The Piano Teacher

By

Publisher: Viking Books

3.4
(126)

Language: English | Number of Pages: 328 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Dutch , Italian , Spanish , Catalan , Finnish , Czech

Isbn-10: 0670020486 | Isbn-13: 9780670020485 | Publish date: 

Also available as: Softcover and Stapled , Audio CD , Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like The Piano Teacher ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Una entretenida novela que está narrada en dos tiempos.
    Lo más interesante es, sin duda, la detallada descripción ambiental y social del Hong Kong colonial.
    El personaje de Trudy Liang está muy bien p ...continue

    Una entretenida novela que está narrada en dos tiempos.
    Lo más interesante es, sin duda, la detallada descripción ambiental y social del Hong Kong colonial.
    El personaje de Trudy Liang está muy bien perfilado, y me parece que se come al resto de los que aparecen en el libro.
    Quizá le falte un poco más de empuje en determinados momentos.

    said on 

  • 4

    perchè addirittura 4 stellette??

    Per la storia di Hong Kong (colonia inglese)pre e durante la II° guerra mondiale ,dal fulgido e coccoloso periodo precedente alla tragedia dell'occupazione giapponese.
    Il contesto storico è interessan ...continue

    Per la storia di Hong Kong (colonia inglese)pre e durante la II° guerra mondiale ,dal fulgido e coccoloso periodo precedente alla tragedia dell'occupazione giapponese.
    Il contesto storico è interessante, per me, che nulla sapevo.
    Utile, ma un po' lente e insulse le storie d'amore.

    said on 

  • 4

    I was attracted to this book by reading the first few pages while waiting for a friend at a bookstore. It's beautifully written and truly reflected lives of local and expats in Hong Kong.

    However, th ...continue

    I was attracted to this book by reading the first few pages while waiting for a friend at a bookstore. It's beautifully written and truly reflected lives of local and expats in Hong Kong.

    However, the first half of the story seemed not very easy to read; I almost lost of my patience on it. For some reason, the story became interesting and intriguing from pp.114.

    said on 

  • 3

    Bien redactada, personajes claramente definidos pero la historia no acaba de arrancar. Me costó entrar en la trama y, a mi parecer, gana interés en las últimas 50 páginas. Con un final muy precipitado ...continue

    Bien redactada, personajes claramente definidos pero la historia no acaba de arrancar. Me costó entrar en la trama y, a mi parecer, gana interés en las últimas 50 páginas. Con un final muy precipitado, resuelve la historia contada en 340 pàginas, en un par.

    said on 

  • 1

    Personaggi costruiti talmente male che non si riesce a provare per loro neanche l'umana pietà che si sente per chi è reduce di guerra.
    Inesistente la trama e senza spina dorsale la descrizione dei luo ...continue

    Personaggi costruiti talmente male che non si riesce a provare per loro neanche l'umana pietà che si sente per chi è reduce di guerra.
    Inesistente la trama e senza spina dorsale la descrizione dei luoghi. Davvero una enorme perdita di tempo...

    said on 

  • 2

    Ricordi di film...

    Ricordi di film belli, legati al piano: Lezioni di piano (J. Campion). La pianista (M. Haneke).

    Ecco, questo libro non ha nulla a che vedere con questi capolavori. A parte il pianoforte. ...continue

    Ricordi di film belli, legati al piano: Lezioni di piano (J. Campion). La pianista (M. Haneke).

    Ecco, questo libro non ha nulla a che vedere con questi capolavori. A parte il pianoforte.

    said on 

  • 3

    L'inizio è un po' faticoso: nomi e e situazioni si ripetono senza soluzioni di continuità. Se l'intento è ricreare la monotona, pigra, noiosa indolenza della comunità straniera nella Hong Kong alla vi ...continue

    L'inizio è un po' faticoso: nomi e e situazioni si ripetono senza soluzioni di continuità. Se l'intento è ricreare la monotona, pigra, noiosa indolenza della comunità straniera nella Hong Kong alla vigilia della II Guerra Mondiale, per quanto mi riguarda direi che l'obbiettivo è realizzato solo in parte, piuttosto confusamente e con discreto abuso di inchiostro. I due fili narrativi, la storia dell'insegnante di pianoforte, post-bellica, e l'intreccio di vita-amore-morte dei ricchi e viziati occidentali in Hong-Kong, pre-bellico, più che unirsi armoniosamente, si incontrano quasi per caso, come due passanti che si scambino una cornata accidentale nel bel mezzo di un centro commerciale. Invece è molto interessante e coinvolgente la parte centrale della narrazione, ambientata nel cuore della II Guerra Mondiale a Hong Kong, nella comunità straniera, prima padrona superba, poi internata e umiliata, esposta a prove ed esperienze che faranno emergere il peggio, e il meglio, dei singoli individui. Senza dettagli truculenti o morbosi, l'atmosfera brutale e opprimente è ben ricostruita.
    Invece, la conclusione è degna compagna della prima parte: vada per la protagonista che taglia tutti i ponti, rinasce a nuova vita, finalmente libera e pronta ad accogliere ciò che il destino avrà in serbo per lei a braccia aperte come una polena, ma ancora il senso di indeterminatezza, incompiutezza e superficialità delle ultime battute, mi hanno fatto pensare - più che ad una felice intuizione per coronare il parto letterario dell'Autrice - ad una digestione problematica, ad un sonno intermittente, ad una fine buttata giù di getto giusto per togliersi il fastidio, inm mancanza di idee valide.

    said on