The Annotated Flatland

A Romance of Many Dimensions

By

Publisher: Basic Books

4.0
(3173)

Language: English | Number of Pages: 272 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Portuguese , Italian , French , Spanish , German , Catalan , Galego , Swedish , Polish , Chi traditional

Isbn-10: 0465011233 | Isbn-13: 9780465011230 | Publish date: 

Also available as: Library Binding , Hardcover , Others , School & Library Binding , Mass Market Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Annotated Flatland ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This is a wonderful new version of a mathematics classic, with commentary by renowned science writer Ian Stewart. Published in 1884 by the English Clergyman Edwin A.A Abbott, "Flatland" is a unique and delightful satire. The fanciful tale of a two-dimensional being who is whisked away by a mysterious visitor to The Land of Three Dimensions, it exposed Abbott's Victorian readers to the then-radical idea of a fourth dimension - preparing them for Einstein's spectacular theories of relativity.Like the original, Ian Stewart's commentary takes readers on a strange and wonderful journey. With clarity and wit, Stewart illuminates Abbot's Victorian references, weaves in little known biographical information about Abbott and his intellectual circle, and traces the scientific evolution of geographical forms and dimensions. Touching on such diverse topics as ancient Babylon, Karl Marx, Mary Shelley's Frankenstein, the Georgian calendar and Mount Everest, Stewart makes fascinating connections between Flatland and Abbott's life and times. The result is a classic of rival Abbott's own, and a book that will inspire and delight curious readers for generations to come.
Sorting by
  • 4

    Letto tutto d'un fiato ieri. Penso di doverlo ancora metabolizzare perché il mio giudizio si divide tra il considerare la storia geniale e al contempo, il considerarla troppo densa e pregna di lurido ...continue

    Letto tutto d'un fiato ieri. Penso di doverlo ancora metabolizzare perché il mio giudizio si divide tra il considerare la storia geniale e al contempo, il considerarla troppo densa e pregna di lurido maschilismo.
    Nei primi paragrafi è palpabile il sarcasmo, di qui il mio entusiasmo nel definire il breve romanzo un colpo di genio, ma proseguendo la lettura il sarcasmo lascia spazio ad un insensato odio costante e mai moderato contro le donne. Sì, nell'introduzione è spiegato a chiare lettere che l'autore si sentì dare del misogino e del maschilista e sì, com'è naturale, lui respinse le accuse. Eppure a metà racconto scompare il sarcasmo e vi è odio insensato e costante contro queste aguzze e pericolose donne della società geometrica.
    Che Abbott abbia creato lo specchio geometrico della popolazione vissuta a fine Ottocento è evidente (ed è qui che lo considero un genio per il lavoro svolto), ma è quell'accanirsi contro una categoria in particolare che non ho ancora digerito del tutto.
    Lo reputo il precursore di altri romanzi di successo, geniali e scomodi, come Fahrenheit 451 e 1984, il cui scopo era ed è quello di far aprire gli occhi ad una società instupidita dallo Stato.
    Comunque è valsa decisamente la pena leggerlo, è una boccata d'aria fresca in mezzo ai soliti romanzi.

    said on 

  • 5

    Da sempre fissata con le dimensioni ho apprezzato tantissimo questo libretto che offre diversi livelli di lettura. E' interessante l'analisi sociologica del tempo (povere donne) e anche come viene mos ...continue

    Da sempre fissata con le dimensioni ho apprezzato tantissimo questo libretto che offre diversi livelli di lettura. E' interessante l'analisi sociologica del tempo (povere donne) e anche come viene mostrato quanto sia difficile accettare quello che è oltre la nostra comprensione . Un mondo bidimensionale non può vedere la terza dimensione, la sfera permette al quadrato di capire, ma si rivela ottusa quando il quadrato, ragionando per analogia, chiede alla sfera di mostrargli dimensioni oltre la terza.
    Sono arrivata a questo libro dopo aver letto "La quarta dimensione" di Rudy Rucker. Lo consiglio a chi si fa i trip mentali su questi argomenti come me!

    said on 

  • 4

    Racconto molto carino e interessante, un viaggio nella dimensionalità e nella prospettiva, scritto nello stile semplice e comprensibile del racconto d'avventura. Consigliato a tutte le età.

    said on 

  • 5

    Un mondo a due dimensioni.

