Una storia semplice

Di

Editore: CDE su licenza Adelphi

4.0
(3389)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 66 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000019428 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Una storia semplice?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    «L'italiano non è l'italiano: è il ragionare» disse il professore. «Con meno italiano, lei sarebbe forse ancora più in alto».

    Semplice questa storia lo è solo all'apparenza.
    In realtà è un racconto molto complesso, breve ma con un epilogo così immediato da lasciar di stucco perché il testo, così essenziale, non mi ha permess ...continua

    Semplice questa storia lo è solo all'apparenza.
    In realtà è un racconto molto complesso, breve ma con un epilogo così immediato da lasciar di stucco perché il testo, così essenziale, non mi ha permesso neanche di farmi un’idea di quanto stava succedendo.
    Quanta intensità in poche pagine!

    ha scritto il 

  • 4

    Un'opera breve ed essenziale. È lo Sciascia di sempre: lo stile si presenta semplice ma brioso; i personaggi si dimostrano ben definiti, ma complessi; la storia, articolata e piena di snodi apparenti, ...continua

    Un'opera breve ed essenziale. È lo Sciascia di sempre: lo stile si presenta semplice ma brioso; i personaggi si dimostrano ben definiti, ma complessi; la storia, articolata e piena di snodi apparenti, esplode in un rigurgito di immediati ed efficaci colpi di scena finali.
    Esemplare.

    ha scritto il 

  • 5

    Ultimo libro di Leonardo Sciascia, pubblicato nel 1989 . Ambientato nella Sicilia degli anni '80 , periodo storico particolare, proprio per questo motivo , una storia semplice è un romanzo molto compl ...continua

    Ultimo libro di Leonardo Sciascia, pubblicato nel 1989 . Ambientato nella Sicilia degli anni '80 , periodo storico particolare, proprio per questo motivo , una storia semplice è un romanzo molto complesso . Come sempre , la grandezza di Sciascia è , che riesce racchiudere in poche pagine , un messaggio chiaro e forte . In questo racconto non si concentra a denunciare la presenza delle mafie, ma va sottolineare il clima di connivenza dei suoi abitanti, e il loro menefreghismo, la loro indifferenza per la criminalità. E i pochi che vorrebbero denunciare i colpevoli , si ritrovano incastrati nella folle burocrazia dello stato . Trovo questo piccolo capolavoro , purtroppo , ancora molto attuale .

    ha scritto il 

  • 5

    66 pagine per raccontare un mondo

    Questo è il primo libro che leggo di Sciascia e ed è anche l'ultimo romanzo che ha scritto. Ho cominciato dalla fine, magari adesso andrò a ritroso. L'ho trovato assolutamente delizioso sotto ogni pun ...continua

    Questo è il primo libro che leggo di Sciascia e ed è anche l'ultimo romanzo che ha scritto. Ho cominciato dalla fine, magari adesso andrò a ritroso. L'ho trovato assolutamente delizioso sotto ogni punto di vista. La scrittura secca e asciutta, ma così studiata, mi ha affascinato. La trama è tutt'altro che semplice e racchiude una denuncia verso una realtà molto complessa. Il romanzo infatti lascia in sospeso diverse questioni, e il finale amaro apre una finestra su una considerazione importante: dobbiamo essere noi i primi a cambiare la società.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Dal mio blog: https://lemieletturecommentate.wordpress.com

    Sciascia abbinato a Toni Servillo, un binomio vincente ☆☆☆☆

    ***ATTENZIONE! SPOILER SULLA TRAMA***

    Un gioiello della letteratura gialla, dove tramite il giallo si realizza un aquadro perfetto della s ...continua

    Sciascia abbinato a Toni Servillo, un binomio vincente ☆☆☆☆

    ***ATTENZIONE! SPOILER SULLA TRAMA***

    Un gioiello della letteratura gialla, dove tramite il giallo si realizza un aquadro perfetto della società. Si tratta di un racconto molto breve che ho avuto la fortuna di ascoltare letto dalla voce di Toni Servillo nei podcast di Ad alta voce di Radio Tre.

    In queste poche righe e si narra di come spesso sono gli insospettabili ad essere quelli con le mani sporche, in questo caso un commissario, un prete e chissà ancora chi...Si pone l'accento sull'abito che non fa il monaco ma che inganna sulla reale natura umana di chi lo indossa quell'abito. Si evidenzia come la criminalità sia mimetizzata in ogni strato sociale, anche nella fascia di persone deputate alla salvezza di anime e corpi della popolazione.

    Si evidenzia anche, e soprattutto, come questa criminalità che si infiltra in ogni categoria di cariche pubbliche renda il comune cittadino pavido e omertoso, la denuncia porta sempre a complicazioni che fanno desistere dicendo «E che, vado di nuovo a cacciarmi in un guaio, e più grosso ancora?».

    CITAZIONE:

    «Posso permettermi di farle una domanda?... Poi gliene farò altre, di altra na-tura... Nei componimenti d'italiano lei mi assegnava sempre un tre, perché copiavo. Ma una volta mi ha dato un cinque: perché?».
    «Perché aveva copiato da un autore più intelligente».
    Il magistrato scoppiò a ridere. «L'italiano: ero piuttosto debole in italiano. Ma, come vede, non è poi stato un gran guaio: sono qui, procuratore della Repubbli-ca...».
    «L'italiano non è l'italiano: è il ragionare» disse il professore. «Con meno ita-liano, lei sarebbe forse ancora più in alto».

    ha scritto il 

  • 1

    Con gran rammarico devo dire che ho faticato tantissimo nella lettura di questo romanzo. MI dispiace tanto perché ho iniziato le letture di Sciascia con grande entusiasmo e mi rendo conto di non esser ...continua

    Con gran rammarico devo dire che ho faticato tantissimo nella lettura di questo romanzo. MI dispiace tanto perché ho iniziato le letture di Sciascia con grande entusiasmo e mi rendo conto di non essere all'altezza per apprezzarne il valore. Andrò avanti con gli altri, sperando di recuperare sulla mia autostima...

    ha scritto il 

  • 3

    Non c'è il maggiordomo...

    ...ma l'assassino lo si troverà lo stesso?
    Breve racconto giallo, non male, ma tutto sommato gli lascio un giudizio appena buono. Non è il mio genere.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per