The School of Essential Ingredients

By

Publisher: Wheeler Publishing, Incorporated

3.6
(1069)

Language: English | Number of Pages: 273 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 159722944X | Isbn-13: 9781597229449 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others

Category: Cooking, Food & Wine , Fiction & Literature , Romance

Do you like The School of Essential Ingredients ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Questo libro delizioso fa venir voglia di fare un corso di cucina :)
    Di solito non amo molto neanche leggere dei "racconti", delle storie separate; invece devo ammettere che in questo libro non mi sta ...continue

    Questo libro delizioso fa venir voglia di fare un corso di cucina :)
    Di solito non amo molto neanche leggere dei "racconti", delle storie separate; invece devo ammettere che in questo libro non mi sta dando fastidio questa cosa...
    Le storie dei singoli personaggi sono raccontate in modo scorrevole ma delicato e profondo.
    Sono oltre la metà e per ora la lettura mi piace molto, ha superato le mie aspettative iniziali.

    said on 

  • 3

    Un inno allo "slow food" associato ai momenti clou o di svolta dell'esistenza. Per un italiano amante della cucina nostrana, alcune pecche si potrebbero individuare negli ingredienti/esecuzione di alc ...continue

    Un inno allo "slow food" associato ai momenti clou o di svolta dell'esistenza. Per un italiano amante della cucina nostrana, alcune pecche si potrebbero individuare negli ingredienti/esecuzione di alcune delle ricette (ma per questo bisognerebbe poi chiedere l'opinione dei giudici di un concorso culinario...). Le storie individuali si intrecciano ed evolvono, correndo però anche il rischio di scadere nel "già letto" o lieto fine scontato. Tutto sommato però è un libro scorrevole, di intrattenimento e si legge, senza impegno, in un weekend.

    said on 

  • 5

    Se non conosci la risposta, ogni cosa si trasforma in... una possibilità.

    Ci sono autrici ed autori capaci di affondare la mani nell’anima di chi accarezza con gli occhi le loro parole. Senza alcun dubbio, Erica Bauermeister fa parte di quell’importante gruppo.Percorrendo, ...continue

    Ci sono autrici ed autori capaci di affondare la mani nell’anima di chi accarezza con gli occhi le loro parole. Senza alcun dubbio, Erica Bauermeister fa parte di quell’importante gruppo.Percorrendo, grazie al piacere di cucinare con il cuore, la storia ed il passato degli allievi, si instaura un profondo rapporto con le emozioni stesse di coloro che abbiamo imparato a conoscere pagina dopo pagina. È incredibile quanto la scrittrice riesca a far percepire distintamente le sensazioni e gli odori presenti in quella cucina che racchiude un mondo incantato. Eh, sì: la magia. È palpabile in ogni parola. Credo sia una delle cose più importanti e più dimenticate. Quelle scintille inspiegabili che si accendono dentro noi o che vediamo in piccoli gesti. Lillian ed il suo ristorante ne conoscono l’essenza. Tanto da riuscire a risvegliare ricordi sopiti da troppo tempo.

    Quando leggerete questo volume, rimarrete avvolti in un abbraccio ovattato, ricolmo di un calore quasi perduto. Sentirete le fragranze speziate o dolci entrarvi nelle narici e nel cuore. E coglierete i profumi di una vita degna di essere chiamata tale. Indubbiamente si tratta di un valido spunto per ricominciare ad appezzare ciò che abbiamo perso nelle pieghe di una società sempre più frenetica e pretenziosa. Ritroverete il piacere di dedicarvi e dedicare tempo. Perché la vita è una. Cosa stiamo facendo?

    Piccola nota: questo libro si sposa, per similitudine, a “Il profumo del pane alla lavanda”, di Sarah Addison Allen.

    said on 

  • 3

    In cucina come nella vita bisogna saper scegliere i giusti ingredienti, saperli dosare e soprattutto aggiungere come “ingrediente segreto” quel lato del proprio io che pulsa latente nella nostra anima ...continue

    In cucina come nella vita bisogna saper scegliere i giusti ingredienti, saperli dosare e soprattutto aggiungere come “ingrediente segreto” quel lato del proprio io che pulsa latente nella nostra anima…
    Una lettura delicata

    said on 

  • 4

    Un libro piacevolissimo. Scritto con uno stile delicato e ricco. È un invito a godere pienamente dei piccoli piaceri della vita, senza alcuna fretta, riappropriandosi del proprio tempo, lasciando che ...continue

    Un libro piacevolissimo. Scritto con uno stile delicato e ricco. È un invito a godere pienamente dei piccoli piaceri della vita, senza alcuna fretta, riappropriandosi del proprio tempo, lasciando che un aroma, un profumo lasci riaffiorare ricordi anche remoti. La lettura di questo libro infonde un senso di conforto e di speranza. Sì mi è proprio piaciuto.

    said on 

  • 4

    semplicemente meraviglioso

    scoperto e letto per caso, mi è proprio piaciuto e fatto venire voglia di partecipare a qualche corso di cucina ...magari tenuto da Lillian..

    said on 

  • 1

    Deludente

    Ho deciso di leggere questo libro per alcune recensioni (es. Los Angeles Times) relative al “debutto memorabile” di questa autrice.
    Beh, mi ha deluso parecchio.
    L’idea della cucina come fil rouge dell ...continue

    Ho deciso di leggere questo libro per alcune recensioni (es. Los Angeles Times) relative al “debutto memorabile” di questa autrice.
    Beh, mi ha deluso parecchio.
    L’idea della cucina come fil rouge della trama di un romanzo non è certo nuova e in diversi casi si è dimostrata vincente. Condizione indispensabile per scrivere un libro attorno all’arte di cucinare è però documentarsi sulla medesima, pena la credibilità dell’intero romanzo. Una scuola di cucina squinternata come quella del libro (sgusciare granchi vivi alla prima lezione e fare il sugo di pomodoro - col burro per giunta - alla quarta) non reggerebbe neppure la fine del primo corso. Un altro aspetto fondamentale che un autore o aspirante tale deve tenere in considerazione è la coerenza interna del libro, che dà verosimiglianza alla trama. Qui invece la trama scricchiola più della scuola di cucina.
    L'autrice ha il gusto di dilungarsi sulle sensazioni fisiche e spirituali provocate dal cibo e per farlo usa a profusione metafore e un linguaggio che vuol essere evocativo e suggestivo, ma che alla fine mi è risultato stucchevole e artificioso.
    La storia non è per niente originale e tutto viene banalizzato perché per ogni personaggio c'è un lieto fine troppo facile quanto improponibile.

    said on 

  • 3

    Carino, è scritto bene ed è una lettura piacevole e poco impegnativa. Anche se in generale è un libro banale di cui si capisce come andranno a finire le varie storie ci sono alcuni pezzi davvero belli ...continue

    Carino, è scritto bene ed è una lettura piacevole e poco impegnativa. Anche se in generale è un libro banale di cui si capisce come andranno a finire le varie storie ci sono alcuni pezzi davvero belli.

    said on 

  • 4

    dovrei dare 2 voti diversi . La trema era un pochino banale . Per un'amante del cibo ,come me , le descrizioni erano fantastiche . Comunque ,nell'insieme .un bel libro .....li consiglierei prevalentem ...continue

    dovrei dare 2 voti diversi . La trema era un pochino banale . Per un'amante del cibo ,come me , le descrizioni erano fantastiche . Comunque ,nell'insieme .un bel libro .....li consiglierei prevalentemete agli amanti del bbuon cibo

    said on 

Sorting by