più attuali della vittima.
    Sotto la città è un buon giallo, che parte dalla nota inquietante della raccolta in una mega banca dati delle informazioni genetiche della popolazione islandese...una "città dei barattoli" dove possono annidarsi misteri e drammi familiari e personali.
    Il libro si legge volentieri, è scorrevole anche se a tratti il ritmo è piuttosto lento soprattutto dove si parla della vicenda poco piacevole e noiosa della figlia drogata.

    said on 

  • 4

    Un romanzo molto interessante, anche se ci sono un paio di passaggi poco chiari, qualche deduzione di Erlendur che sembra un po' campata in aria (e che poi si rivela corretta). Ma comunque un bel libr ...continue

    Un romanzo molto interessante, anche se ci sono un paio di passaggi poco chiari, qualche deduzione di Erlendur che sembra un po' campata in aria (e che poi si rivela corretta). Ma comunque un bel libro: leggerò i seguenti.

    said on 

  • 3

    non solo Björk

    E' il mio primo giallo islandese.Erlendur, cinquantenne divorziato, con una vita famigliare piuttosto desolante ma con segnali di ripresa, è il commissario protagonista di questa indagine. Circondato ...continue

    E' il mio primo giallo islandese.Erlendur, cinquantenne divorziato, con una vita famigliare piuttosto desolante ma con segnali di ripresa, è il commissario protagonista di questa indagine. Circondato da validi collaboratori che ne riconoscono le qualità professionali che affiorano dal silenzio che lo contraddistingue. Il caso di omicidio li costringerà ad indagini a ritroso nel tempo.
    Il ritmo viene mantenuto per l'intero romanzo. si legge con piacere.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    il tipico omicidio islandese

    che in fondo, tecnicamente è quasi più un incidente che un omicidio, certo non premeditato, certo non seriale. Bella questa storia, che non è tanto di tensione quanto di caratteri. E di scelte, e dell ...continue

    che in fondo, tecnicamente è quasi più un incidente che un omicidio, certo non premeditato, certo non seriale. Bella questa storia, che non è tanto di tensione quanto di caratteri. E di scelte, e delle conseguenze. E in queste c'è un che di ineluttabile. Alla fine bisogna render conto e le colpe dei padri ricadono sui figli. Di islandese in questa storia, oltre alla pioggia, secondo me non c'è il paesaggio, ma ci sono le sue conseguenze, di nuovo. Un tema così "biblico" non è qui trattato con le categorie delle colpa e della redenzione, ma con quelle della natura. E' la genetica che comanda. Libro non tanto avvincente quanto intenso. Bella lettura. Erlendur è un personaggio a cui inizio, lentamente, a voler bene.

    said on 

  • 4

    Tema duro

    Éste libro me gustó mucho, eso que al principio pensé que era un poco extraño y se me hizo un poco lento, pero a medida que iba leyendo me fui metiendo en los personajes, lo recomiendo, bueno, al auto ...continue

    Éste libro me gustó mucho, eso que al principio pensé que era un poco extraño y se me hizo un poco lento, pero a medida que iba leyendo me fui metiendo en los personajes, lo recomiendo, bueno, al autor en general porqué me gusta mucho como escribe Arnaldur Indridason.

    said on