Tropico del Capricorno

Di

Editore: Feltrinelli (Universale Economica, 888)

3.8
(1138)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 346 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: 8807808889 | Isbn-13: 9788807808883 | Data di pubblicazione:  | Edizione 9

Traduttore: Luciano Bianciardi ; Prefazione: Guido Piovene

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Tropico del Capricorno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Finito. La fine della lettura precedente è datata 08/12/2015... 193 giorni fa. 299 le pagine effettive del romanzo. Meno di due pagine al giorno di media, questo vi dà la cifra di quanto mi abbia coin ...continua

    Finito. La fine della lettura precedente è datata 08/12/2015... 193 giorni fa. 299 le pagine effettive del romanzo. Meno di due pagine al giorno di media, questo vi dà la cifra di quanto mi abbia coinvolta o tenuto vivo l'interesse. L'ho finito solo perchè sono una testone dell'ariete e perchè Tropico del Cancro mi era piaciuto. Ho un altro romanzo di Miller da leggere, temo non lo cagherò per un bel pezzo.
    Sorry Henry, la nostra liaison, per il momento, termina qui.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro mi ha sempre attratto e respinto. È tra i miei scaffali da tempo imprecisato, preso a prestito dalla raccolta di mia madre. Il libro mi è risultato una lettura difficile, ci vuole veramen ...continua

    Questo libro mi ha sempre attratto e respinto. È tra i miei scaffali da tempo imprecisato, preso a prestito dalla raccolta di mia madre. Il libro mi è risultato una lettura difficile, ci vuole veramente "uno sforzo di andare oltre" perché regna la confusione. Quella di "Tropico del Capricorno" è stata una lettura incomprensibile, di rivelazione, a tappe noioso, fantasioso, dal linguaggio fin troppo franco ma al tempo stesso insito di infantilismo. Di verità, libertà ma anche trasgressione e ribellione. Il sesso è un'altra tematica che prende buona parte del romanzo, visto come parte integrante nell'esistenza umana e perciò descritto anch'esso nella sua più cruda realtà. "Tropico del Capricorno" è un romanzo da leggere a piccole dosi, o da non leggere se si è portati per letture edificanti; la letteratura di Miller segna quel conflitto tra idealismo e materialismo, isolamento e solitudine, e dell'ancor lontano sogno americano.

    ha scritto il 

  • 1

    Delirante

    Iniziato 3 anni fa e poi abbandonato per noia. Tutto il libro per descrivere questo "mondo del fotti". Mi sono imposta di terminarlo per capire dove volesse andare a parare. Non mi è piaciuto

    ha scritto il 

  • 5

    Per questo libro bisognerebbe scrivere due recensioni per due tipologie di lettori. I primi, quelli che hanno letto il precedente " Tropico del Cancro " e i secondi quelli che non hanno mai approcciat ...continua

    Per questo libro bisognerebbe scrivere due recensioni per due tipologie di lettori. I primi, quelli che hanno letto il precedente " Tropico del Cancro " e i secondi quelli che non hanno mai approcciato Miller. Mentre i primi possono essere traviati dalla lettura dell'altro Tropico i secondi possono trovarsi un pò spaventati dall'inserimento di questo romanzo nella cosiddetta letteratura erotica. Entrambe le tipologie si ritroveranno con il proverbiale palmo di naso. Perché questo romanzo di Miller non è uguale per filo a per segno all'altro e sopratutto ha ben poco di erotico
    Detto questo, ci ritroveremo nell'arco di queste 300 pagine scarse a fare i conti ancora una volta con la vita di Miller. L'autore ci racconta il suo soggiorno nella terra natia. Quel suolo americano tanto odiato ma così agognato nei momenti di distanza oceanica. Lo vedremo nel ruolo di responsabile del personale all'interno di un ufficio di galoppini, al rapporto sofferto con la moglie, sino ad arrivare agli episodi d'infanzia e al sodalizio con la letteratura sia come scrittore che come lettore. In questo romanzo lo scrittore si dimostra più maturo e profondo che nel precedente Tropico, diventando più ostico ma anche più interessante. Mentre nella cornice parigina il buon vecchio Henry strombazzava a destra e a manca e gozzovigliava raccontandoci aneddoti mostruosi sui diversi assurdi personaggi che infestavano la capitale francese, in questo si percepisce l'uomo dietro all'attore che ci faceva così divertire in quei deliri grotteschi. La profondità e la maturità stilistica mi ha colpito talmente tanto che lo considero superiore al teatrale Cancro. Naturalmente, bisogna anche adottare un altro approccio di lettura. La sbronza francese è terminata e a Miller tocca fare i conti con il mal di testa del sistema americano, del capitalismo, delle impellenze famigliari e con gli scheletri del proprio armadio.
    Stilisticamente siamo sempre nella stream of consciousness di Miller, solo che la ritmica mi è sembrata molto più personale e meno Céliniana. Quegli orpelli tipicamente europei vengono meno lasciandoci una scrittura diversa, senz'altro più vicina al luogo di ambientazione del romanzo.
    Ma alla fine è anche più palloso confronto all'altro Tropico? Indubbiamente. Il capricorno è più criptico, più dedalico nel suo andare avanti e indietro nel tempo. Il filo cronologico si fa indubbiamente più complesso e a volte si può anche sbadigliare in certe parti del racconto. Ma a mio avviso, tirando le conclusioni posso dire d'essermi immerso in maniera completa nella sua lettura. Cercando di percepire il lato più profondo di determinate riflessioni sui rapporti e sulla vita. Oltre ad ammirare la ferocia critica verso il sistema americano, aspetto un pò edulcorato dalle vicende ambientate in Europa. A chi non ha mai letto Miller lo consiglio spassionatamente senza farsi spaventare da una etichetta affissa con superficialità. Visto che di erotismo c'è nè veramente poco e di scandoloso men che meno. A patto che non vi indignate per qualche parolaccia. Mentre a chi ha letto la prima opera consiglio di cambiare l'approccio. Di non attendersi un romanzo copia perché sarebbe un errore oltre a un tremendo abbaglio per apprezzare questo scrittore così sottovalutato.

