Ubik

By

Publisher: Gollancz (SF Masterworks, 26)

4.3
(4375)

Language: English | Number of Pages: 224 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Spanish , German , Italian , Dutch , Japanese , Swedish , Polish , Czech , Portuguese , Chi simplified

Isbn-10: 1857988531 | Isbn-13: 9781857988536 | Publish date: 

Also available as: Others , Hardcover , Audio CD , eBook

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Ubik ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Glen Runciter is dead. Or is he? Someone died in the explosion orchestrated by his business rivals, but even as his funeral is scheduled, his mourning employees are receiving bewildering messages from their boss. And the world around them is warping and regressing in ways which suggest that their own time is running out. If it hasn't already.
Sorting by
  • 4

    Gran bel romanzo!

    Dopo Ma gli androidi sognano pecore elettriche? Ubik è il secondo romanzo di Dick che ho letto. E come nel primo, resto sempre colpito e straniato da ciò che ci viene narrato. Se nel romanzo che poi d ...continue

    Dopo Ma gli androidi sognano pecore elettriche? Ubik è il secondo romanzo di Dick che ho letto. E come nel primo, resto sempre colpito e straniato da ciò che ci viene narrato. Se nel romanzo che poi diverrà Blade Runner al cinema Dick metteva al centro la tematica dei replicanti (sono simili a noi?), stavolta al centro della storia vi è un tema molto più macabro: la vita oltre la morte, anzi, per essere più esatti, una sorta di vita/non vita o, meglio ancora, un purgatorio. Eh già, il caro Dick ci presenta, col suo impareggiabile stile, (utilizzando le parole di Carlo Pagetti) "una sorta di Compagnia dell'anello di tolkeniana memoria ma ambientata in una sorta di purgatorio anni '30. E non posso aggiungere altro. Devo dire che nei primi sei capitoli non riuscirete a raccapezzarvi nella storia, i personaggi ad un certo punto diventano troppi, ma pian piano la trama si svelerà e, con degli acuti e spiazzanti colpi di scena (bellissimo l'ultimo alla fine del libro che ci ricorda Borges), Dick riuscirà a stupirvi e ad incollarvi alle pagine. Cosa che è riuscito a fare con me, ed è per questo che si merita le 4 stelline. Grazie, Dirk!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Ubik è un prodotto che permette ai non-del-tutto morti di evitare che il loro mondi si sgretoli in una retromarcia temporale. Il problema è che anche Ubik si sgretola e torna indietro...

    said on 

  • 4

    Ottima idea ma scrittura per me difficile

    Ottima l'idea che tiene in piedi il libro ma una scrittura, quella di Dick, che io non digerisco; comunque lo consiglio perché in ogni suo libro c'era qualcosa che rimane, è un mattone come gli episod ...continue

    Ottima l'idea che tiene in piedi il libro ma una scrittura, quella di Dick, che io non digerisco; comunque lo consiglio perché in ogni suo libro c'era qualcosa che rimane, è un mattone come gli episodi di Black Mirror: futuristici, distopici.

    said on 

  • 4

    Ubik, mio signore.

    Alla fine ho molto apprezzato "Ubik, mio signore", benché lontano dal mio genere.
    In questo romanzo ,considerato il capolavoro di P. Dick, ho ritrovato tutto ciò che nelle recensioni viene generalment ...continue

    Alla fine ho molto apprezzato "Ubik, mio signore", benché lontano dal mio genere.
    In questo romanzo ,considerato il capolavoro di P. Dick, ho ritrovato tutto ciò che nelle recensioni viene generalmente riportato: follia, genialità e allucinazione.
    Nella mia versione c'è anche la sceneggiatura, sempre curata dall'autore, per la realizzazione di una trasposizione cinematografica che però, purtroppo,, a tutt'oggi non è stata ancora affrontata.
    « Io sono Ubik. Prima che l'universo fosse, io ero. Ho creato i soli. Ho creato i mondi. Ho creato le forme di vita e i luoghi che esse abitano; io le muovo nel luogo che più mi aggrada. Vanno dove dico io, fanno ciò che io comando. Io sono il verbo e il mio nome non è mai pronunciato, il nome che nessuno conosce. Mi chiamo Ubik, ma non è il mio nome. Io sono e sarò in eterno ».

    said on 

  • 4

    Metafisico

    « Io sono Ubik. Prima che l'universo fosse, io ero. Ho creato i soli. Ho creato i mondi. Ho creato le forme di vita e i luoghi che esse abitano; io le muovo nel luogo che più mi aggrada. Vanno dove di ...continue