    Gli assiomi e i corollari presentati negli Elementi dal matematico alessandrino Euclide costituiscono un efficacie sistema matematico basato sulla logica e sulla deduzione in grado di agevolare l’appr ...continue

    Gli assiomi e i corollari presentati negli Elementi dal matematico alessandrino Euclide costituiscono un efficacie sistema matematico basato sulla logica e sulla deduzione in grado di agevolare l’apprendimento della geometria piana mediante dimostrazioni...

    http://forestadicarta.altervista.org/flatlandia-edwin-abbott-abbott/

    said on 

  • 4

    GENIALE! Per chi ama, ha amato, desidera fortemente amare la matematica. E l'intelligenza brillante di chi ne sa scrivere, senza mai annoiare.

    said on 

  • 3

    Inizialmente l'avevo preso per il mio ragazzo, poi mi sono incuriosita e ho deciso di leggerlo anche io (sebbene non sia il mio "campo" preferito).
    Ho trovato metafore e analogie davvero carine, ma nu ...continue

    Inizialmente l'avevo preso per il mio ragazzo, poi mi sono incuriosita e ho deciso di leggerlo anche io (sebbene non sia il mio "campo" preferito).
    Ho trovato metafore e analogie davvero carine, ma nulla di più.
    Certi capitoli sono troppo lenti e noiosi, altri più brillanti.
    Nel complesso ne consiglierei comunque la lettura, che può regalare un'altra visione del mondo e aprire nuovi orizzonti.

    said on 

  • 4

    FIGURE GEOMETRICHE E SCHEMI MENTALI

    In flatlandia, il mondo delle figure piane, vivono poligoni e linee rette che si muovono nello spazio talvolta ferendosi e vige un ordine gerarchico rigidissimo, dove le donne occupano l'infimo posto ...continue

    In flatlandia, il mondo delle figure piane, vivono poligoni e linee rette che si muovono nello spazio talvolta ferendosi e vige un ordine gerarchico rigidissimo, dove le donne occupano l'infimo posto della società.
    Ma il mondo in cui si vive non è sempre l'unico dei mondi possibili, perciò il nostro quadrato, protagonista e autore del saggio/racconto, conoscerà il mondo della terza dimensione.
    Il tutto farcito di descrizioni sarcastiche e brillanti. Un'idea originale, mai pedante e mai troppo difficile (ci sono anche disegni esplicativi). Mondi così lontani strutturalmente da noi, ma non troppo mentalmente. Caste quasi impossibili da superare, mentalità non facilmente scalfibili, misoginia e populismo. Insomma un mondo non troppo lontano dal nostro.

    said on 

  • 3

    Geometrie geniali (e irritanti moralismi)

    Una grande grande idea sta alla base di questo libro che - come poche altre volte - si può dire originalissimo, quasi unico. Del resto, non è affatto semplice costruire una storia/saggio su una dimens ...continue

    Una grande grande idea sta alla base di questo libro che - come poche altre volte - si può dire originalissimo, quasi unico. Del resto, non è affatto semplice costruire una storia/saggio su una dimensione del mondo che non ci appartiene; è una gran fatica, non priva di divertimento, confrontarsi con una dimensione in meno.
    Togliere è sempre più arduo che aggiungere, si sa.

    Eppure... le mie aspettative personali sono state un po' deluse: mi aspettavo un racconto di fantascienza/parascienza vintage con incursioni matematiche, mentre mi son trovata a storcere il naso per aspetti "sociologici", come in un romanzo moralista e di analisi di una società che non riesco a condividere nella sua costante misoginia.

    Sotto questo aspetto, "Flatlandia" dimostra tutta l'età che possiede, non un anno di meno e, per questo, penso che sarebbe fantastico se un altro genio dell'invenzione letteraria scrivesse qualcosa di simile oggi.
    Ma pare che finora non sia successo, dunque: chapeau, reverendo Abbot, ovunque tu sia.
    Al cospetto di una puntuta femmina, di un regale cerchio o nel ghetto dei triangoli.

    said on 

Sorting by