    ha scritto il 

  • 3

    Il conflitto psicologico con la realtà esterna porta alla fuga psicogena, al delirio di onnipotenza e all’alienazione. Il delirio di onnipotenza in particolare viene espresso nella forma del superuomo ...continua

    Il conflitto psicologico con la realtà esterna porta alla fuga psicogena, al delirio di onnipotenza e all’alienazione. Il delirio di onnipotenza in particolare viene espresso nella forma del superuomo che con le sue super capacità rifiuta la banalità della vita di un uomo normale. È la manifestazione di un evidente espressione di megalomania, che però non sfocia nella volontà di raggiungere il massimo dalla propria esistenza, ma nella difficile sopravvivenza.

    ha scritto il 

  • 4

    Henry Nietzsche ha scritto questo libro

    L'ho trovato molto più "filosofico" rispetto al Cancro. Pagine bellissime per uno scrittore straordinario, condite di massime e visioni del mondo che fanno di un uomo degli anni '30 uno Ubermensh del ...continua

    L'ho trovato molto più "filosofico" rispetto al Cancro. Pagine bellissime per uno scrittore straordinario, condite di massime e visioni del mondo che fanno di un uomo degli anni '30 uno Ubermensh del futuro

    ha scritto il 

  • 5

    "In tutte le cose io vedevo subito l'opposto, la contraddizione,
    e fra il reale e l'irreale l'ironia, il paradosso.
    Ero io il mio peggior nemico.
    Nulla c'era che volessi fare e potessi anche non fare. ...continua

    "In tutte le cose io vedevo subito l'opposto, la contraddizione,
    e fra il reale e l'irreale l'ironia, il paradosso.
    Ero io il mio peggior nemico.
    Nulla c'era che volessi fare e potessi anche non fare.
    Anche bambino, quando nulla mi mancava, io volevo morire;
    volevo arrendermi perché non vedevo senso nella lotta. Sentivo
    che nulla si sarebbe provato, sostanziato, aggiunto o sottratto
    continuando un'esistenza che io non avevo chiesto.
    Tutti attorno a me eran dei falliti, e se non falliti ridicoli. Specialmente chi avesse avuto successo. Questi poi mi annoiavano fino alle lacrime. Ero comprensivo per chi sbagliava, ma non era la
    compassione a muovermi. Era una virtù meramente negativa,
    una debolezza che fioriva alla sola vista della miseria umana.
    Non ho mai aiutato nessuno aspettandomi che ciò gli facesse
    del bene; Io aiutavo perché non ero capace di fare altrimenti.
    Voler cambiare la condizione delle cose a me pareva futile;
    nulla sarebbe cambiato - ne ero convinto - se non per un mutamento del cuore, e chi può cambiare il cuore degli uomini?
    Di tanto in tanto un amico si convertiva; roba da vomitare.
    Non avevo bisogno di Dio, più di quanto Egli avesse bisogno di me, e se un Dio ci fosse, dicevo spesso fra me,andrei a trovarlo calmo calmo e Gli sputerei in faccia.
    Più seccante il fatto che a prima vista la gente mi prendeva per buono, gentile, generoso, leale, fedele. Forse io possedevo queste virtù, ma soltanto perché ero indifferente: potevo permettermi d'essere buono,gentile, generoso, leale e così via, perché ero libero da invidia. L'invidia era l'unica cosa di cui io non fossi vittima. Non ho mai invidiato nulla e nessuno.
    Al contrario, ho solo sentito pietà per tutti e per tutto."

    Bom. Ho trovato il mio nuovo autore preferito.

    ha scritto il 

Ordina per