    « Io sono Ubik. Prima che l'universo fosse, io ero. Ho creato i soli. Ho creato i mondi. Ho creato le forme di vita e i luoghi che esse abitano; io le muovo nel luogo che più mi aggrada. Vanno dove dico io, fanno ciò che io comando. Io sono il verbo e il mio nome non è mai pronunciato, il nome che nessuno conosce. Mi chiamo Ubik, ma non è il mio nome. Io sono e sarò in eterno ».
    Visionario, surreale, dominato dall'inizio alla fine dalla percezione dell'abisso e dalla freudiana pulsione di morte. La dissoluzione appare dietro l'angolo, l'illusione sulla realtà è costante, la soluzione è sempre possibile ma non è mai certa. Vivi e morti si confondono, il regno dei semivivi è un luogo immaginato e reale, dove il tempo si contrae e le cose non sono come sembrano. Inerziali, psi, tele e precog sono le figure umane che si confrontano mettendo in campo poteri e contropoteri allo scopo di carpire o mantenere segreti. Industriali, certamente, ma di fatto esistenziali.
    Lo stazzonato protagonista, Joe Chip, eternamente spiantato, si muove come un fantasma fra realtà multiple e devastazioni inevitabili. Controfigura di un Dick anfetaminico che scrive forse il suo romanzo più mistico e iperreale. Non il Dick più facile.

    said on 

  • 5

    Quando leggi certe cose non puoi che rimanere affascinato dalla fantasia di certe persone capaci di scrivere storie che ti lasciano a bocca aperta dall'inizio alla fine.

    said on 

  • 3

    L'alternativa è il nulla

    L'equivalente di Borges nella science fiction è stato Dick
    Nel senso che i due scrittori sono stati uniti da una medesima concezione della realtà come sistema di scatole cinesi all'infinito, illusori ...continue

    L'equivalente di Borges nella science fiction è stato Dick
    Nel senso che i due scrittori sono stati uniti da una medesima concezione della realtà come sistema di scatole cinesi all'infinito, illusorietà, indeterminazione, sogno in cui noi siamo i sognati da qualcuno. Ubik viene da ubique, in ogni luogo. Ed è il ritrovato - medico? alchemico? - di cui si tratta, è evocato e alla fine risolve il plot narrativo.
    Ricapitolando: non esiste la vita contro la morte, ma in futuro (che è il nostro passato: 1992) sara possibile conservare i defunti in semi-vita; non sappiamo se siamo vivi o morti, o meglio se stiamo dentro una realtà fittizia e onirica inventata da un genietto puerile e vampiresco. E mi fermo qui per non spoilerare e perché frastornato dai ribaltamenti che l'inesauribile fantasia di Dick creava.

    said on 

  • 5

    Un'opera d'arte

    Un capolavoro. È difficile trovare altre parole per descrivere Ubik.
    Man mano che si procede nella lettura si scopre un mondo incredibile, pieno di incongruenze, di falsità e di verità.
    Ed è solo arri ...continue

    Un capolavoro. È difficile trovare altre parole per descrivere Ubik.
    Man mano che si procede nella lettura si scopre un mondo incredibile, pieno di incongruenze, di falsità e di verità.
    Ed è solo arrivando fino in fondo che si comprende appieno che Ubik non è un libro, ma un'opera d'arte.

    said on 

  • 5

    "Io sono Ubik. Prima che l'universo fosse, io ero."

    Un futuro dove ogni cosa è strutturata come un distributore alimentato a monetine, dove esseri dotati di poteri telepatici sono i protagonisti di una lotta pressoché infinita. Dove la morte è stata sv ...continue

    Un futuro dove ogni cosa è strutturata come un distributore alimentato a monetine, dove esseri dotati di poteri telepatici sono i protagonisti di una lotta pressoché infinita. Dove la morte è stata svuotata del suo significato più noto e dove lo spazio e il tempo si alternano e si mescolano continuamente. Ubik di Philip K.Dick è un romanzo fantascientifico indiscutibilmente visionario, in grado di esercitare un forte magnetismo nei confronti del lettore. Se è vero che in certi passaggi può apparire confuso per via del contesto stratificato e surreale, è altrettanto vero che una scelta simile verrà ripagata quando il lettore si avvicinerà allo spiazzante ed enigmatico finale. "Io sono vivo, voi siete morti".

    said on 

Sorting by