Tutto per una ragazza

Di

Editore: Mondolibri

3.4
(4170)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 274 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Portoghese , Chi tradizionale , Spagnolo , Catalano , Francese , Tedesco , Sloveno , Greco

Isbn-10: A000138440 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , CD audio , Tascabile economico , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Adolescenti

Ti piace Tutto per una ragazza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    non ho mai avuto una grande simpatia per nick, pur vendo provato a leggerlo più volte.
    ma questo romanzo è stato diverso, mi è piaciuto molto.
    una storia semplice, pulita, raccontata da un bravo ragaz ...continua

    non ho mai avuto una grande simpatia per nick, pur vendo provato a leggerlo più volte.
    ma questo romanzo è stato diverso, mi è piaciuto molto.
    una storia semplice, pulita, raccontata da un bravo ragazzo che però, causa soprattutto l'età, è stato superficiale.
    ma è anche una storia di speranza, di coraggio, pazienza e rispetto.
    la farò leggere a oscar

    ha scritto il 

  • 2

    Valutazione dell’estratto di amazon

    L’inizio non mi entusiasma. Lo trovo contorto e scritto con un linguaggio che mi piace poco, quindi lo elimino dalla wishlist (ps: di tanto in tanto ci riprovo, a leggere romanzi di uomini. Purtroppo ...continua

    L’inizio non mi entusiasma. Lo trovo contorto e scritto con un linguaggio che mi piace poco, quindi lo elimino dalla wishlist (ps: di tanto in tanto ci riprovo, a leggere romanzi di uomini. Purtroppo nella quasi totalità dei casi tutto si risolve in un flop. Non è che sono sessista, ma statisticamente è così).

    ha scritto il 

  • 3

    E a me Hornby piace!
    Mi piace quel suo modo leggero, ma non superficiale di approcciarsi a temi anche importanti che porta il lettore di fronte a verità magari profonde strappandogli, però, un sorriso ...continua

    E a me Hornby piace!
    Mi piace quel suo modo leggero, ma non superficiale di approcciarsi a temi anche importanti che porta il lettore di fronte a verità magari profonde strappandogli, però, un sorriso sulle labbra.
    E soprattutto mi piace il modo in cui riesce a non essere mai banale e i suoi punti di vista sempre originali, ma puntuali.

    ha scritto il 

  • 2

    Sconsigliato

    L'idea di far partecipare un personaggio famoso alla vita del protagonista attraverso le parole di un suo libro era simpatica secondo me (anche io in momenti importanti della mia vita o della mia gior ...continua

    L'idea di far partecipare un personaggio famoso alla vita del protagonista attraverso le parole di un suo libro era simpatica secondo me (anche io in momenti importanti della mia vita o della mia giornata lascio che qualche frase letta in qualche libro venga a soccorrermi).
    Anche l'idea di saltare nel futuro, di sapere solo alcune cose in anticipo, per poi scoprire che in fondo la paura di non farcela é peggiore della fatica di affrontare la vita giorno per giorno era carina. Peró nel complesso il libro non funziona, anche perché l'autore cerca di mantenere vivace il tono infilando ogni due parole battute e precisazioni che alla fine diventano un pó forzate e annoiano.
    Peccato perché Nick per me resta l'autore di libri bellissimi come Alta Fedeltá e Non buttiamoci giú, ma appunto per conoscere il Nick Hornby migliore, questo é meglio evitarlo.

    ha scritto il 

  • 0

    Da un autore tanto celebrato certo non mi aspettavo un libro scritto in modo banale, con un personaggio principale quasi senza una propria volontà, e soprattutto una storia di trecento pagine che si p ...continua

    Da un autore tanto celebrato certo non mi aspettavo un libro scritto in modo banale, con un personaggio principale quasi senza una propria volontà, e soprattutto una storia di trecento pagine che si poteva semplicemente riassumere in quattro... anzi, si poteva riassumere in un episodio di "16 anni e incinta" su MTV.

    Se avessi voluto leggere un libro di uno scrittore alle prime armi, avrei comprato quello, e invece mi sono infognata con un romanzo scritto da un venditore di best-sellers che tenta di imitare lo stile di un quindicenne. Genialata? Proprio no.

    Mi soffermo solo un attimo su una piccola parte della trama. I genitori di lei vogliono che abortisca, lei dice che uccidere un feto è uccidere un essere umano, lui chiaramente non vuole il bambino. Ma non hanno mai sentito parlare di adozione?

    ... Bah.

    ha scritto il 

  • 3

    se siete ...

    ... inglesi, under-20, skater o magari cinquantenni e credete di incarnare i tre precedenti, allora vi troverete a vostro agio nel libro.
    Altrimenti sorriderete, certamente, ma osserverete lo svolgers ...continua

    ... inglesi, under-20, skater o magari cinquantenni e credete di incarnare i tre precedenti, allora vi troverete a vostro agio nel libro.
    Altrimenti sorriderete, certamente, ma osserverete lo svolgersi degli eventi come uno che va al museo etnografico e scopre i comportamenti di una tribu alquanto curiosa. Quella che popola l'isola al di la della Manica (giusto per usare la stessa moneta che usano gli inglesi quando si riferiscono al continente).
    Il motivo di questa precisazione e' presto detto (e verso la fine del libro lo si menziona esplicitamente): la GB ha il dubbio primato tra tutti i paesi occidentali sviluppati di avere il piu' alto tasso di gravidanze nei teenager, sotto i 16 anni. Il che denota o una ignoranza delle cose della vita, o una stupidita' di fondo o un sistema sociale incapace di istruire adeguatamente la propria prole. Non si parla, sia chiaro, delle fasce marginali della societa' ma di figli della middle class senza problemi pregressi. Eppure ...
    Quindi se lo leggete immaginatevi una sorta di pamphlet su quello che succede a "barare" nelle precauzioni.
    Il libro e' simpatico ma una volta letto lo si dimentica. Consigliato ad un teen italiano? Direi che c'e' di meglio

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per