The Pale King

By

Publisher: Little Brown and Company

3.9
(467)

Language: English | Number of Pages: 560 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , French

Isbn-10: 0316178322 | Isbn-13: 9780316178327 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , eBook , Others , Softcover and Stapled

Category: Business & Economics , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like The Pale King ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Largamente incompleto e quindi, ovviamente, estremamente imperfetto. Resta una cosa da leggere assolutamente e da amare, come tutto quello che ha scritto il mai troppo rimpianto David Foster Wallace. ...continue

    Largamente incompleto e quindi, ovviamente, estremamente imperfetto. Resta una cosa da leggere assolutamente e da amare, come tutto quello che ha scritto il mai troppo rimpianto David Foster Wallace.

    said on 

  • 4

    Genio assoluto

    DFW ci ha giocato davvero un brutto tiro a lasciarci così, senza di lui e quindi del finale di quest'opera immane a cui stava lavorando. Non aggiungo nulla a tutto quello che si è già detto qua sotto, ...continue

    DFW ci ha giocato davvero un brutto tiro a lasciarci così, senza di lui e quindi del finale di quest'opera immane a cui stava lavorando. Non aggiungo nulla a tutto quello che si è già detto qua sotto, tutte cose giustissime.
    Che dire... a volte si fatica a seguire i suoi pensieri, forse perché lui era troppo "genio" o forse perché l'opera, essendo incompiuta, necessitava di alcune limature.
    Ma lo si adora lo stesso, anzi, forse di più, proprio per questo.

    said on 

  • 4

    Dall'incompletezza di questo libro mi sono sentita tradita. Non lo dovevi fare David, non lo dovevi. Stava venendo fuori un gioiellino. Oppure era proprio nel piano il lasciarlo incompleto? Ad ogni m ...continue

    Dall'incompletezza di questo libro mi sono sentita tradita. Non lo dovevi fare David, non lo dovevi. Stava venendo fuori un gioiellino. Oppure era proprio nel piano il lasciarlo incompleto? Ad ogni modo l'ho letto in un momento in cui ero psicologicamente adatta e dunque, niente, mi ha colpita profondamente. Inutile nagare che ci sono pagine e pagine palesemente non pronte per la pubblicazione che annoiano e anche l'ordine dei paragrafi non sarebbe stato questo ma tant'è. Ci vuole pazienza, è innegabile. O forse tanta ammirazione. Se non ce l'avete, lasciate perdere. Tanto peggio per voi.

    said on 

  • 4

    Una buona approssimazione al sogno di Flaubert: scrivere un libro sul nulla. Le migliaia di pagine nelle quali DFW si dibatteva negli anni precedenti al suo suicidio sono questo: un tornado di parole ...continue

    Una buona approssimazione al sogno di Flaubert: scrivere un libro sul nulla. Le migliaia di pagine nelle quali DFW si dibatteva negli anni precedenti al suo suicidio sono questo: un tornado di parole che si affastellano e vorticano attorno a un centro vuoto, fatto del sentimento meno raccontabile che ci sia, la noia. E' lei la protagonista, lei che pervade decine di personaggi, li opprime con la sua pesante cappa dalla quale sfuggono schegge di storie, di racconti. E come potrebbe essere altrimenti? Quale ambientazione potrebbe avere meno appeal degli uffici delle tasse? C'è una sorta di sadismo, o di sfida a se stesso, nella scelta di collocare un romanzo fiume nell'ambiente dei grigi controllori di imposte, codicilli, numeri astrusi. Un romanzo che - allo stadio in cui si è arenato - non è se non un immenso vorticare di brandelli, sovrastati da una minaccia oscura, una tensione che non si scioglie mai. Chissà cosa sarebbe questo libro se DFW avesse potuto consegnarcelo intero. E chissà se sarebbe mai riuscito a finirlo. A noi non resta che aggirarci tra le preziose spire delle sue parole che si avvolgono attorno a un nucleo di puro, prezioso niente.

    said on 

  • 4

    Sarà ancora a lungo il Re pallido

    Premessa:non lo consiglio come prima opera dell'autore.
    Lo ammetto:ho acquistato questo libro per la presenza di un forte sconto altrimenti-pur essendo estimatrice dell'autore me ne sarai ancora tenut ...continue

