Tommyknockers

By

Publisher: Plaza & Janés

3.5
(2172)

Language: Español | Number of Pages: 810 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , French , Swedish , German , Portuguese , Dutch , Polish , Czech , Russian

Isbn-10: 8401499984 | Isbn-13: 9788401499982 | Publish date: 

Translator: Edith Zilli

Also available as: Hardcover , eBook

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like Tommyknockers ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tommyknockers es una novela excepcional y estremecedora que deja una huella indeleble en el lector. Inesperadamente, en Haven, una pequeña ciudad de Nueva Inglaterra empiezan a producirse accidentes y asesinatos. Varios habitantes sufren terribles mutilaciones y son capaces de comunicarse por telepatía. El misterio y la angustia aumentan a medida que se desarrolla el relato hasta alcanzar su sorprendente desenlace.
Sorting by
  • 1

    Pessimo

    Mamma mia che fatica che ho fatto a finirlo...
    Il tema non era di per sè particolarmente intrigante, ma poteva essere sviluppato meglio. Si passa da momenti in cui la fantasia sembra del tutto assente ...continue

    Mamma mia che fatica che ho fatto a finirlo...
    Il tema non era di per sè particolarmente intrigante, ma poteva essere sviluppato meglio. Si passa da momenti in cui la fantasia sembra del tutto assente ad altri in cui ne viene concentrata troppa. Certe immagini ridondanti e ripetitive andavano a discapito di una narrazione che era sì fluida, ma per nulla coinvolgente.
    Si salva solo un centinaio di pagine, nella parte centrale del romanzo, dedicate agli sviluppi della mutazione degli abitanti di Haven.
    Per il resto tanta noia e un leggero senso di nausea.

    said on 

  • 3

    Citazione preferita:

    "Inoltre scriveva buone storie western in cui c'era da affondare i denti con piacere, buone storie solide senza tutti quei mostri inventati e tutte quelle parolacce dei libri che scriveva per esempio ...continue

    "Inoltre scriveva buone storie western in cui c'era da affondare i denti con piacere, buone storie solide senza tutti quei mostri inventati e tutte quelle parolacce dei libri che scriveva per esempio quel tizio di Bangor. Ottimi western, diceva la gente."

    said on 

  • 5

    Roberta Anderson, di professione scrittrice, esce un giorno a cercare legna nel bosco dietro casa e inciampa in un oggetto di metallo che sporge dal terreno. Un oggetto strano, assolutamente inamovibi ...continue

    Roberta Anderson, di professione scrittrice, esce un giorno a cercare legna nel bosco dietro casa e inciampa in un oggetto di metallo che sporge dal terreno. Un oggetto strano, assolutamente inamovibile. E' così che scopre la cosa sepolta da milioni di anni, che tuttavia vibra ancora debolmente, palpita di una sconosciuta forma di vita. La donna inizia a scavare. Dapprima titubante, poi con accanimento crescente. E mentre lo scavo procede, gli abitanti di Haven cominciano lentamente a cambiare, a fondersi in un'unica entità spaventevole asservita a misteriosi esseri alieni che, notte dopo notte s'impossessano della loro mente.

    said on 

  • 4

    Stranamente non è molto conosciuto rispetto agli altri romanzi di quest'autore. Io l'ho trovato molto bello, l'ho infatti riletto diverse volte. Lo considero uno dei più inquietanti mai scritti da Kin ...continue

    Stranamente non è molto conosciuto rispetto agli altri romanzi di quest'autore. Io l'ho trovato molto bello, l'ho infatti riletto diverse volte. Lo considero uno dei più inquietanti mai scritti da King, perché ci sono delle scene che in effetti scuotono un po'. Non è certo paragonabile ad It, ma se si cerca qualcosa di "strano" che incuta una piccola dose di paura nell'animo, questo è il libro giusto. Valido anche dal punto di vista dell'indagine umana e di una pesantezza in linea con le migliori opere di King. Tematiche e tecniche sono sostanzialmente in linea con le scelte perseguite dall'autore nel periodo della creazione.
    Voto:

    said on 

  • 2

    Tra i kinghiani più accaniti e documentati di me, “Tommyknocker” è considerato il romanzo simbolo del periodo oscuro dello zio Steve, quello dell’alcolismo e della tossicodipendenza, da cui uscirà sol ...continue

    Tra i kinghiani più accaniti e documentati di me, “Tommyknocker” è considerato il romanzo simbolo del periodo oscuro dello zio Steve, quello dell’alcolismo e della tossicodipendenza, da cui uscirà solo alla fine degli ’80.

