Tours et détours de la vilaine fille

By

Editeur: Gallimard

4.1
(2171)

Language: Français | Number of pages: 417 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) Spanish , Italian , Swedish , English , German , Portuguese , Slovenian , Dutch

Isbn-10: 2070351408 | Isbn-13: 9782070351404 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Aimez-vous Tours et détours de la vilaine fille ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 5

    Il mio primo Vargas Llosa: un esordio fortunatissimo.
    Romanzo che ha ben poco di verosimile, vi si percepisce chiaramente il tipico realismo magico di tanta narrativa sudamericana, ma capace allo stes ...continuer

    Il mio primo Vargas Llosa: un esordio fortunatissimo.
    Romanzo che ha ben poco di verosimile, vi si percepisce chiaramente il tipico realismo magico di tanta narrativa sudamericana, ma capace allo stesso tempo di cogliere le pieghe (e piaghe) sentimentali attraverso cui è passato ciascuno di noi. Come non ammirare l'amore incondizionato e disperatissimo del buon Ricardo? Come non riconoscersi in quel tragicomico intreccio di passione ed odio per la Nina Mala? Forse lettura poco adatta ad un pubblico femminile... non so precisamente perché, ma ho l'impressione che sarebbe difficile capire che cosa muova Ricardo - o che cosa lo trattenga da spingere la propria esistenza altrove - per una vita intera. Prosa leggera, scorrevole ma di eleganza sopraffina. Forse una sovrabbondanza eccessiva di citazioni nelle prime pagine del romanzo, poi si entra nel ritmo e non si riesce più a smettere di leggere. La Ragazza Cattiva mi manca già... Leggerò senza dubbio altro di questo autore.

    dit le 

  • 4

    Una cosa devo proprio dirla, le donne di Vargas-Llosa sono irresistibilmente sexy, lo era la zia Julia e lo è ancora di più la ragazza cattiva. Poi mi sembra sempre che alle sue storie manchi qualcosa ...continuer

    Una cosa devo proprio dirla, le donne di Vargas-Llosa sono irresistibilmente sexy, lo era la zia Julia e lo è ancora di più la ragazza cattiva. Poi mi sembra sempre che alle sue storie manchi qualcosa per essere veramente "perfette", ma dovrebbero dargli il Nobel anche solo per le sue donne … ah! gliel'hanno già dato!

    dit le 

  • 4

    Ottima lettura

    Il mio primo Vargas Llosa mi è piaciuto: pochissime cose mi hanno irritato, moltissime mi hanno appassionato: impossibile non essere sedotti dalla "nina mala".

    dit le 

  • 5

    Ke sorpresa. Non avevo idea di chi fosse LLosa, ho preso il libro per la mia consuetudine di acquistare ogni volta che faccio rifornimento di letture, un testo di un autore che non conosco . Ebbene... ...continuer

    Ke sorpresa. Non avevo idea di chi fosse LLosa, ho preso il libro per la mia consuetudine di acquistare ogni volta che faccio rifornimento di letture, un testo di un autore che non conosco . Ebbene... questa volta ho fatto bingo... E' una storia d'amore... una favolosa storia d'amore... non sarebbe esattamente il mio genere eppure la trama ti prende, i personaggi ti affascinano e non vedi l'ora di capire cosa succederà ancora... da sfondo l'evoluzioni socio politiche sud americane ed europee... ma non dico altro .... DA LEGGERE!!

    dit le 

  • 3

    Prosa semplice e scorrevole. Mi aspettavo un viaggio nell'anima dei protagonisti, non un parziale realismo delle due figure all'estremo opposto fra opportunismo, arrivismo ed egoismo da un lato e umil ...continuer

    Prosa semplice e scorrevole. Mi aspettavo un viaggio nell'anima dei protagonisti, non un parziale realismo delle due figure all'estremo opposto fra opportunismo, arrivismo ed egoismo da un lato e umiliazione, debolezza e romanticismo (cieco) dall'altra. Sebbene un amore malato - è anche sbagliato usare il termine "amore", qui non abbiamo comunione delle anime, ma bisogni dei singoli - possa esistere, trovo esagerato la scelta dei due comportamenti estremi. Ogni uomo o donna è un insieme di colori, siamo sfumature di grigio non bianchi o neri.
    Insensati anche gli incontri casuali sparsi per il mondo.