    Premessa:non lo consiglio come prima opera dell'autore.
    Lo ammetto:ho acquistato questo libro per la presenza di un forte sconto altrimenti-pur essendo estimatrice dell'autore me ne sarai ancora tenuta alla larga, allergica alle presunte operazioni di ripescaggio post-mortem.
    Eppure.
    Eppure non credevo mi sarebbe piaciuto così tanto,che mi avrebbe fatto compagnia in modo così squisito;certo il romanzo(o meglio l'insieme di queste storie collegate cui si è voluta dare tale forma) come si sa è incompiuto e ce ne rendiamo conto;ma alla fine rimaniamo un pò tristi proprio perchè non è stato possibile , non lo sarà mai, averne una versione davvero completa,assemblata con cura e sapienza(da lodare comunque il lavoro di editing di M.Pietch) e che sarebbe stata spettacolare.
    Ci affezioniamo ai personaggi, alle loro storie personali ,i loro tic, psicosi grazie al modo unico di Wallace di proporceli e ricamarci sopra,e anche le pagine più contorte e all'apparenza inutilmente discorsive meritano la lettura.
    E poi andate a dargli torto sul concetto di inannoiabilità,l'unica vera dote necessaria per sopravvivere in questi tempi moderni!
    Insomma:"Leggete questo"

    said on 

  • 5

    Geniale opera incompleta di Wallace (David Foster Wallace...per evitare equivoci :)) Geniale non perché partorita da uno scrittore per molti considerato tale, ma proprio per l idea in sé. I concetti e ...continue

    Geniale opera incompleta di Wallace (David Foster Wallace...per evitare equivoci :)) Geniale non perché partorita da uno scrittore per molti considerato tale, ma proprio per l idea in sé. I concetti esposti. L idea (purtroppo incompleta) di un libro così sostanzioso in cui ti aspetti, pagina dopo pagina, che alla fine di tutto quel ginepraio di storie che vanno poi ad intrecciarsi, succeda qualcosa quando alla fine...Non succede niente, o meglio, non sarebbe successo niente (questa era l idea di Wallace). Geniale per un libro che vuol parlare di noia, tedio, banalità dell esistenza e molto altro. Spesso capita di leggere libri di scrittori mediocri dove dopo esserti letto 200 pagine ti ritrovi in finale inconcludente, non hanno niente a che fare con l idea di Wallace, che l ha fatto coscientemente e quindi ben studiato. questo libro, una volta finito, seppur incompleto, ti lascia molto, paradosso, lascia anche un senso di vuoto in cui ti chiedi "e adesso? Quale altro libro potrà colmare il vuoto di un volume che così tanto mi ha dato?". Un vortice di storie e pensieri dell autore (che compare come personaggio reale, ma in verità inventato in parte, nel romanzo) inarrestabile. Pieno di spunti e riflessioni. Potrà sembrare un paradosso ma non ho avuto neanche un attimo di cedimento o tedio leggendo questo romanzo sulla noia, sull inutilità, ecc... interessanti ovviamente tutte le digressioni di Wallace messe come note a piè di pagina, ed anche se fatto solo per pure questioni economiche, interessanti i quattro capitoli inediti. Ancora non capisco come un autore che tanto si impegnava a scrivere i suoi libri, che tanto studiava e si informava per farli bene, che con il re pallido puntava ad un nuovo "infinite jest" si sia potuto suicidare. Capisco la depressione, ma ancora non comprendo.

    said on 

  • 4

    Ero un po' scettico all'inizio perchè si tratta di un romanzo che Wallace non ha completato, ma le recensioni lette qui mi hanno convinto a provarci. Ne è valsa assolutamente la pena.
    Il fatto che sia ...continue

    Ero un po' scettico all'inizio perchè si tratta di un romanzo che Wallace non ha completato, ma le recensioni lette qui mi hanno convinto a provarci. Ne è valsa assolutamente la pena.
    Il fatto che sia incompleto non mi permette di dargli le 5 stelle ma questo romanzo ha comunque una forza letteraria rara, data dalla grande abilità di scrittura di un genio. Consigliatissimo a tutti i fan di Wallace, ma anche per chi non lo conosce può essere una lettura sorprendente.

    said on 

Sorting by