Un eroe borghese

Il caso dell'avvocato Ambrosoli assassinato dalla mafia politica

Di

Editore: Einaudi

4.3
(442)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 237 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806137824 | Isbn-13: 9788806137823 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Disponibile anche come: Altri

Genere: Criminalità , Storia , Politica

Ti piace Un eroe borghese?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
E' la storia di Giorgio Ambrosoli, avvocato di Milano, incaricato dal governodi liquidare la banca di Sindona e assassinato nel 1979 da un killer giuntodagli USA su ordine del finanziere. Stajano ripercorre la vita e la morte diun milanese moderato che avrebbe potuto vivere tranquillamente e si battéinvece con furia e tenacia in nome dei principi di onestà e di giustizia. E'un libro costruito su documenti, sentenze, atti delle commissioni parlamentarid'inchiesta, diario di lavoro di Ambrosoli, testimonianze dirette. Ma sono ifatti, che si svolgono a Milano, nella Roma dei politici, nella Svizzera dellebanche, a New York, a dare al libro un andamento romanzesco. Sullo sfondol'ombra sinistra di Sindona e degli uomini politici che l'hanno aiutato.
Ordina per
  • 5

    L'onestà a costo della vita

    Storia dell'avvocato Giorgio Ambrosoli, professionista di quella borghesia illuminata che in Italia è più rara della buona educazione.
    Di inclinazione monarchica, aspetto che avrebbe dovuto metterlo a ...continua

    Storia dell'avvocato Giorgio Ambrosoli, professionista di quella borghesia illuminata che in Italia è più rara della buona educazione.
    Di inclinazione monarchica, aspetto che avrebbe dovuto metterlo al riparo dalla qualifica di 'comunista', ovvero di uomo che osa mettersi di traverso alle nostrane trame politico-mafiose.
    Ambrosoli si ritrova nella seconda metà degli anni '70 a ricoprire il ruolo di commissario liquidatore della Banca Privata Italiana, istituto controllato dal banchiere bancarottiere Michele Sindona, protetto da mafia, Vaticano e dal senatore Andreotti.
    In Italia questi crack bancari vengono risolti socializzando le perdite, ma Ambrosoli che in questa vicenda appare come un marziano in piazza del Duomo, pretende di mettere spalle al muro Sindona e tutto il suo entourage di fiancheggiatori a vario titolo.
    Immaginate chi verrà sconfitto in questa storia dove impera la morale in cui 'l'onestà è la virtù degli uomini da poco', per riprendere una frase tratta dalla trasposizione cinematografica diretta da Michele Placido.
    Questa vicenda ci restituisce tutta l'ipocrisia e la falsità dell'italietta democristiana, fatta di uomini nascosti dietro la frequentazione della Chiesa e dei salotti della borghesia anarcoide che non disdegna gli affari sporchi all'ombra della criminalità organizzata.
    Stajano descrive davvero bene la tensione che attanaglia la famiglia dell'avvocato, ma soprattutto la fermezza di quest'ultimo, incapace di agire diversamente da quell'integerrimo senso del dovere che lo guida in ogni passaggio delicato della sua indagine contabile.
    Altrettanto efficace è la descrizione del volto, dapprima suadente, del potere politico-mafioso, che però a poco a poco, dinanzi all'impermeabilità di Ambrosoli, si trasforma rivelandosi per quello che è: feroce, spietato e inesorabile fino alle estreme conseguenze.
    Stajano riporta le intercettazioni telefoniche con le quali un picciotto si tiene in contatto con Ambrosoli durante il suo mandato, per spiegare per filo e per segno come debba comportarsi e quali decisioni prendere.
    E' curioso come Ambrosoli accetti di rispondere a quest'ultimo e decida invece di ignorare le chiamate insistenti di Franco Evangelisti, il braccio destro andreottiano di quei tempi.
    Stajano ci mostra quali pressioni inaudite ha dovuto sopportare il protagonista e di conseguenza quale integrità ha guidato il suo operato.
    Commovente è anche l'amicizia tra uomini per bene che nasce, dopo le incomprensioni iniziali, con il sottufficiale della Finanza Silvio Novembre e il tentativo di questi di evitare l'irreparabile.
    Ma ci viene ricordato anche l'isolamento che le istituzioni repubblicane hanno riservato all'avvocato milanese, anche attraverso gli strascichi giudiziari che hanno colpito coloro che hanno avuto l'ardire di sostenerlo, come i dirigenti di Bankitalia Baffi e Sarcinelli.
    Questo libro è un'opera meritoria che ci ricorda una figura più unica che rara, un esponente di quella onestà cristallina e ingenua se vogliamo, che nel nostro paese non ha mai attecchito perché oscurata e vilipesa da una classe dirigente che, pur cambiando i propri colori, non ha mai smesso veramente di governare questo paese costantemente offeso e depredato.

    ha scritto il 

  • 4

    Preciso, toccante

    Un libro di storia, sotto forma di biografia. La storia dell'Italia degli anni 80, dei faccendieri, della commistioni perverse finanza, mafia, politica, chiesa. Nello sfondo la lotta armata che qualcu ...continua

    Un libro di storia, sotto forma di biografia. La storia dell'Italia degli anni 80, dei faccendieri, della commistioni perverse finanza, mafia, politica, chiesa. Nello sfondo la lotta armata che qualcuno aveva erroneamente scelto per ribellarsi.. La storia di uno dei tanti onesti che hanno pagato con la vita il loro essere tale.

