The Austere Academy

Publisher: HarperCollins Publishers Inc

4.0
(694)

Language: English | Number of Pages: 221 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , Italian , Portuguese , French

Isbn-10: 0064408639 | Isbn-13: 9780064408639 | Publish date:  | Edition 1st ed

Illustrator or Penciler: Brett Helquist

Also available as: Audio CD , Library Binding , Audio Cassette , Paperback , Others

Category: Children , Fiction & Literature , Humor

Do you like The Austere Academy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Dear Reader,

If you are looking for a story about cheerful youngsters spending a jolly time at boarding school, look elsewhere. Violet, Klaus, and Sunny Baudelaire arc intelligent and resourceful children, and you might expect that they would do very well at school. Don't. For the Baudelaires, school turns out to be another miserable episode in their unlucky lives.

Truth be told, within the chapters that make up this dreadful story, the children will face snapping crabs, strict punishments, dripping fungus, comprehensive exams, violin recitals, S.O.R.E., and the metric system.

It is my solemn duty to stay up all night researching and writing the history of these three hapless youngsters, but you may be more comfortable getting a good night's sleep. In that case, you should probably choose some other book.

With all due respect,Lemony Snicket

Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    3.5

    Nuovo episodio con gli sfortunati orfani, ma devo dire che non mi ha entusiasmato quanto gli altri.
    Non c’è azione, non c’è una vera e propria storia e gli orfani non si dimostrano all’altezza della s ...continue

    Nuovo episodio con gli sfortunati orfani, ma devo dire che non mi ha entusiasmato quanto gli altri.
    Non c’è azione, non c’è una vera e propria storia e gli orfani non si dimostrano all’altezza della situazione. Per di più, il Vicepreside Nero è altamente irritante.
    Ma… Ci sono comunque delle note positive.
    La prima è che, finalmente, gli orfani si fanno degli amici. I trigemini Pantano (anche se sono due) si sono dimostrati molto interessanti. La loro storia è fin troppo simile ai Baudelaire e, in fondo, il Conte Olaf dovrà aver cominciato a dare la caccia agli orfani da qualche parte. Inutile dire che la mia mente è già partita con le ship. Comunque, dopo tanti personaggi adulti quanto stupidi, è stato bello vederli interagire con qualcuno della loro età.
    La seconda novità, è il collegamento personale che lega Snicket a Beatrice, la madre dei Baudelaire. Il che rende la vicenda piuttosto interessante.
    Spero che il prossimo romanzo ritorni a essere emozionante come i precedenti, magari aggiungendo un altro pizzico di azione in più. E spero di rivedere i Pantano sani e salvi.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Ho trovato questo libro abbastanza frettoloso e non mi ha soddisfatta appieno come nei scorsi capitoli della storia. Continuo a ribadire che il signor Poe sbaglia costantemente ad affidare i bambini a ...continue

    Ho trovato questo libro abbastanza frettoloso e non mi ha soddisfatta appieno come nei scorsi capitoli della storia. Continuo a ribadire che il signor Poe sbaglia costantemente ad affidare i bambini a soggetti del genere, il direttore di quella scuola è da denuncia!
    Riparlando del signor Poe, è mai possibile che OGNI VOLTA non riconosca il Conte Olaf? Posso capire il nascondere un sopracciglio o un tatuaggio ma la faccia rimane quella, turbante o meno!
    In questo capitolo conosciamo diversi personaggi, la maggior parte di essi sono persone orribili ma per la prima volta assieme ai tre orfani ci sono altri due orfani: i Pantano. È curioso come le due famiglie di orfani abbiano avuto quasi la stessa sorte: genitori - e nel caso dei Pantano anche un fratello gemello - morti in un incendio. I Pantano aiutano i tre orfani Baudelaire contro il Conte Olaf e scoprono anche informazioni preziose su di lui ma non fanno in tempo a rivelare cosa abbiano scoperto perché il Conte li rapisce rubando anche i loro quaderni dove avevano scritto quelle informazioni.
    In questo libro scopriamo che lo scrittore, Lemony Snicket, ha conosciuto personalmente Beatrice, la mamma dei Baudelaire. Questo fatto mi ha sorpresa moltissimo.
    Sono curiosa di sapere come andrà avanti questa storia e a chi consegnato momentaneamente i tre fratelli.