    Passa anche per essere uno dei punti bassi della sua produzione, e su questo non posso che essere d’accordo, vista la fatica che ho fatto a finirlo. Credo che il problema principale sia che in questo romanzo emerge in maniera esasperata il difetto principale di King: la grafomania (o logorrea, fate voi). “Tommyknocker” è un discreto romanzo di 250-300 pagine diluito al punto tale da arrivare a dimensioni quasi confrontabili con “It”, che però ha molte più idee, più spunti, più mordente (e in più fa anche paura).

    La dico brutale: di 800 pagine fitte fitte sui dischi volanti si può anche fare a meno. Pure se le ha scritte Stephen King.

    said on 

  • 3

    Un eroe antipatico

    Roberta Anderson è una scrittrice di western e vive nel villaggio di Haven, nel Maine. Un giorno, nel bosco, inciampa in un oggetto misterioso: è un’astronave, sepolta da secoli in un terreno di sua p ...continue

    Roberta Anderson è una scrittrice di western e vive nel villaggio di Haven, nel Maine. Un giorno, nel bosco, inciampa in un oggetto misterioso: è un’astronave, sepolta da secoli in un terreno di sua proprietà. Aiutata da Jim Gardener, un amico ex amante alcolista, la disseppellisce. Mentre lo scavo procede, lei stessa e gli abitanti della cittadina cominciano a mutare, le loro menti si fondono in un’unica entità aliena guidata dai Tommyknocker, che regalano idee geniali e incubi terribili, privando della volontà individuale. Il romanzo è una lunga requisitoria contro l’uso dell’energia atomica, che, secondo King, illudendo l’umanità con qualche piccolo, insignificante vantaggio personale, la trascina al disastro. C’è anche una confusa parabola sull’indottrinamento di massa: come nel successivo “L’acchiappasogni”, gli alieni vogliono dominare gli umani con la trasmissione telepatica del pensiero. Una mente superiore e malvagia mette le persone l’una contro l’altra in una spirale di violenza suicida e omicida fino alla totale distruzione. E’ un affresco della vita in una comunità del Maine rurale, anche se meno preciso e definito che in altri racconti. A tratti prolisso e ripetitivo, è un romanzo a tesi, contro il nucleare e le bieche trame del governo, ma, come dice lo stesso King, difficilmente letteratura e propaganda sono compatibili. Gard è il classico eroe americano, che solo persegue la giustizia, anche a costo della vita, e si arroga il diritto di decidere quale sia il bene comune, giudicando morale uccidere in nome della libertà. Purtroppo gli eroi di King mi sono antipatici nella loro predestinazione, e Jim è sgradevole, a cominciare dal suo sproloquio antinucleare, fortunatamente tra i fumi dell’alcol. Alla luce del successivo outing, ci sono chiare note autobiografiche sulla dipendenza dal bere. La lettura è però sempre piacevole e scorrevole, anche su un argomento difficile, che sembrerebbe relegato alla soffitta dei libri di fantascienza anni ’60.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    "Ieri notte a tarda ora, i Tommyknockers, i Tommyknockers hanno bussato e oggi ancora, Vorrei uscire, ma non so se posso, Per la paura che m'hanno messo addosso!"

    Stephen King ci porta nella cittadina di Haven, una cittadina normalissima, con la sua gente normalissima, si conoscono tutti ...e tutti sanno di tutti. E' un classico!
    Nel bosco vive Roberta Anderson ...continue

