Uno scrittore pomeridiano

Intervista sull'arte della narrativa

Di

Editore: Minimum Fax

4.0
(16)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 73 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8887765863 | Isbn-13: 9788887765861 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Testa ; Curatore: William Weaver , Damien Pettigrew ; Contributi: Pietro Citati

Ti piace Uno scrittore pomeridiano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    se un pomeriggio d'inverno uno scrittore

    aveva la tendenza a innamorarsi delle parole straniere. all'epoca in cui weaver, suo storico traduttore e autore di questo libello-intervista, lavorava su palomar, rimase affascinato da feedback. cont ...continua

    aveva la tendenza a innamorarsi delle parole straniere. all'epoca in cui weaver, suo storico traduttore e autore di questo libello-intervista, lavorava su palomar, rimase affascinato da feedback. continuava a inserirlo nelle bozze in inglese, e weaver con tatto continuava a toglierlo. perversione a parte, era troppo attento al suono delle parole per pensare che non sarebbe inorridito oggi di fronte al tremendo masstige: termine con cui il marketing indica quei prodotti di lusso (prestige) che hanno una distribuzione di massa.
    eppure calvino questo era, ed è. uno scrittore complesso (pietro citati nel ricordo iniziale lo definisce «la più complicata, la più avvolgente, la più sinuosa, la più labirintica mente che uno scrittore italiano moderno abbia posseduto») capace di arrivare con leggerezza a un grande pubblico. anche perché - e leggendo questa sorta di compendio delle regole d'ingaggio tra lui e l'arte della narrazione lo si comprende, sorridendo spesso - la sua levità era frutto di un incontentabile lavoro di correzione e cancellatura. scriveva per lo più di pomeriggio, perché la mattina perdeva tempo nelle faccende della vita mentre la notte voleva dormire. e aveva una precisione di stampo quasi protestante che lo rendeva intollerante verso l'italia più irresponsabile e sciatta. faceva calvino di cognome, mica per niente.

    ha scritto il 

  • 3

    Non una recensione, ma solo un paio di citazioni dal piccolo libro:
    1. L'atto di scrivere è una funzione che diviene efficace solo se consente di esprimere la propria interiorità.
    2. Ormai sono giunto ...continua

    Non una recensione, ma solo un paio di citazioni dal piccolo libro:
    1. L'atto di scrivere è una funzione che diviene efficace solo se consente di esprimere la propria interiorità.
    2. Ormai sono giunto a credere che le cose importanti si ottengono soltanto attraverso processi molto lenti.

    ha scritto il 

  • 4

    Anche se Anobii lo attribuisce a Calvino, trattasi in realtà di una bella intervista di William Weaver - il traduttore in lingua inglese dello scrittore - allo stesso Calvino , commissionata dalla Par ...continua

    Anche se Anobii lo attribuisce a Calvino, trattasi in realtà di una bella intervista di William Weaver - il traduttore in lingua inglese dello scrittore - allo stesso Calvino , commissionata dalla Paris Review, più alcuni ricordi sparsi e aneddotica varia. E' piccolo, costa poco e di/su/per/tra/fra Calvino non si butta mai via niente.

    ha scritto il