Una fortuna pericolosa

Di

Editore: A. Mondadori (Omnibus)

3.8
(2717)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 511 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8804374675 | Isbn-13: 9788804374671 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Roberta Rambelli

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Una fortuna pericolosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Londra sul finire dell'800: l'epoca in cui si creano le prime grandi fortunefinanziarie. Sullo sfondo di questa società, Follett costruisce un thrillerche è anche una saga familiare, storia di amore, intrigo e dissolutezza checoinvolge i membri di una ricchissima famiglia di banchieri. Dal momento incui l'anziana Augusta Pilaster inizia a complottare per acquisire al figlio ilcontrollo della banca, si scatena una guerra che rischia di condurre tuttialla rovina, in un clima dove l'amore si intreccia con il delitto e lavendetta.
Ordina per
  • 5

    Il Ken Follett che più mi piace

    Da grande appassionato delle letture "alla Follett", in particolare quelle che hanno come sfondo un particolare periodo storico e dove i protagonisti fanno parte della stessa famiglia, questo romanzo ...continua

    Da grande appassionato delle letture "alla Follett", in particolare quelle che hanno come sfondo un particolare periodo storico e dove i protagonisti fanno parte della stessa famiglia, questo romanzo è riuscito a travolgermi con i suoi numerosi colpi di scena e la sua trama ricca di avvenimenti mai scontati.
    Lettura molto scorrevole e mai noiosa, dove alla fine del capitolo sei quasi obbligato a leggere quello successivo per la curiosità.
    Davvero uno dei migliori di Ken!

    ha scritto il 

  • 4

    Molto bello questo romanzo di Follett. Storia coinvolgente e bei personaggi.
    Però in certi momenti è veramente troppo prolisso e i personaggi per quanto ben caratterizzati non si evolvono. I buoni res ...continua

    Molto bello questo romanzo di Follett. Storia coinvolgente e bei personaggi.
    Però in certi momenti è veramente troppo prolisso e i personaggi per quanto ben caratterizzati non si evolvono. I buoni restano buoni (e fessi) e i cattivi sempre perfidi (e al 90% delle volte vincono).

    ha scritto il 

  • 3

    AAA colpo di scena cercasi

    Ken Follett è sempre Ken Follett, ha una scrittura accattivante e lineare, ma..più che un romanzo questo libro è una descrizione, di personaggi, tempi ed abitudini di vita. Niente sconvolgimenti, nien ...continua

    Ken Follett è sempre Ken Follett, ha una scrittura accattivante e lineare, ma..più che un romanzo questo libro è una descrizione, di personaggi, tempi ed abitudini di vita. Niente sconvolgimenti, niente colpi di scena, niente che lasci senza fiato. Sei e mezzo.

    ha scritto il 

  • 2

    Rilassante e senza pretese. Scritto malissimo o, forse, mal tradotto. Peccato perchè la trama è sempre carina. I personaggi, purtroppo, sono sempre tagliati con l'accetta: i buoni, i cattivi, i perfid ...continua

    Rilassante e senza pretese. Scritto malissimo o, forse, mal tradotto. Peccato perchè la trama è sempre carina. I personaggi, purtroppo, sono sempre tagliati con l'accetta: i buoni, i cattivi, i perfidi.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Tra i migliori

    Premettendo di essere stata una grande divoratrice dei suoi più grandi romanzi da "I Pilastri della terra" alla sua ultima trilogia, questo spicca inverosimilmente sugli altri. Certo è pur sempre il s ...continua

    Premettendo di essere stata una grande divoratrice dei suoi più grandi romanzi da "I Pilastri della terra" alla sua ultima trilogia, questo spicca inverosimilmente sugli altri. Certo è pur sempre il solito Follet: ognuno raccoglie sempre ciò che semina, i buoni trionfano mentre i disonesti e coloro che sono talmente deboli da farsi manipolare da quest'ultimi finiscono male (solitamente per morire tra atroci sofferenze e nel peggiore dei modi possibile). Non mi aspettavo nulla di diverso da questo racconto. Eppure, anche per chi conosce l'autore ed è abituato alle sue grandi saghe familiari che si snodano tra amori impossibili, tragedie, ingiustizie, ricatti e giochi perversi, vale la pena buttarsi a capofitto tra queste pagine e lasciarsi travolgere ancora una volta dai suoi colpi di scena.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per