Trattato sulla tolleranza

Di

Editore: Feltrinelli

4.0
(747)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 164 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807821281 | Isbn-13: 9788807821288 | Data di pubblicazione:  | Edizione 5

Traduttore: Lorenzo Bianchi ; Prefazione: Salvatore Veca

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Filosofia , Politica , Scienze Sociali

Ti piace Trattato sulla tolleranza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Il trattato sulla tolleranza" (1763), che prese spunto dalla vicenda di un commerciante ugonotto di Tolosa condannato a morte ingiustamente per l'omicidio del figlio, è un vero e proprio "manifesto" per la libertà e il valore universale della tolleranza religiosa. E' un'opera che apre il cosiddetto periodo dei Lumi e costituisce una delle basi ideologiche della Rivoluzione Francese.
Ordina per
  • 3

    Tutt'altro che scontato (a noi sembra scontato, ma non a tutti e non sempre!). C'erano voluti quasi tre secoli di guerre di religione per arrivare ad almeno una parvenza di tolleranza, e anche questa ...continua

    Tutt'altro che scontato (a noi sembra scontato, ma non a tutti e non sempre!). C'erano voluti quasi tre secoli di guerre di religione per arrivare ad almeno una parvenza di tolleranza, e anche questa arrivò per sfinimento dei “lottatori”, ma non ovunque. E probabilmente la tolleranza religiosa poteva esistere allora solo con l’“eclissi del sacro”. Ma l’intolleranza non è solo di matrice religiosa, può essere invece di natura ideologica – XX secolo docet, ma prima ancora i furori giacobini all’indomani di Voltaire-, ovvero con l’ideologia che ha sostituito il sacro. Come una religione “forte”, monoteistica, fondamentalista, così un’ideologia totalitaria è fanaticamente intollerante e violenta.
    Rimane solo lo spazio sacro, in interiore homine, ove avviene il dialogo della persona con la divinità, che se riconosciuto sacro per tutti può essere fondamento e garanzia di tolleranza, rispetto reciproco, dialogo tra le persone…

    ha scritto il 

  • 4

    La tolleranza rende possibile la convivenza civile

    Voltaire è un pensatore e uno scrittore brillante, capace di esporre il suo pensiero in modo limpido e ironico, e di dare il meglio di sé quando si batte per una causa che ritiene giusta o contro quel ...continua

    Voltaire è un pensatore e uno scrittore brillante, capace di esporre il suo pensiero in modo limpido e ironico, e di dare il meglio di sé quando si batte per una causa che ritiene giusta o contro quello che gli appare un torto. È il caso del Trattato sulla tolleranza, scritto nel 1763 sull’onda di un fatto di cronaca, per opporsi a un processo farsesco e a una condanna ingiusta, dettati dal fanatismo religioso e dall’intolleranza. Da illuminista quale è, non c’è nulla che Voltaire detesti più del fanatismo, che spegne la ragione e porta a commettere gli atti più sconsiderati. Il fatto d cronaca si fa allora occasione per allargare il discorso e perorare la causa della tolleranza e della ragione contro ogni fanatismo. Voltaire si rifà a Locke e a Bayle e sostiene che non tutto ciò che possiamo considerare errore vada trasformato in un crimine. La tolleranza è ciò che rende possibile la convivenza fra le persone più diverse, fra cristiani e musulmani, fra cattolici e protestanti e fra tutte le varie innumerevoli sette religiose, anche se ciascuno crede che gli altri sbaglino. La tolleranza è la possibilità di appartenere tutti alla stessa comunità politica e civile, e nello stesso tempo su ogni altro piano, religioso in primis, avere appartenenze diverse, e fare ciascuno liberamente a modo proprio, lasciandosi in pace vicendevolmente.

    ha scritto il 

  • 4

    Voltaire offre tanti spunti di riflessione con il suo trattato sulla tolleranza, discostando nettamente la moralità dalla religione, sostenendo che esser tolleranti è invece conveniente per l'essere u ...continua

    Voltaire offre tanti spunti di riflessione con il suo trattato sulla tolleranza, discostando nettamente la moralità dalla religione, sostenendo che esser tolleranti è invece conveniente per l'essere umano, il quale deve capire con la propria ragione quanto sia nettamente più fruttuoso e lodevole comportarsi secondo etica, certo del suo agire privo di influenze ed obblighi esterni.

    Voto: 8-/10

    ha scritto il 

  • 4

    Illuminante

    Si parte da un fatto di cronaca e si analizza la tolleranza nella maniera più completa possibile seguendo la sua storia e i suoi tratti fondamentali facendone apprezzare il valore.
    In alcuni tratti fo ...continua

    Si parte da un fatto di cronaca e si analizza la tolleranza nella maniera più completa possibile seguendo la sua storia e i suoi tratti fondamentali facendone apprezzare il valore.
    In alcuni tratti forse un po' troppo severo con il cristianesimo.

    ha scritto il 

Ordina per