Una mente per uccidere

Di

Editore: Mondadori / Donna Moderna

3.4
(211)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 237 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Olandese , Tedesco

Isbn-10: A000170344 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Una mente per uccidere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In una clinica psichiatrica i potenziali omicidi sono molti. Così, quando Enid Bolam viene uccisa nel seminterrato della Clinica Steen, il sovrintendente Adam Dalgliesh si trova di fronte a troppi possibili colpevoli. Anche perché perfino tra i medici e il personale della clinica scopre che più d'uno si sarebbe liberato volentieri dell'intrigante signorina Bolam. Un caso apparentemente senza soluzione, dunque. Ma Dalgliesh sa come tendere le sue trappole. E ha un gatto come alleato. In un intreccio emozionante e preciso come una partita a scacchi, Adam Dalgliesh è la pedina vincente di P.D. James.
Ordina per
  • 0

    Incipit

    A Londra esistono alcune cliniche psichiatriche indipendenti con servizio ambulatoriale ed è inevitabile che, occupandosi della stessa specialità medica ed essendo organizzate nell’ambito di un Serviz ...continua

    A Londra esistono alcune cliniche psichiatriche indipendenti con servizio ambulatoriale ed è inevitabile che, occupandosi della stessa specialità medica ed essendo organizzate nell’ambito di un Servizio Sanitario Nazionale Unificato, esse abbiano in comune sia taluni metodi di cura, sia alcune procedure amministrative....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/m/una-mente-per-uccidere-pd-james/

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Nonostante lo stile descittivo di questa autrice mi piaccia, la storia mi ha molto deluso: c'è un morto, c'è il resoconto (lungo, lungo, lungo)delle deposizioni, c'è la conclusione. Tutto qui. Niente ...continua

    Nonostante lo stile descittivo di questa autrice mi piaccia, la storia mi ha molto deluso: c'è un morto, c'è il resoconto (lungo, lungo, lungo)delle deposizioni, c'è la conclusione. Tutto qui. Niente indagini da fare, niente complicazioni, niente di niente. C'è - troppo presto - il lampo di genio, subito dimostrato e zac! La storia è finita.

    ha scritto il 

  • 3

    Giallo classico che più classico non si può: non c’è parola che venga scritta che non abbia un suo perché giallistico, non c’è particolare che non trovi la sua spiegazione. Parto quindi da un pregiudi ...continua

    Giallo classico che più classico non si può: non c’è parola che venga scritta che non abbia un suo perché giallistico, non c’è particolare che non trovi la sua spiegazione. Parto quindi da un pregiudizio favorevole ed ho letto il libro abbastanza con piacere. Però … è piuttosto moscetto, a tratti addirittura un po’ noioso, difficile ricordare i personaggi che sono assai poco caratterizzati e dopo un andamento esageratamente lento il finale è assai affrettato. Insomma: così così.
    (da vecchia correttrice di bozze non posso non notare che l’edizione che ho letto è piena di refusi ben oltre il tollerabile)

    ha scritto il 

  • 3

    Fino a metà il romanzo è un po' noioso, troppo descrittivo....poi verso la fine inizia a diventare piu' interessante....comunque sicuramente c'è di meglio tra i gialli di P.D.James

    ha scritto il