Tieste

Di

Editore: Rizzoli (BUR. L ; 1388)

4.2
(59)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 209 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817127663 | Isbn-13: 9788817127660 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Francesca Nenci

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Cucina, Cibo & Vini , Educazione & Insegnamento , Narrativa & Letteratura

Ti piace Tieste?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Testo latino a fronte
Una delle più fosche tragedie dell'antichità si consuma nella casa maledetta delli Atridi: due fratelli, Tieste e Atreo - tiranno di Micene - si odiano per la sete di potere. Tieste torna in città lusingato dalle promesse di pace del fratello che invece, istigato dall'ombra di Tantalo, liberato dall'Ade dalle Furie, gli servirà subdolamente come pasto riconciliatore le carni dei figli. Una tragedia che ha suscitato al tempo stesso orrore e torbida attrazione in tutte le epoche; una spaventosa metafora dell'abiezione in cui può cadere chi vive solo per il potere.
Ordina per
  • 4

    Una grande tragedia che mette in scena l'odio tra fratelli ma che è, in realtà, soprattutto un atto di accusa contro il potere:
    ATREO
    La so bene, io, la natura ribelle di quell'uomo. Non può essere pi ...continua

    Una grande tragedia che mette in scena l'odio tra fratelli ma che è, in realtà, soprattutto un atto di accusa contro il potere:
    ATREO
    La so bene, io, la natura ribelle di quell'uomo. Non può essere piegato. Spezzato sì, può esserlo. Perciò, prima che si riprenda e prepari le armi, debbo dargli addosso all'improvviso se non voglio che mi prenda alla sprovvista. Mi ucciderà oppure morirà. Il delitto è qui in mezzo, tra noi due, per chi ci arriva per primo.
    CORTIGIANO
    Non ti allarma il giudizio ostile del tuo popolo?
    ATREO
    Gran vantaggio del trono è che il popolo è costretto a sopportare, anzi lodare gli atti del suo re.

    In alcuni punti Seneca raggiunge livelli di grande poesia:
    TIESTE
    Mio fratello ama Tieste? È più facile che l'oceano spruzzi le stelle dell'Orsa, che si fermino le rapaci correnti del mar di Sicilia, che maturino messi sullo Ionio, che notte profonda dia luce alla terra. È più facile che l'acqua col fuoco, il vento col mare, la morte con la vita si giurino pace e fedeltà.

    La tragedia si ferma agli orrori della cena tiestea, quando ancora molto sangue dovrà scorrere…

    ha scritto il 

  • 4

    Sangue, fratelli in lotta e astri che lasciano il cielo

    Il Tieste è, seconde me, la terza più bella tragedia di Seneca (dopo Medea e Fedra). La scena in cui Atreo uccide i figli di Tieste -Seneca descrive minuziosamente il modo in cui muoiono e l'anatomia ...continua

    Il Tieste è, seconde me, la terza più bella tragedia di Seneca (dopo Medea e Fedra). La scena in cui Atreo uccide i figli di Tieste -Seneca descrive minuziosamente il modo in cui muoiono e l'anatomia dei corpi sacrificati dall'invasato Atreo - è un capolavoro, una delle scene migliori di tutte le tragedie dell'antichità.

    ha scritto il 

  • 4

    Illi mors gravis incubat
    qui, notus nimis omnibus,
    ignotus moritur sibi.

    La morte grave peso giace sopra
    chi, troppo noto a tutti,
    muore a se stesso ignoto. ...continua

    Illi mors gravis incubat
    qui, notus nimis omnibus,
    ignotus moritur sibi.

    La morte grave peso giace sopra
    chi, troppo noto a tutti,
    muore a se stesso ignoto.

    ha scritto il 

Ordina per