    Stephen King ci porta nella cittadina di Haven, una cittadina normalissima, con la sua gente normalissima, si conoscono tutti ...e tutti sanno di tutti. E' un classico!
    Nel bosco vive Roberta Anderson, una scrittrice di romanzi western, con il suo cane.
    Durante una passeggiata in un bosco di sua proprietà, la scrittrice, inciampa in uno spuntone del terreno, e decide di iniziare a scavare, per poi scoprire di aver trovato un'astronave aliena sepolta da tempo. Mentre viene disseppellita, la navetta inizia a rilasciare nell'ambiente un gas invisibile ed inodore che trasforma le persone in esseri simili agli alieni che guidarono il mezzo stellare. Fornisce a loro poteri di telecinesi, e un temporaneo genio che li rende inventori, provocando violenza psicotica e la sparizione di David Brown
    Il protagonista del libro, Jim Gardener, poeta, amico e amante di Bobbi, apparentemente immune a causa di una placca d'acciaio in testa che blocca l'influenza della navicella, trascorre gran parte del tempo a ubriacarsi.
    Le persone che avevano metalli addosso rimanevano immuni, ma Gardner lavorava a contatto con la navicella, inutile dire che si stava sgretolando. Forti emorragie al naso, alle orecchie e una musica che proveniva dalla sua placca lo stordiva totalmente. Ma Gardener amava Bobbi, era la sua unica speranza, l'aveva amata e sapeva in cuor suo di amarla ancora.
    Questo libro mi ha colpito davvero! Non riuscivo a smettere di leggerlo, nonostante la sua mole di 800 pagine, Non mi facevano paura, anzi avrei voluto non finissero mai, perché la storia è davvero coinvolgente. Nonostante io non ami il genere fantascientifico, questa volta mi ha preso completamente. Ovviamente si deve alla bravura di mescolare la fantascienza con l'horror. Il romanzo è un viaggio mentale pazzesco, sappiamo che King ha scritto questo romanzo in un momento particolare della sua vita. Alcol, droghe erano i componenti che hanno dato vita alle pagine dei Tommyknocker.
    Un'altra cosa che mi è piaciuta da morire è il riferimento con It, ma non solo...
    Durante un dialogo tra Ev Hillman e un barista, viene menzionata la storia di John Smith, protagonista de La zona Morta. Inoltre il personaggio fittizio David Bright, giornalista del Daily News di Bangor nel libro sopracitato, ha un ruolo anche in quest'altro romanzo di Stephen King.
    Viene anche citata la famosa scena del film Shining di Stanley Kubrick (tratto appunto da un romanzo di King) in cui Jack sfonda a colpi di ascia la porta del bagno, tentando di raggiungere Wendy per ucciderla.
    Uno dei personaggi secondari viaggia fino a Derry per acquistare delle batterie di cui hanno bisogno ad Haven, ma allontandosi dal paese e dall'influsso della nave aliena inizia a sentirsi male. Pensando di avere un'allucinazione, scorge dentro un tombino un clown che tiene in mano un palloncino, ma non vi dà peso. È una evidente autocitazione del romanzo dello stesso IT. Vi è un'altra citazione ad IT, quando Ev Hillman afferma di sentire "sghignazzi nelle tubature" durante la sua residenza a Derry.

    Penso che ci sia molto di autobiografico nel personaggio Gardener. King stava passando un brutto periodo e quella dedica fatta alla moglie vuol dire tanto... promette... che cosa promette?
    Io penso di smettere di essere dipendente dall'alcol e dalle droghe.
    Come al solito King affronta argomenti importanti nei suoi romanzi, qui troviamo Gardener che è un'attivista . Quando beve troppo non può fare a meno di parlare di centrali nucleari, delle loro radiazioni, mettendo in ridicolo chi invece ne è appagato. Quel passo può risultare un po' pesante nel libro, ma ha un gran significato, ti illumina di tante cose, di cosa può avvenire se scoppiasse una centrale nucleare... ne abbiamo l'esempio di Cernobyl.

    A parte ciò vi consiglio di leggerlo e spero di vedere presto il film.

    said on 

  • 5

    Favoloso

    Uno dei miei preferiti suoi,
    e mi dispiace tanto averlo preso dalla biblioteca
    e non averlo a casa.
    Presto rimedierò.
    Sicuramente lo vorrò rileggere.
    Inquietante, e spaventosamente capace di
    farti vis ...continue

    Uno dei miei preferiti suoi,
    e mi dispiace tanto averlo preso dalla biblioteca
    e non averlo a casa.
    Presto rimedierò.
    Sicuramente lo vorrò rileggere.
    Inquietante, e spaventosamente capace di
    farti visualizzare tutto ciò che viene descritto.

    said on 

Sorting by