    In quest'ultimo caso posso credere al ricorso, molto sudamericano, al realismo magico, in cui le energie e il fato ti conducono nelle circostanze più improbabili.
    L'assenza di profondità dei personaggi, che sono caratterizzati da qualità estreme che porterebbe a credere di avere davanti un santo e una indemoniata, mi fa pensare alla trasposizione dello scrittore nel personaggio "buono". Così potrebbe avere un senso il romanzo, via d'espressione di M.V.L. che, nella mia ipotesi, preso per il naso da una donna per un lungo periodo, in questo modo si cuce l'abito del martire ingabbiato in un amore cieco da una Circe senza scrupoli, fino alla pseudo redenzione finale della maga mitologica in veste peruviana.
    A prescindere da questa opzione, mi viene spontaneo un "Mah", l'ha scritto un premio Nobel no?

    dit le 

  • 4

    "In verità c'era in lei qualcosa che era impossibile non ammirare, per quei motivi che ci portano ad apprezzare le opere ben fatte, anche se perverse."
    Uno stile fresco e garbato, leggero, non banale ...continuer

    "In verità c'era in lei qualcosa che era impossibile non ammirare, per quei motivi che ci portano ad apprezzare le opere ben fatte, anche se perverse."
    Uno stile fresco e garbato, leggero, non banale né raffinato.
    Si legge che è un piacere e ti rimane nella memoria.

    dit le 

  • 5

    Siamo tutti un po' buoni e un po' cattivi..

    Non riesco a razionalizzare questo pianto che mi ha preso tutto insieme
    a dieci,quindici pagine dalla fine.
    Da qualche parte ricordo di aver letto che questo romanzo ha una sola controindicazione: rim ...continuer

    Non riesco a razionalizzare questo pianto che mi ha preso tutto insieme
    a dieci,quindici pagine dalla fine.
    Da qualche parte ricordo di aver letto che questo romanzo ha una sola controindicazione: rimestare il passato e far riaffiorare ricordi,situazioni,pensieri che sembravano finiti nel dimenticatoio.
    E' così. O almeno per me lo è stato.

    Me ne sono innamorata perdutamente.

    dit le 

  • 5

    Il dono di una persona sconosciuta..

    Ho saputo di Vargas quest'estate, una persona a me cara mi ha raccontato di lui, del loro incontro a Palermo.. Mi ero ripromessa di leggere di lui, ma probabilmente non lo avrei fatto così presto se a ...continuer

    Ho saputo di Vargas quest'estate, una persona a me cara mi ha raccontato di lui, del loro incontro a Palermo.. Mi ero ripromessa di leggere di lui, ma probabilmente non lo avrei fatto così presto se a fine dicembre questo libro non mi avesse cercata e trovata. Durante una serata organizzata dalla libreria Modus Vivendi ogni libro veniva presentato ad alta voce e chi lo sentiva più suo si avvicinava.. Il libraio ha detto di lui: "questo libro è per una ragazza monella" e la mia Amica mi ha guardata dicendomi che secondo lei potevo avvicinarmi e poi ancora il libraio: "...e per una persona complicata " a quel punto un'altra persona che mi conosce come le sue tasche ha detto: "vai è il Tuo"..e così è stato.
    Una storia stupenda, piena di attesa..ma quanto tempo sprecato, quanti ricordi rubati..magari l'Amore è così o più probabilmente l'Amore così non esiste..
    Sapevo già che ci sono legami che non scompaiono mai e Vargas mi ha detto che la pensa come me, mi ha detto che il tempo e gli spazi non esistono, che non esiste il male e il bene e che, anche quando le azioni dimostrano una verità tangibile..la realtà è sempre un'altra..
    La dedica che ho trovato sul libro dice così: "inquietudine e passione senza le quali non c'è anima"
    Grazie mio Amico lettore, grazie di avermi donato queste emozioni..

    dit le 

  • 5

    Il maestro Mario riuscirebbe a rendere piacevole e coinvolgente pure il catalogo del Postalmarket che fu. Anche esagerato, forse inverosimile (ma l'amore non si controlla). Sul podio dei miei autori p ...continuer

    Il maestro Mario riuscirebbe a rendere piacevole e coinvolgente pure il catalogo del Postalmarket che fu. Anche esagerato, forse inverosimile (ma l'amore non si controlla). Sul podio dei miei autori preferiti.

    dit le 

  • 5

    Il mio primo incontro con Vargas Llosa: fatale come quello tra il Pichiruci e la niña mala. Un libro che vi toglierà il sonno per il desiderio di sapere come va a finire!! Imperdibile

    dit le 

Sorting by