    said on 

  • 4

    Snicket inizia ad ampliare il mondo in cui si svolgono le avventure dei Baudelaire, con i racconti delle sue varie avventure che vanno oltre il bizzarro e iniziano a delineare un filo conduttore di fo ...continue

    Snicket inizia ad ampliare il mondo in cui si svolgono le avventure dei Baudelaire, con i racconti delle sue varie avventure che vanno oltre il bizzarro e iniziano a delineare un filo conduttore di fondo, e un primo sguardo sul passato di Olaf che mostra c'è di più oltre alla mera sete di denaro, e da i primi effettivi accenni di un collegamento tra la vita di Snicket e quella dei Baudelaire, inoltre introduce due nuovi personaggi ricorrenti, i Pantano, che contribuiscono a far sì che la storia non si limiti più alle sole disavventure di una famiglia.

    said on 

  • 3

    Lo sfortunato evento n. 5, scritto come al solito assai bene, risulta però un po' frettoloso, quindi meno calibrato e convincente dei precedenti. C'è di buono che Snicket prova a rompere lo schema col ...continue

    Lo sfortunato evento n. 5, scritto come al solito assai bene, risulta però un po' frettoloso, quindi meno calibrato e convincente dei precedenti. C'è di buono che Snicket prova a rompere lo schema collaudato nei volumi 1-4, inserendo nuovi personaggi e sottotrame.

    said on 

  • 5

    "La timidezza è una cosa curiosa perchè, come le sabbie mobili, puó capitarti all'improvviso, e come le sabbie mobili, costringe la gente a guardare in basso."

    Mi è piaciuto più degli altri, forse perchè parlava della scuola e di quanto spesso sia inutile, forse perchè con questo piccolo volume ci ho girato l'Europa. Tra Italia, Svizzera, Francia e Inghilter ...continue

    Mi è piaciuto più degli altri, forse perchè parlava della scuola e di quanto spesso sia inutile, forse perchè con questo piccolo volume ci ho girato l'Europa. Tra Italia, Svizzera, Francia e Inghilterra i poveri Baudelaire mi hanno fatto compagnia, ancora una volta. Al prossimo volume!

    said on 

  • 4

    L'atroce accademia

    Saga sempre più carina, chissà che fine faranno i poveri Baudelaire...Non vedo l'ora di leggere gli altri volumi.. Voto: 3 stelline e mezzo. Consigliato!

    said on 

  • 4

    Qualcuno mi fermi se dico una sciocchezza, ma per me questo è il volume "della svolta". Finalmente si aggiungono nodi enormi da disfare e ambigui passaggi inseriti da Lemony riguardo a Beatrice e ai B ...continue

    Qualcuno mi fermi se dico una sciocchezza, ma per me questo è il volume "della svolta". Finalmente si aggiungono nodi enormi da disfare e ambigui passaggi inseriti da Lemony riguardo a Beatrice e ai Baudelaire. Per non parlare dei piani sempre più insidiosi di Olaf, del linguaggio di Sunny che piano piano sembra acquistare un senso, dei coprotagonisti che migliorano di volta in volta. Quattro stelle meritatissime.

    said on 

  • 5

    Finale aperto: come andrà avanti?

    Se possibile, Lemony Snicket ha inserito, in questa quinta puntata della serie, personaggi cattivi ancora più odiosi, fastidiosi, miopi di fronte alle peripezie dei fratelli Baudelaire e alle nefandez ...continue

    Se possibile, Lemony Snicket ha inserito, in questa quinta puntata della serie, personaggi cattivi ancora più odiosi, fastidiosi, miopi di fronte alle peripezie dei fratelli Baudelaire e alle nefandezze del conte Olaf.
    C'è un finale aperto con il coinvolgimento di due nuovi personaggi "buoni" (almeno... speriamo lo siano): i fratelli Pantano.
    Finale aperto e io, chiaramente, non ho il sesto libro.
    Ma perché?!

    said on 

Sorting by