The Three Evangelists

By

Publisher: Vintage

4.0
(474)

Language: English | Number of Pages: 304 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0099469553 | Isbn-13: 9780099469551 | Publish date: 

Translator: Sian Reynolds

Also available as: Softcover and Stapled , Hardcover , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like The Three Evangelists ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The opera singer Sophia Simeonidis wakes up one morning to discover that a tree has appeared overnight in the garden of her Paris house. Intrigued and unnerved, she turns to her neighbours: Vandoosler, an ex-cop, and three impecunious historians, Mathias, Marc and Lucien - the three evangelists. They agree to dig around the tree and see if something has been buried there. They find nothing but soil. A few weeks later, Sophia disappears and her body is found burned to ashes in a car. Who killed the opera singer? Her husband, her ex-lover, her best friend, her niece? They all seem to have a motive. Vandoosler and the three evangelists set out to find the truth.
Sorting by
  • 4

    Un po' più in là sulla destra: quattro stelline.
    Questa volta non solo per i tre disperati che vivono nalla topaia tirando a campare, ma anche e soprattutto per la comparsa di Luois Kehlweiler e dell' ...continue

    Un po' più in là sulla destra: quattro stelline.
    Questa volta non solo per i tre disperati che vivono nalla topaia tirando a campare, ma anche e soprattutto per la comparsa di Luois Kehlweiler e dell'inseparabile rospo Bufo. Forse principalmente per Bufo.
    E, al solito, del giallo chissenefrega:)

    said on 

  • 4

    Chi è morto alzi la mano: quattro stelline. E non tanto per l'intreccio del giallo, di cui più vai avanti a leggere e meno ti importa, ma per San Marco, San Matteo e san Luca, il padrino e le loro dis ...continue

    Chi è morto alzi la mano: quattro stelline. E non tanto per l'intreccio del giallo, di cui più vai avanti a leggere e meno ti importa, ma per San Marco, San Matteo e san Luca, il padrino e le loro disavventure ( oaaventure) nella topaia.

    said on 

  • 5

    Bellissimo!
    E' facile lasciarsi affascinare da San Marco, San Matteo e San Luca e dalle loro insolite peculiarità, come non amarli!

    said on 

  • 4

    Io che non ho mai amato i gialli, quest'estate ho trovato in Fred Vargas una deliziosa opzione per i momenti di lettura leggera. Il giallo infatti è quasi sempre un pretesto per mettere in scena i suo ...continue

    Io che non ho mai amato i gialli, quest'estate ho trovato in Fred Vargas una deliziosa opzione per i momenti di lettura leggera. Il giallo infatti è quasi sempre un pretesto per mettere in scena i suoi (irrealissimi) adorabili personaggi. Consigliatissima questa trilogia, così come quella dedicata al commissario Adamsberg, per "staccare" da letture pesanti senza perdere in qualità.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Purtroppo non riesco più a fare a meno di Vargas. Piacevole nei romanzi del commissario spalatore di nuvole, quanto gradevole nelle vicende degli evangelisti.
    Personaggi ben delineati, ironici, curios ...continue

    Purtroppo non riesco più a fare a meno di Vargas. Piacevole nei romanzi del commissario spalatore di nuvole, quanto gradevole nelle vicende degli evangelisti.
    Personaggi ben delineati, ironici, curiosi e strampalati quanto basta, ma con un acume straordinario: questa volta si tratta dei "tre evangelisti" e dell'ex poliziotto che non riesce a stare lontano dai guai e dalle indagini. Familiare e accattivante l'atmosfera che si respira nella "topaia", il covo dei tre evangelisti più il vecchio Vandoosler, sarà il luogo di una Parigi assolutamente popolare, dove vengono ospitate varie umanità (la nipote di Sophie ed il suo bambino nel primo romanzo, Clement il tocco nell'ultimo). L'impressione mai pesante che ho leggendo i suoi romanzi polar è che stia sempre per accadere qualcosa di nuovo e inaspettato e che l'assassino sia sempre uno dei personaggi già noti, ma non si capisce quale. Lo consiglio a chi desidera leggere qualcosa di non scontato, di scorrevole, di poliziesco, con un'abbondante dose di ironia che non guasta.

    said on 

  • 3

    La mia sconfinata intelligenza mi suggerisce che, nell'approccio ad uno scrittore [scrittrice] che non conosco, sia opportuno non iniziare, chessò, da un racconto breve, ma direttamente da una trilogi ...continue

    La mia sconfinata intelligenza mi suggerisce che, nell'approccio ad uno scrittore [scrittrice] che non conosco, sia opportuno non iniziare, chessò, da un racconto breve, ma direttamente da una trilogia di romanzi. No, giusto così nel caso il [la] Vargas mi facesse cacare, mi tocchi sorbire non uno, ma tre libri in uno. Uno e trino. I tre evangelisti (occhei che mi applicavo poco, ma dai tanti anni di catechismo, mi porto dietro che gli evangelisti erano quattro - insomma all'appello mi manca Giovanni) mi son rimasti così cosà. Tratti molto bene (l'albero che appare o la costruzione sopra Gerard de Nerval), tratti abbastanza male (il pozzo senza fondo, la falangetta defecata, il gioco degli astragali). Troppo macchiette i personaggi. Troppo stravaganti i cognomi. Troppo immotivatamente stralunate certe situazioni.
    Comunque meglio di tanto altro che c'è in giro.
    Prossima volta provo con la eptalogia di Adamsberg…

    said on 

Sorting by