The Road

By

Publisher: Vintage

4.2
(10129)

Language: English | Number of Pages: 304 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Spanish , Portuguese , Dutch , French , Catalan , Japanese , Chi traditional , Swedish , Slovenian , Chi simplified , Croatian , Galego , Czech , Polish , Hungarian , Korean

Isbn-10: 0307472124 | Isbn-13: 9780307472120 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Paperback , Audio CD , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Do you like The Road ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A searing, postapocalyptic novel destined to become Cormac McCarthy’s masterpiece.

A father and his son walk alone through burned America. Nothing moves in the ravaged landscape save the ash on the wind. It is cold enough to crack stones, and when the snow falls it is gray. The sky is dark. Their destination is the coast, although they don’t know what, if anything, awaits them there. They have nothing; just a pistol to defend themselves against the lawless bands that stalk the road, the clothes they are wearing, a cart of scavenged food—and each other.

The Road is the profoundly moving story of a journey. It boldly imagines a future in which no hope remains, but in which the father and his son, “each the other’s world entire,” are sustained by love. Awesome in the totality of its vision, it is an unflinching meditation on the worst and the best that we are capable of: ultimate destructiveness, desperate tenacity, and the tenderness that keeps two people alive in the face of total devastation.
Sorting by
  • 3

    Scene di ordinaria apocalisse

    Scene di ordinaria apocalisse e lotta per la sopravvivenza. Fisica e morale ( "il fuoco" ). Qualche scena particolarmente potente, ma anche tanta noia, che rende bene il senso di decadimento del mondo ...continue

    Scene di ordinaria apocalisse e lotta per la sopravvivenza. Fisica e morale ( "il fuoco" ). Qualche scena particolarmente potente, ma anche tanta noia, che rende bene il senso di decadimento del mondo. Ma in questo genere ci sono esempi di ben altra caratura. Occasione mancata.

    said on 

  • 4

    Solid dystopian story

    The road is a solid story set in a future dystopia. As science fiction goes this one sort of gets you in the heart a bit, but that is what makes it unique from similar stories.

    said on 

  • 5

    Ascolta. Credi. Crepa. Fuggi. Lo sferragliare del treno. Breaking news on time sugli schermi lì fuori nelle stazioni. "Election day: in vantaggio Trump". La mattina livida del mare di novembre. Giù la ...continue

    Ascolta. Credi. Crepa. Fuggi. Lo sferragliare del treno. Breaking news on time sugli schermi lì fuori nelle stazioni. "Election day: in vantaggio Trump". La mattina livida del mare di novembre. Giù la testa nella storia. "E che storia", dice l'uomo - il protagonista - al figlioletto. Che profumo ha la cenere bagnata? Il solito McCarthy, ma questa volta ha qualcosa di diverso. Il solito McCarthy, meraviglia maledetta. Le pagine scorrono senza un motivo. Le parole e le azioni, che ancora una volta si sublimano in immagini. "Come un orfanello fermo di fronte alla stazione, in attesa di un autobus che non arriverà mai". Ecco dunque come si immagina tutto, McCarthy. Un libro scritto in chiave futura, ma le tinte fosche sono quelle di un tempo che è una condanna. Fuori dal finestrino altri maxischermi. "Trump sarà il 45° presidente degli u.s.a.". Le pagine si avviano verso la fine. Come può finire un libro del genere? Come è potuto iniziare tutto?
    "E' proprio così, figlioletto. Noi portiamo il fuoco".

    said on 

  • 5

    Padre e figlio dopo un cataclisma apocalittico tentano di sopravvivere

    Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è st ...continue

    Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c'è storia e non c'è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio. Ricorda la moglie (che decise di suicidarsi piuttosto che cadere vittima degli orrori successivi all'olocausto nucleare) e la nascita del bambino, avvenuta proprio durante la guerra. Tutti i loro averi sono nel carrello, il cibo è poco e devono periodicamente avventurarsi tra le macerie a cercare qualcosa da mangiare. Visitano la casa d'infanzia del padre ed esplorano un supermarket abbandonato in cui il figlio beve per la prima volta un lattina di cola. Quando incrociano una carovana di predoni l'uomo è costretto a ucciderne uno che aveva attentato alla vita del bambino. Dopo molte tribolazioni arrivano al mare; ma è ormai una distesa d'acqua grigia, senza neppure l'odore salmastro, e la temperatura non è affatto più mite. Raccolgono qualche oggetto da una nave abbandonata e continuano il viaggio verso sud, verso una salvezza possibile...

    said on 

  • 4

    C'è chi ci troverà tutto in questo libro, e chi non ci troverà niente.
    Io ci ho trovato un immenso amore per la vita.
    Struggente.

    said on 

  • 5

    Il rapporto tra il padre e il bambino mi ha coinvolta e commossa profondamente, me li immaginavo davvero rosso fuoco in un inferno grigio di cenere, la vita che passa e resiste a stento là dove tutto ...continue

    Il rapporto tra il padre e il bambino mi ha coinvolta e commossa profondamente, me li immaginavo davvero rosso fuoco in un inferno grigio di cenere, la vita che passa e resiste a stento là dove tutto il resto è morte. Forse per incapacità a rassegnarmi a quel mondo, forse per semplice curiosità, avrei voluto sapere cos'era avvenuto. Eppure no, non ce n'era bisogno.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by