    Un libro da leggere, come altri, per non scordare e tentare di restare vigili sul nostro futuro.

    ha scritto il 

  • 3

    Diritto commerciale ancora non l'avevo studiato, e fra liquidatori e gruppi societari alcuni pezzi mi erano rimasti un po' difficili. Mi era rimasto solo il profondo senso di ingiustizia. Chissà a ril ...continua

    Diritto commerciale ancora non l'avevo studiato, e fra liquidatori e gruppi societari alcuni pezzi mi erano rimasti un po' difficili. Mi era rimasto solo il profondo senso di ingiustizia. Chissà a rileggerlo adesso.

    ha scritto il 

  • 5

    E' uno di quei libri che riesce a tenermi incollata per ore alla lettura, tantp vibra di verità e indignazione umana. Una storia dei nostri giorni, dove gli onesti pagano con la vita la loro coerenza ...continua

    E' uno di quei libri che riesce a tenermi incollata per ore alla lettura, tantp vibra di verità e indignazione umana. Una storia dei nostri giorni, dove gli onesti pagano con la vita la loro coerenza e serietà.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro impegnativo, che ripercorre l'indagine di Ambrosoli sulla Banca privata italiana e il "sistema Sindona", mostrando gli intrecci politici e la solitudine di chi non si lascia corrompere e vuole r ...continua

    Libro impegnativo, che ripercorre l'indagine di Ambrosoli sulla Banca privata italiana e il "sistema Sindona", mostrando gli intrecci politici e la solitudine di chi non si lascia corrompere e vuole raggiungere la verità.

    ha scritto il 

  • 4

    26-2014

    Il libro inchiesta di Corrado Stajano sul caso Sindona e sull'assassinio di Ambrosoli è del 1991, e racconta fatti del periodo 1975-1979. Sono passati quasi 40 anni da allora, eppure fanno impressione ...continua

    Il libro inchiesta di Corrado Stajano sul caso Sindona e sull'assassinio di Ambrosoli è del 1991, e racconta fatti del periodo 1975-1979. Sono passati quasi 40 anni da allora, eppure fanno impressione le analogie con gli scandali più recenti di questa nostra povera Italia, dove passano intere generazioni e nulla cambia. Un bel modo di fare giornalismo per una storia che fa arrabbiare. Non ho visto il film, ma spero che anch'esso abbia reso giustizia alla memoria di Ambrosoli, colpevole semplicemente di fare il proprio lavoro senza piegarsi. Utile leggerlo anche in questi anni.

    ha scritto il 

  • 5

    Indagine su uno dei molti aspetti oscuri della storia italiana del dopoguerra, che lega fra loro ambienti mafiosi, personaggi da romanzo, politici di alto livello, massoneria (p2), ambienti finanzieri ...continua

    Indagine su uno dei molti aspetti oscuri della storia italiana del dopoguerra, che lega fra loro ambienti mafiosi, personaggi da romanzo, politici di alto livello, massoneria (p2), ambienti finanzieri nazionali e internazionali, vaticano.
    Sindona, Calvi, Cuccia, Andreotti e chi più ne ha più ne metta.

    Nessuna teoria del complotto, solo dati documentabili, riportati fedelmente in una cornice romanzesca che rende il racconto interessante e scorrevole.

    Dello stesso autore consiglio anche "Il sovversivo".

    ha scritto il 

  • 4

    «Anna carissima,
    […] È indubbio che, in ogni caso, pagherò a molto caro prezzo l’incarico: lo sapevo prima di accettarlo e quindi non mi lamento affatto perché per me è stata un’occasione unica di far ...continua

    «Anna carissima,
    […] È indubbio che, in ogni caso, pagherò a molto caro prezzo l’incarico: lo sapevo prima di accettarlo e quindi non mi lamento affatto perché per me è stata un’occasione unica di fare qualcosa per il paese».

    No, Giorgio Ambrosoli non se l'andava cercando.
    http://video.corriere.it/andreotti-quando-disse-ambrosoli-se-andava-cercando/27a79834-b656-11e2-9456-8f00d48981dc

    ha scritto il